Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Uno studio ha scoperto che esiste più di un modo per mummificare un dinosauro

Edmontosauro .”/>
Ingrandire / Ricostruisci la vita a colori per Edmontosauro.

Raramente c’è tempo per scrivere di ogni grande storia scientifica che ci viene incontro. Quindi quest’anno pubblichiamo ancora una volta una serie di post speciali “I dodici giorni di Natale”, mettendo in evidenza una storia scientifica che è caduta nel dimenticatoio nel 2022, ogni giorno dal 25 dicembre al 5 gennaio. Oggi: perché le mummie di dinosauri potrebbero non essere così rare come pensano gli scienziati

In determinate circostanze, i fossili di dinosauro possono includere una pelle eccezionalmente ben conservata, qualcosa che a lungo si pensava fosse raro. Ma i miei autori Carta di ottobre La pubblicazione sulla rivista PLoS ONE ha suggerito che queste “mummie” di dinosauri potrebbero essere più comuni di quanto si pensasse in precedenza, sulla base della loro analisi di un drosauro dal becco d’anatra mummificato con una pelle ben conservata che mostrava insoliti segni rivelatori di scavenging sotto forma di morso. segni.

In questo caso, il termine “mummia” si riferisce a fossili con pelle ben conservata e talvolta altri tessuti molli. come siamo ho accennato primaLa maggior parte dei fossili sono ossa, conchiglie, denti e altre forme di tessuto “duro”, ma occasionalmente vengono scoperti fossili rari che conservano tessuti molli come pelle, muscoli, organi o persino il bulbo oculare occasionale. Questo può dire molto agli scienziati sugli aspetti della biologia, dell’ecologia e dell’evoluzione di organismi così antichi che gli scheletri da soli non possono muoversi.

Ad esempio, l’anno scorso, Crea ricercatori Modello 3D altamente dettagliato di un fossile di ammonite di 365 milioni di anni Giurassico periodo combinando tecniche di imaging avanzate, rivelando i muscoli interni che non sono stati notati prima. Un altro team di ricercatori britannici Sono stati condotti esperimenti Ciò ha comportato l’osservazione delle carcasse di branzino morto marcire per saperne di più su come (e perché) i tessuti molli degli organi interni potrebbero essere conservati in modo selettivo nella documentazione fossile.

READ  Un uomo del Queensland di Bundaberg ha trovato $ 100.000 in diamanti mentre si tuffava da una nave da crociera

Nel caso delle mummie di dinosauri, è in corso un dibattito su quella che sembra essere una contraddizione centrale. Le mummie di dinosauri finora scoperte mostrano segni di due diversi processi di mummificazione. Il primo è la sepoltura rapida, dove il corpo viene rapidamente coperto e il processo di decomposizione avanzata viene notevolmente rallentato e i resti sono protetti dall’esumazione. Un altro percorso comune è la disidratazione, che richiede che il corpo rimanga esposto al paesaggio per un periodo di tempo prima della sepoltura.

L’esemplare in questione è lo scheletro parziale di Edmontosauro, un adrosauro dal becco d’anatra, è stato scoperto nella formazione Hell Creek nel North Dakota sudoccidentale ed è ora parte della collezione di fossili del North Dakota. Soprannominato “Dakota”, questo dinosauro mummificato ha mostrato prove di una rapida sepoltura e disidratazione. I resti sono stati studiati utilizzando vari strumenti e tecniche dal 2008. Gli autori del documento PLoS ONE hanno anche condotto una scansione trasversale della mummia, insieme a un’analisi granulometrica del sedimento circostante in cui è stato trovato il fossile.

C’erano prove di molteplici tagli e forature sulla parte anteriore e sulla coda, oltre a fori e graffi sul braccio e sulle ossa della mano e sulla pelle a forma di arco, molto simile alla forma dei denti di un coccodrillo. C’erano anche tagli a forma di V più lunghi sulla coda che avrebbero potuto essere causati da un predatore carnivoro più grande, come i giovani. ttirannosauro rex.

Il corso proposto di conservazione dei tessuti molli basato sul campione studiato.
Ingrandire / Il corso proposto di conservazione dei tessuti molli basato sul campione studiato.

Becky Barnes/Più uno

Gli autori hanno concluso che probabilmente c’era più di un percorso per la mummificazione dei dinosauri, risolvendo la controversia in un modo che non “richiedeva una sorprendente e improbabile convergenza di eventi”. In breve, potrebbero essere mummificati più resti di dinosauri di quanto si pensasse.

READ  L'astronauta della NASA ha detto che le tute di volo dei russi non erano una dichiarazione politica

Nel caso del Dakota, l’aspetto raggrinzito della pelle sopra le ossa sottostanti è stato osservato in altre mummie di dinosauri ed è stato anche ben documentato in recenti studi forensi. Gli autori ritengono che il Dakota sia stato “mummificato” attraverso un processo chiamato “essiccazione e restringimento”, che comporta uno scavenging incompleto, in cui le carcasse degli animali vengono svuotate mentre gli strumenti di spazzino e decompositore prendono di mira i tessuti interni, lasciando dietro di sé pelle e ossa. Pier David Bressan di ForbesQuesto è ciò che molto probabilmente è successo a Dakota:

Dopo la morte dell’animale, il suo corpo è stato probabilmente spazzato via da un gruppo di coccodrilli, la carcassa aperta nel suo stomaco e colonizzata da mosche e coleotteri, per ripulire le ossa e la pelle dalla carne in decomposizione. Una pulizia così incompleta avrebbe esposto i tessuti interni della pelle, dopodiché gli strati esterni si sarebbero lentamente asciugati. Le ossa sottostanti impediscono al guscio vuoto di restringersi troppo, preservando i dettagli fini della pelle squamosa. Infine, i resti mummificati furono ora sepolti sotto il fango, forse da un’improvvisa piena improvvisa, e i fluidi circolanti depositarono i minerali, sostituendo i restanti tessuti molli e mantenendo uno stampo nella roccia.

“Dakota non solo ci ha insegnato che i tessuti molli durevoli come la pelle possono essere preservati su cadaveri parzialmente contusi, ma che questi tessuti molli possono anche fornire una fonte unica di informazioni su altri animali che hanno interagito con il cadavere dopo la morte”. ha detto il coautore Clint Boydun paleontologo del North Dakota Geological Survey.

DOI: PLoS ONE, 2022. 10.1371/journal.pone.0275240 (A proposito di DOI).

READ  Un nuovo studio svela i segreti dell'addomesticamento dei cani