Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un uomo della Florida ha fatto causa alla General Motors e alla LexisNexis per la vendita dei suoi dati Cadillac

Un uomo della Florida ha fatto causa alla General Motors e alla LexisNexis per la vendita dei suoi dati Cadillac

Quando Romeo Chico ha provato a ottenere un'assicurazione auto a dicembre, gli è stato negato da sette diverse compagnie. Quando alla fine ottenne l'assicurazione, la tariffa era quasi doppia rispetto a quella pagata in precedenza. Secondo una denuncia federale presentata questa settimana chiedendo lo status di class action, è stato perché la sua Cadillac XT6 del 2021 lo stava spiando.

Le auto moderne sono chiamate “smartphone su ruote”, perché sono connesse a Internet e piene di sensori e fotocamere. Secondo la denuncia, un cliente di Liberty Mutual ha detto al signor Chico che sarebbe stato rifiutato a causa delle informazioni contenute nel suo “Rapporto LexisNexis”. LexisNexis Risk Solutions, un broker di dati, ha tradizionalmente monitorato le compagnie di assicurazione per violazioni del codice stradale, precedenti coperture assicurative e incidenti.

Quando il signor Chico ha richiesto il suo file LexisNexis, conteneva i dettagli di 258 viaggi che aveva fatto con la sua Cadillac negli ultimi sei mesi. La sua cartella include la distanza percorsa, l'inizio e la fine dei viaggi e una dichiarazione di velocità e frenate o accelerazioni brusche. I dati sono stati forniti da General Motors, il produttore dell'auto Cadillac.

In una denuncia contro General Motors e LexisNexis Risk Solutions depositata presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto meridionale della Florida, Chico ha accusato le società di violare le leggi sulla privacy e sulla protezione dei consumatori. La causa arriva sulla scia di un rapporto del New York Times secondo cui le case automobilistiche, all’insaputa dei consumatori, stavano condividendo informazioni sul loro comportamento di guida con il settore assicurativo, portando ad un aumento delle tariffe assicurative per alcuni conducenti. LexisNexis Risk Solutions e un altro broker di dati chiamato Verisk affermano di avere comportamenti di guida reali di milioni di automobili.

READ  Oro a $ 4.000? Gli analisti condividono le loro previsioni sui prezzi per il 2023

Nella sua denuncia, il signor Chico ha affermato di aver contattato ripetutamente GM e LexisNexis per chiedere perché i suoi dati venivano raccolti senza il suo consenso. Alla fine gli è stato detto che i suoi dati erano stati inviati tramite OnStar – la società di servizi connessi di GM, citata anche nella causa – e che si era iscritto al programma Smart Driver di OnStar, una funzionalità per il feedback del conducente e badge digitali per una buona guida.

Il signor Chico ha detto di non essersi iscritto a OnStar o Smart Driver, sebbene avesse scaricato MyCadillac, un'app della General Motors, per la sua auto.

“Quello che nessuno può dirmi è come ci sono arrivato”, ha detto il signor Chico al Times in un'intervista questo mese. “Puoi dirmi quante volte hai accelerato forte il 30 gennaio tra le 6:00 e le 8:00, ma non puoi dirmi come l'hai cronometrato?”

La portavoce di GM Mallory Lucic aveva precedentemente affermato che i clienti si erano iscritti a SmartDriver nella loro app per auto connessa o presso la concessionaria e che era prevista una disposizione per OnStar. Informativa sulla Privacy Ha spiegato che i loro dati potrebbero essere condivisi con “terze parti”. Quando le è stato chiesto della causa, ha detto via e-mail che la società stava “esaminando il reclamo” e non ha rilasciato commenti, indicando invece una dichiarazione che la società aveva precedentemente rilasciato su OnStar Smart Driver.

“Il servizio OnStar Smart Driver di GM è facoltativo per i clienti”, si legge nella nota. “I vantaggi per i clienti includono l'apprendimento di maggiori informazioni sui comportamenti di guida sicuri o sulle prestazioni del veicolo che, con il loro consenso, possono essere utilizzati per ottenere preventivi assicurativi. I clienti possono anche annullare l'iscrizione a Smart Driver in qualsiasi momento.

READ  Elon Musk entra a far parte del consiglio di amministrazione di Twitter

LexisNexis Risk Solutions, che in precedenza aveva affermato di aver analizzato il tipo di dati di guida trovati da Chico nel suo file per creare un punteggio di rischio che poi ha venduto agli assicuratori, ha rifiutato di commentare.

“Non avrei mai dato il permesso di pubblicare quei dati”, aveva detto in precedenza Chico. Quando è stato contattato dopo la presentazione della causa, ha affermato di non avere commenti.

I dati di guida che le aziende stavano raccogliendo erano considerati altamente sensibili, il che significa che doveva esserci un “chiaro avviso” ai consumatori e un consenso esplicito alla loro raccolta, ha affermato David Vladeck, professore di diritto della Georgetown University che in passato dirigeva il Consumer Protection Bureau della Federal Trade Commission. E vendere.

Vladeck ha detto che si aspetta un'indagine da parte della Federal Trade Commission, nonché azioni legali da parte dei consumatori contro case automobilistiche e intermediari di dati.

“Aspetta solo la valanga”, ha detto. “egli sta arrivando.”