Aprile 24, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Una volta su un milione di anni” – Gli scienziati scoprono strani fossili di dinosauri dal becco d'anatra in Marocco

“Una volta su un milione di anni” – Gli scienziati scoprono strani fossili di dinosauri dal becco d'anatra in Marocco

Il becco del bata aveva le dimensioni di un pony (3-4 metri di lunghezza) e somigliava molto alle specie europee di dinosauri dal becco d'anatra. Credito: Raúl Martin

Un team internazionale di scienziati ha scoperto fossili di dinosauri dal becco d'anatra delle dimensioni di un pony provenienti dal Marocco. La loro analisi rivela una relazione sorprendente tra i dinosauri in Europa e in Africa.

Come sono finiti in Marocco i dinosauri dal becco d'anatra, un gruppo che si è evoluto in Nord America? Alla fine di Periodo Cretaceo Circa 66 milioni di anni fa, l’innalzamento del livello del mare e la disgregazione del supercontinente Pangea resero l’Africa un continente insulare isolato. Era circondato dall'acqua su tutti i lati.

Diversi anni fa, i resti di un membro della famiglia dei dinosauri dal becco d’anatra – un gruppo che si è evoluto in Nord America – sono stati trovati in Africa, sollevando la questione di come siano arrivati ​​lì.

Nuovi spunti da rapporti scientifici

Ora, un nuovo studio pubblicato su Rapporti scientifici Rivela che non solo i becchi d'anatra riuscirono ad attraversare il mare della Tetide, ma diventarono estremamente diversificati una volta colonizzata l'Africa, con almeno tre esemplari. Classificare Abitava il Nord Africa alla fine del periodo Cretaceo.

Gli scavi in ​​Marocco rivelano una nuova specie di dinosauro dal becco d'anatra. Sono diventati a beccoEra lungo circa 3-4 metri e pesava circa 250 kg, più o meno le dimensioni di un puledro. Sebbene l'animale fosse piccolo per gli standard del becco d'anatra, le ossa del cranio erano strettamente unite tra loro, indicando che era maturo.

Fossile di cervello di becco d'anatra

Fossile di cervello di becco d'anatra. Credito: dottor Nick Longrich

L'anatomia del nuovo becco d'anatra somiglia molto a quella della specie europea, suggerendo che abbia nuotato o galleggiato attraverso diverse centinaia di chilometri di acque libere per colonizzare il Nord Africa. Inoltre, ossa più grandi indicano la presenza di una terza specie, più grande, lunga circa 5-6 metri.

READ  Artemis I. è arrivato il giorno del lancio!

Lo studio è stato condotto dal dottor Nicholas Longrich del Dipartimento di Scienze della Vita e dal Centro Milner per l'Evoluzione dell'Università di Bath, Xavier Pereda-Superbiola dell'Università dei Paesi Baschi, Nathalie Bardet del Museo Nazionale di Storia Naturale e Noereddine Jalil, del Museo Nazionale di Storia Naturale e del Museo di Storia Naturale di Marrakesh, Università Cadi Ayyad.

Comprendere il pata dal becco e il suo ecosistema

Il nuovo dinosauro ha un nome Sono diventati a becco (In arabo significa rispettivamente “becco” e “anatra”). Rostralmente Assomiglia molto all'unico becco d'anatra africano precedentemente conosciutoUlisse, uno stranieroMa la forma delle mascelle e dei denti è caratteristica, indicando che si trattava di una specie diversa, forse occupante una nicchia ecologica diversa.

entrambi Rostralmente E Straniero Facevano parte della sottofamiglia Lambeosaurinae, un gruppo di becchi d'anatra noti per le loro elaborate creste sulla testa. Questi picchi non erano solo per lo spettacolo; Aveva lunghi passaggi nasali che potevano risuonare come un corno.

“Questi erano probabilmente animali molto vocali”, ha detto il dottor Longrich, che ha condotto lo studio. “Gli uccelli moderni vocalizzano per trovare compagni o per pubblicizzare territori specifici. Ma emettono rumori particolarmente forti negli stormi: uno stormo di fenicotteri o una colonia di pellicani nidificanti è molto rumoroso e comunica costantemente.

“Quindi è probabile che questi uccelli, come gli uccelli, fossero animali sociali”.

Anche il cervello è grande per gli standard dei dinosauri, una caratteristica associata ad animali sociali come corvi e primati.

“Potrebbero esserci stati stormi molto rumorosi – o mandrie se preferisci – di questi piccoli uccelli dal becco d'anatra che vagavano per le coste del Marocco 66 milioni di anni fa”, ha detto il dottor Longrich.

READ  Una navicella spaziale su Marte ha intravisto qualcosa che gli scienziati non pensavano di vedere

Rostralmente Era un animale giovane, ma le ossa che circondano il cervello sono strettamente legate tra loro e parzialmente fuse, indicando che si trattava di un animale adulto completamente sviluppato. Altre specie marocchine, StranieroAveva più o meno la stessa dimensione. Il team ha studiato anche ossa più grandi, tra cui l'osso del braccio e il femore, suggerendo l'esistenza di una terza specie più grande.

“Non solo i becchi d'anatra furono in grado di raggiungere l'Africa alla fine del Cretaceo, ma una volta fatto, si evolsero rapidamente per sfruttare le nicchie aperte e diversificarsi”, ha detto Longrich.

L'importanza della scoperta

Alla fine del Cretaceo, il livello del mare era alto, sommergendo la maggior parte dei continenti, e le masse terrestri della Terra erano frammentate dalla disgregazione della Pangea e dalla deriva dei continenti. Questo è ciò che ha fatto sì che l’Africa galleggiasse solitaria nell’oceano, un continente insulare come la moderna Australia. Ma i dinosauri dal becco d’anatra, che si sono evoluti molto tempo dopo che le connessioni terrestri furono interrotte, riuscirono in qualche modo a raggiungere l’Africa.

“È estremamente improbabile che i dinosauri abbiano potuto attraversare le acque per raggiungere l'Africa, ma improbabile non è la stessa cosa che impossibile”, ha detto Longrich. “Dato abbastanza tempo, l'improbabile diventa possibile. Acquista un biglietto della lotteria ogni giorno e, se aspetti, abbastanza a lungo, vincerai.

“Queste traversate oceaniche potrebbero verificarsi una volta ogni milione di anni, ma il periodo Cretaceo durò circa 100 milioni di anni. Molte cose strane sarebbero accadute in quel periodo, compresi i dinosauri che attraversavano i mari.

Notò che a volte gli animali moderni sono stati visti compiere viaggi insoliti nell'oceano. Un'iguana dell'uragano si è arenata nei Caraibi e si è riversata su un'altra isola a centinaia di chilometri di distanza. Una tartaruga dell'isola di Aldabra è stata trascinata in mare e portata a riva in Tanzania, a 700 chilometri di distanza. Cervi, elefanti e ippopotami nuotavano fino a Creta durante l'era glaciale.

READ  Il supervulcano della California si sta preparando ad esplodere? Gli scienziati hanno identificato più di 2.000 terremoti nella Caldera della Long Valley che ritengono siano "precursori di un'eruzione".

“Questo becco d'anatra è probabilmente la scoperta più sorprendente della mia carriera”, ha detto Longrich. “Se mi chiedi che tipo di dinosauri troviamo in Africa, il becco d’anatra è l’ultima cosa che avrei immaginato, per non parlare di tre specie.

“C'è ancora molto di sconosciuto nella documentazione sui fossili, ma se non ci fosse, non avremmo bisogno di continuare a collezionare fossili.”

Il dottor Noereddine Jalil del Museo di Storia Naturale di Parigi e dell’Università Cadi Ayyad ha dichiarato: “Il fosfato del Marocco fornisce nuove immagini della biodiversità passata in un periodo chiave della storia della vita, seguito dai momenti finali dell’era dei dinosauri. Con la diversità dei mammiferi, annunciando una nuova era.

Rostralmente I suoi parenti sono giocatori la cui presenza nel continente africano in quel periodo, qualche anno fa, non avremmo dato per scontato.

“Nonostante la loro origine marina, questi fosfati marocchini contengono anche tracce di fosfato Vertebrati che viveva sulla terra. È una delle poche finestre sugli ecosistemi terrestri dell'Africa. I resti di dinosauri indicano una grande diversità, con tutti e tre i principali gruppi di dinosauri rappresentati, vale a dire carnivori abelisauridi, erbivori sauropodi e ornitischi.

Riferimento: “Un nuovo piccolo dinosauro dal becco d'anatra (Hadrosauridae: Lambeosaurinae) dal Marocco e diversità di dinosauri nel Nord Africa del tardo Maastrichtiano” di Nicholas R. Longrich, Xavier Pereda-Superbiola, Nathalie Bardet e Noereddine Jalil, 13 febbraio 2024, Rapporti scientifici.
doi: 10.1038/s41598-024-53447-9

Lo studio è stato finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dal Ministero della Scienza e dell'Innovazione.