Dicembre 6, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Uno studio suggerisce che la circolazione di “acqua cerebrale” può significare che il nostro cervello usa l’aritmetica quantistica: ScienceAlert

Uno studio suggerisce che la circolazione di "acqua cerebrale" può significare che il nostro cervello usa l'aritmetica quantistica: ScienceAlert

Nel lavoro in corso per realizzare il pieno potenziale Statistica quantitativaGli scienziati possono provare a guardare il nostro cervello per vedere cosa è possibile: un nuovo studio suggerisce che il cervello ha davvero molto in comune con… computer quantistico.

I risultati possono insegnarci molto sulle funzioni dei neuroni e sulle basi della meccanica quantistica. La ricerca potrebbe spiegare, ad esempio, perché i nostri cervelli possono ancora superare i supercomputer in determinati compiti, come prendere decisioni o apprendere nuove informazioni.

Come per gran parte della ricerca sull’informatica quantistica, lo studio indaga l’idea di groviglio Due particelle separate in uno stato correlato

“Abbiamo adattato un’idea, sviluppata per esperimenti per dimostrare l’esistenza della gravità quantistica, per cui i sistemi quantistici conosciuti prendono il sopravvento e che interagiscono con un sistema sconosciuto”, Il fisico Christian Kerskens dice: dell’Università di Dublino.

“Se i sistemi conosciuti sono intrecciati, allora anche l’ignoto deve essere un sistema quantistico. Supera le difficoltà di trovare dispositivi di misurazione per qualcosa di cui non sappiamo nulla”.

In altre parole, l’entanglement o una relazione tra sistemi conosciuti può verificarsi solo se anche il sistema intermedio nel mezzo – il sistema sconosciuto – opera a livello quantistico. Sebbene il sistema sconosciuto non possa essere studiato direttamente, i suoi effetti possono essere osservati, Come con la gravità quantistica.

Ai fini di questa ricerca, i cicli protonici nell'”acqua cerebrale” (il fluido che si accumula nel cervello) funzionano come un sistema noto, con risonanza magnetica (risonanza magneticaScansioni utilizzate per misurare in modo non invasivo l’attività protonica. Lo spin di una particella, che ne determina le proprietà magnetiche ed elettriche, è una proprietà quantistica.

READ  SpaceX Falcon Heavy Rocket lancerà il telescopio spaziale romano della NASA

Attraverso questa tecnica, i ricercatori sono stati in grado di vedere segnali simili Potenziale da batticuoreQuesto è un tipo di segnale dell’elettroencefalogramma (EEG). Questi segnali di solito non possono essere rilevati da risonanza magneticae il pensiero è che siano apparsi perché la rotazione del protone nucleare nel cervello era intrecciata.

Le osservazioni del team richiedono la verifica tramite conferma tramite studi futuri in più campi scientifici, ma i risultati iniziali sembrano promettenti per eventi quantistici non classici nel cervello umano quando è attivo.

“Se l’entanglement è l’unica spiegazione possibile qui, significa che i processi cerebrali devono interagire con gli spin nucleari, con conseguente entanglement tra gli spin nucleari”, Kerskens dice:.

“Di conseguenza, possiamo concludere che queste funzioni cerebrali devono essere quantistiche”.

Le funzioni cerebrali che illuminano le letture della risonanza magnetica sono state anche associate alla memoria a breve termine e alla consapevolezza cosciente, e questo suggerisce che i processi quantistici, se questo è davvero, svolgono un ruolo importante nella cognizione e consapevolezza – consapevolezzasuggerisce Kerskens.

Ciò che i ricercatori devono fare dopo è saperne di più su questo sistema quantistico poco conosciuto nel cervello, e quindi potremmo capire appieno come funziona. computer quantistico che ci portiamo in testa.

I nostri esperimenti sono stati condotti a soli 50 metri dall’aula magna dove Schrödinger ha presentato il suo famoso libro pensieri sulla vitapuò far luce sui misteri della biologia e sulla coscienza che è così scientificamente difficile da comprendere”, Kerskens dice:.

La ricerca è stata pubblicata in Giornale di comunicazione di fisica.