Giugno 17, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Virgin Galactic solleva polemiche con Fossil Shipping Company

Virgin Galactic solleva polemiche con Fossil Shipping Company

Con una mossa che ha suscitato critiche significative da parte della comunità scientifica, una recente missione della Virgin Galactic ha trasportato due antichi fossili di ominidi ai margini dello spazio.

VSS è stato lanciato dallo Spaceport America nel New Mexico venerdì 8 maggio solitudine L’aereo spaziale trasportava frammenti di Australopithecus sediba E Homo naledi, le specie di ominidi sono fondamentali per comprendere l’evoluzione umana. Lungi dall’essere considerato un gesto scortese e inutile, gli scienziati sostengono che questo trucco è privo di fondamento scientifico e che trasportare i resti degli antenati umani in questo modo solleva, tra le altre cose, diverse questioni etiche. Quale solitudine In realtà non è riuscito ad arrivare nello spazio, cosa che non accade mai, il che aggiunge un certo grado di insulto a questa ferita.

Galactic 03, il quarto volo suborbitale della compagnia in altrettanti mesi, è iniziato alle 10:34 ET, ha raggiunto un’altitudine massima di 55 miglia (88,5 chilometri) e ha registrato una velocità massima di Mach 2,95 prima di atterrare nuovamente alle 11:36. Lo sono io. Tuttavia, vale la pena notare che la missione, nonostante il volo ad altitudini molto elevate, non ha attraversato la linea Kármán, il confine spaziale accettato a livello internazionale.

L’Università del Witwatersrand di Johannesburg (conosciuta anche come Wits University), coinvolta nella pianificazione dell’esercitazione, ha dichiarato in una dichiarazione sorprendente: comunicato stampa Che i fossili sono ora “gli astronauti più antichi che hanno viaggiato nello spazio”. Timothy Nash, miliardario e ambientalista sudafricano, era uno dei passeggeri solitudine Trasportò personalmente il prezioso carico durante il viaggio.

Il professor Lee Berger, direttore del Center for Exploring Human Deep Journey presso la Wits University e National Geographic Explorer-in-Residence, è una figura popolare ma controversa nel campo della paleoantropologia. Lui e il suo team lo hanno scoperto UN. Sediba Scavi nel sito fossile di Malaba in Sud Africa nel 2008, e H. Naledi Nel Rising Star Cave System, sempre in Sud Africa, nel 2013 e annunciato al mondo nel 2015.

Articoli Correlati: Il dibattito è finito Homo naledi In realtà è una buona cosa

Per Viaggio Galattico 03, Berger ha scelto una parte della clavicola, o clavicola, da UN. Sediba Un esemplare stimato avere due milioni di anni e l’osso di un pollice H. Naledi Fossile di circa 250 mila anni. Questi fossili erano conservati in modo sicuro in un tubo in fibra di carbonio. Berger portò personalmente i fossili allo Spaceport America, dove furono consegnati a Nash durante una cerimonia poco prima del volo.

READ  Una misteriosa esplosione radio veloce nello spazio ha uno schema di "battito cardiaco".

“Il viaggio di questi fossili nello spazio rappresenta l’apprezzamento dell’umanità per il contributo di tutti i suoi antenati e dei nostri antichi parenti”, ha osservato Berger nel comunicato stampa di Wits. “Senza la loro invenzione di tecnologie come il fuoco e gli strumenti, e il loro contributo all’evoluzione della mente umana moderna, imprese straordinarie come il volo spaziale non sarebbero avvenute”. Bernhard Zipfel, curatore delle collezioni di Wits, ha aggiunto che questi fossili sono tra i più documentati e sono stati resi disponibili a livello globale grazie a iniziative scientifiche e di accesso aperto.

Inutile dire che la missione Galactic 03 non è priva di detrattori, con molti scienziati che si chiedono lo scopo di un simile sforzo e se sia appropriato farlo alla luce di considerazioni scientifiche, culturali ed etiche.

Quando Chris Stringer ha visto il tweet di Berger (sopra) datato 1 settembre, ha pensato che il materiale fossile fosse diretto da qualche parte come un sincrotrone o un laboratorio di DNA, quindi ha messo un “mi piace” al tweet, ma poi altri hanno sottolineato che questi fossili erano stati rilasciati al limite dello spazio. “La mia prima reazione è stata l’incredulità che qualcuno potesse aver compiuto un’acrobazia così stupida e arrogante”, ha spiegato a Gizmodo via e-mail Stringer, un paleontologo umano del Museo di storia naturale di Londra. Si rese conto che Berger “ha effettivamente fatto questo e, inspiegabilmente, aveva il permesso istituzionale per farlo”.

Stringer ora teme che Berger “molto probabilmente perderà quella poca credibilità scientifica che gli è rimasta”, in riferimento a quanto accaduto di recente. eLife E le controversie sui documentari di Netflix (ne parleremo più in dettaglio Qui E QuiMa insomma, lo sostiene Berger H. Naledi Le pratiche di sepoltura basate sui ritrovamenti nella Caverna della Stella Nascente hanno generato notevoli controversie e attenzione da parte dei media all’inizio di quest’anno). «Non sono sicuro di dove sia, cosa ancora più importante Naledi “I siti possono perseguire questo obiettivo”, ha aggiunto Stringer.

La missione ha ricevuto la benedizione di diversi funzionari, tra cui il vicecancelliere Zeblon Vilakazi della Wits University, Richard Branson della Virgin Galactic, Ian Miller della National Geographic Society e la South African Heritage Resources Agency (SAHRA). Lo scopo dichiarato del viaggio in Applicazione nel deserto L’obiettivo era “promuovere la scienza e ottenere un riconoscimento globale per la nostra ricerca sulle origini umane in Sud Africa”.

READ  Dopo un anno su Marte, il Persevering Rover della NASA è in viaggio verso importanti scoperte

Gizmodo ha contattato la Wits University per un commento e ha trasmesso una dichiarazione via e-mail da Ben Mwasinga, direttore senior della conservazione del patrimonio di SAHRA, che descrive in dettaglio il punto di vista dell’organizzazione, affermando che la richiesta di permesso mira a evidenziare le recenti scoperte paleontologiche in Sud Africa, con SAHRA “Soddisfatto che i benefici promozionali derivati ​​sono stati opportunamente ponderati rispetto ai rischi inerenti a viaggi di questo tipo.” Mwasenga ha aggiunto:

Tutti i contributi inviati alla SAHRA sono pubblicamente disponibili per consentire a qualsiasi membro del pubblico di fornire un commento. Inoltre, chiunque può presentare ricorso contro le nostre decisioni entro un periodo di (quattordici) 14 giorni. Non sono pervenute obiezioni a tale richiesta.

Eleanor Scerri, capo dell’Ancient Human Systems Group presso l’Istituto Max Planck di geoantropologia in Germania, ritiene che le preoccupazioni sollevate in questo incidente tocchino questioni di accesso e controllo del patrimonio.

“Sembra chiaro che la fama, la ricchezza e il potere non dovrebbero avere la priorità sull’integrità scientifica, sul rigore e sull’etica quando si tratta di accesso alle informazioni”, ha scritto via e-mail. “Una richiesta come questa sarebbe stata accolta da qualcuno meno ricco o famoso? Sembra che scioperi diversi per persone diverse, con un sonoro schiaffo in faccia a chiunque lavori duramente per preservare il patrimonio umano per le generazioni future.”

Questo incidente riecheggia in modo inquietante un’epoca in cui coloni e avventurieri trattavano la paleontologia africana come una novità, piuttosto che come un patrimonio mondiale inestimabile, ha detto Skerry. “Ecco perché è difficile vedere qui lo spirito degli sforzi umanitari o la promozione della scienza africana”, ha aggiunto.

Su X (ex Twitter), diversi scienziati, tra cui l’antropologo biologico Alessio Veneziano, Preoccupazioni sollevate Sulle motivazioni del volo suborbitale e sulla validità scientifica, sull’etica del trasporto di resti ancestrali, sull’accesso unico di Berger ai fossili e sulla potenziale perversione della paleoantropologia. Sonia Zakrzewski, bioarcheologa dell’Università di Southampton, Ho espresso SU

In una e-mail, la professoressa assistente Victoria Gibbon, un’antropologa biologica del Dipartimento di Biologia Umana dell’Università di Cape Town in Sud Africa e curatrice dell’Human Skeleton Repository presso l’Università di Cape Town, ha scritto:

Sono scioccato. La gestione e la cura degli antenati umani riguardano la protezione e la cura. Pertanto, vengono solitamente evitati movimenti e manipolazioni non necessari dei resti. “Non vedo alcun merito scientifico o politica di supervisione che possa sostenere ciò”.un compito.” IOÈ un peccato che il governo sudafricano abbia rilasciato una dichiarazione in cui si cita questo fatto Beneficio promozionale. Beneficio promozionale a chi? Questo è un momento molto insolito e deludente Per il campo.

Alan Morris, antropologo biologico e professore emerito presso il Dipartimento di Biologia Umana dell’Università di Cape Town, ha detto che Berger ha una storia di “ampliare le sue prove per ottenere la massima pubblicità”, ha spiegato via e-mail, citando le affermazioni dello scienziato. A Preservare il tessuto cerebrale UN. Sediba, Antichi ominini nani di Palaue le affermazioni precedentemente menzionate di sepoltura e arte tra H. Naledi.

“Berger ha a che fare con idee folli senza il rigore scientifico per sostenerle, ma il risultato non è la scienza, è la fama e i benefici che questo moderno mondo dei social media porta”, ha detto Morris, che crede che qualcosa sia molto sbagliato. L’invio di fossili ai confini dello spazio e le domande su perché e come è stato concesso il permesso per un simile atto.

READ  Quando raggiungerà il suo culmine e altre date lunari

“In passato ho fatto parte dei comitati SAHRA che hanno preso in considerazione l’accesso a esemplari umani fossili e quasi fossili, con la scienza sempre al centro della decisione”, ha spiegato Morris. Ha posto alcune domande rilevanti, ad esempio in che modo la ricerca mira a trarre vantaggio dall’invio di fossili ai confini dello spazio e quali vantaggi questo offre alle società discendenti.

Morris ha concluso rispondendo alle sue domande: “In realtà non c’è alcun valore scientifico, è solo propaganda”.

Gizmodo ha contattato Lee Berger per un commento ma non ha ricevuto immediatamente risposta.

Questo post è stato modificato per includere la citazione di Victoria Gibbon.

Per ulteriori viaggi nello spazio nella tua vita, seguici X (precedentemente Twitter) e segnalibro personalizzato Gizmodo Pagina del volo spaziale.