Luglio 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un puzzle emozionante déjà vu

Un puzzle emozionante déjà vu

Il déjà vu, la sensazione in cui le persone si sentono come se stessero sperimentando qualcosa, è stato argomento di curiosità per molti. Recenti ricerche scientifiche suggeriscono che questo fenomeno potrebbe derivare dalla somiglianza spaziale tra una nuova scena e un ricordo non recuperato. Diversi studi, compresi quelli che utilizzano la realtà virtuale, mirano a rivelare di più sulle cause del déjà vu. Credito: SciTechDaily.com

Cos’è il déjà vu? Gli psicologi esplorano quella sensazione inquietante che hai già vissuto in passato.

Hai mai avuto quella strana sensazione che hai? Ho vissuto la stessa identica situazione primaAnche se questo è impossibile? A volte può sembrare di rivivere qualcosa che è realmente accaduto. Questo fenomeno, Noto come déjà vuHa sconcertato i filosofi, NeurologiE il libro A molto tempo.

A partire dalla fine del XIX secolo, Molte teorie stanno iniziando ad emergere Riguardo a ciò che potrebbe causare un déjà vu, che in francese significa “già visto”. La gente pensava che potesse essere stato causato da un disturbo mentale o forse da qualche tipo di problema al cervello. O forse si è trattato di un temporaneo intoppo nel normale funzionamento della memoria umana. Tuttavia, l’argomento ha raggiunto il mondo della scienza solo di recente.

Passando dal paranormale allo scientifico

All’inizio di questo millennio, uno scienziato di nome Alan Brown decise di condurre un esperimento Una revisione di tutto ciò che i ricercatori hanno scritto sul déjà vu Fino a quel momento. Gran parte di ciò che riuscì a trovare aveva un sapore soprannaturale, avendo a che fare con il soprannaturale – cose come vite passate o abilità psichiche. Ma ha anche trovato studi che intervistavano persone comuni riguardo alle loro esperienze passate. Da tutte queste ricerche, Brown è riuscito a trarre alcune conclusioni fondamentali sul fenomeno del déjà vu.

READ  Il primo sbarco sulla Luna americano dal 1972 è previsto oggi mentre la navicella spaziale si avvicina alla superficie lunare

Ad esempio, Brown ha stabilito che circa due terzi delle persone sperimentano il déjà vu ad un certo punto della loro vita. Ha stabilito che il fattore scatenante più comune per il déjà vu è una scena o un luogo, e il successivo fattore scatenante più comune è la conversazione. Ha anche riportato indizi di oltre un secolo circa nella letteratura medica su un possibile legame tra déjà vu e alcuni tipi di attività convulsiva nel cervello.

La recensione di Brown ha portato il tema del déjà vu nel regno della scienza ufficiale, perché è apparso in una rivista scientifica che gli scienziati che studiano la percezione tendono a leggere, e anche In un libro Puntare agli scienziati. Il suo lavoro è servito da incentivo per gli scienziati a progettare esperimenti per indagare sul déjà vu.

Concept art déjà vu

Forse la disposizione del nuovo posto è molto simile a quella di un altro posto in cui sei stato, ma non lo ricordi consapevolmente. Credito: SciTechDaily.com

Test Déjà vu nel laboratorio di psicologia

Spinto dal lavoro di Brown, il mio gruppo di ricerca ha iniziato a condurre esperimenti volti a testare ipotesi sui potenziali meccanismi del déjà vu. Noi Indagare su un’ipotesi vecchia di quasi un secolo Si suggerisce che il déjà vu possa verificarsi quando c’è una somiglianza spaziale tra una scena attuale e una scena che non è stata richiamata nella memoria. Gli psicologi chiamano questa teoria l’ipotesi dell’intimità della Gestalt.

Ad esempio, immagina di passare davanti alla stazione di cura di un’unità ospedaliera mentre vai a visitare un amico malato. Anche se non sei mai stato in questo ospedale prima, provi questa sensazione. La ragione di questa esperienza di déjà vu potrebbe essere che la disposizione della scena, compreso il posizionamento di mobili e oggetti specifici all’interno dello spazio, ha la stessa disposizione di una scena diversa che hai vissuto in passato.

READ  SpaceX lancia un razzo Falcon 9 con i satelliti Starlink dalla base spaziale di Vandenberg - Spaceflight Now

Forse il modo in cui è posizionata la postazione infermieristica (i mobili, gli oggetti sul tavolo, il modo in cui si collega agli angoli del corridoio) è lo stesso in cui è stato organizzato un gruppo di tavoli di benvenuto in relazione alla segnaletica e ai mobili nel corridoio. all’ingresso di un evento scolastico a cui ho partecipato un anno fa. Secondo l’ipotesi della familiarità della Gestalt, se non ti viene in mente questa situazione passata con un design simile alla situazione attuale, potresti rimanere solo con una forte sensazione di familiarità con la situazione attuale.

Per verificare questa idea in laboratorio, il mio team ha utilizzato la realtà virtuale per posizionare le persone all’interno delle scene. In questo modo possiamo manipolare gli ambienti in cui le persone si trovano: alcune scene condividono la stessa disposizione spaziale pur essendo diverse. Come previsto, Era probabile che si verificasse un déjà vu Quando i soggetti si trovavano in una scena che conteneva la stessa disposizione spaziale degli elementi di una scena precedente, avevano visto ma non ricordavano.

Questa ricerca suggerisce che un fattore che contribuisce al déjà vu potrebbe essere la somiglianza spaziale di una nuova scena con una scena nella memoria che non può essere richiamata consapevolmente alla mente in questo momento. Ciò però non significa che la somiglianza spaziale sia l’unica causa del déjà vu. È molto probabile che molti fattori contribuiscano a rendere familiare una scena o una situazione. Sono in corso ulteriori ricerche per indagare su possibili ulteriori fattori che svolgono un ruolo in questo misterioso fenomeno.

READ  Un video incredibile mostra una meteora che brilla nel cielo della Pennsylvania

Scritto da Anne Cleary, professoressa di psicologia cognitiva alla Colorado State University.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta in Conversazione.Conversazione