Ottobre 1, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una storia su uno strano “interruttore magico” al MIT

Una storia su uno strano "interruttore magico" al MIT

File di glossario è “un compendio completo di gergo hacker che illumina molti aspetti della tradizione, del folklore e dell’umorismo”. La prima copia è stata compilata nel 1975 da uno scienziato informatico della Stanford University di nome Raphael Fink. È stato mantenuto da molte persone e ospitato su diversi computer nel corso degli anni, ma negli ultimi decenni la versione canonica è stata curata da Eric Raymond (autore dell’autorevole articolo “”La cattedrale e il bazar“).

Alcuni anni fa, io (GLS) stavo camminando intorno agli armadi che ospitavano il PDP-10 del MIT AI Lab e ho notato un piccolo interruttore che si attaccava al telaio di un armadio. Apparentemente era un post di casa, aggiunto da un hacker hardware in laboratorio (nessuno sa chi).

Non toccare un tasto sconosciuto sul tuo computer senza sapere cosa sta facendo, perché potresti causare il crash del tuo computer. La chiave è stata nominata in un modo molto inutile. Aveva due posizioni e scarabocchiate a matita sul corpo della chiave di metallo c’erano le parole “magic” e “more magic”. L’interruttore era nella posizione “più magica”.

Ho contattato un altro hacker per esaminarlo. Neanche lui aveva mai visto l’interruttore prima. Un’ispezione ravvicinata ha rivelato che l’interruttore aveva solo un filo in esecuzione su di esso! L’altra estremità del filo è scomparsa nel labirinto di fili all’interno del computer, ma è un fatto fondamentale dell’elettricità che un interruttore non può fare nulla a meno che non ci siano due fili collegati ad esso. Questo interruttore ha un filo attaccato su un lato e nessun filo sull’altro.

READ  Il dibattito su acqua e laghi su Marte sta diventando sempre più interessante

Era ovvio che questo passaggio fosse l’idea di qualcuno di uno scherzo sciocco. Convinti dalla nostra logica che l’interruttore fosse rotto, lo abbiamo girato. Il computer va in crash all’istante.

Immagina la nostra totale sorpresa. L’abbiamo cancellato come una coincidenza, ma siamo comunque tornati alla modalità “Più magia” prima di riattivare il computer.

Un anno dopo, ho raccontato questa storia a un altro hacker, David Moon, se ben ricordo. Apparentemente dubitava della mia sanità mentale, sospettava la mia fede soprannaturale nel potere di questa chiave, o forse pensava che lo stessi ingannando con un’epica illusoria. Per dimostrarglielo, gli ho mostrato la chiave stessa, che è ancora attaccata al telaio dell’armadio con un solo filo attaccato, ed è ancora nella posizione “più magica”. Abbiamo controllato l’interruttore e la sua unica connessione e abbiamo scoperto che l’altra estremità del cavo, mentre era collegata ai cavi del computer, era collegata a una vite di messa a terra. Questo ovviamente rendeva l’interruttore doppiamente inutile: non solo era elettricamente inutilizzabile, ma era fissato in un punto in cui non poteva comunque influire su nulla. Quindi abbiamo girato l’interruttore.

Il computer va in crash all’istante.

Questa volta abbiamo corso con Richard Greenblatt, un hacker veterano del MIT, che ci è tornato utile. Neanche l’interruttore è stato notato prima. Ha controllato, ha concluso che era inutile, ha ottenuto alcuni ritagli diagonali e disgustoso All’estero. Poi abbiamo rianimato il computer e da allora ha funzionato bene.

Non sappiamo ancora come la chiave abbia funzionato male il dispositivo. C’è una teoria secondo cui alcuni circuiti vicino al pin di massa erano spuri e che ruotando l’interruttore la capacità elettrica cambiava abbastanza da causare un disturbo nel circuito mentre gli impulsi di milionesimo di secondo lo attraversavano. Ma non lo sapremo per certo; Tutto ciò che possiamo davvero dire è che il passaggio è stato Fascino.

READ  Il telescopio Webb raggiunge un traguardo importante: tutta la sua luce in un unico posto

Ho ancora questa chiave nel mio seminterrato. Forse sono sciocco, ma di solito lo tengo a “più magia”.

1994: Da allora è stata offerta un’altra spiegazione per questa storia. Si noti che il corpo della chiave era in metallo. Si supponga che il lato scollegato del trasformatore sia stato collegato al corpo del trasformatore (di solito il corpo è collegato a una maniglia di messa a terra separata, ma ci sono delle eccezioni). Il corpo è collegato al case del computer, che si presume sia collegato a terra. Ora la terra del circuito all’interno del dispositivo non è necessariamente allo stesso potenziale della massa del case, quindi ruotando l’interruttore si collega la terra del circuito alla terra del case provocando una caduta/salto di tensione che provoca il ripristino del dispositivo. Questo è stato probabilmente scoperto da qualcuno che ha capito a proprie spese che c’era una potenziale differenza tra i due, e poi ha agganciato la chiave per scherzo.