Giugno 17, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Wall Street guadagna e il dollaro diminuisce con l’avvicinarsi del rapporto sull’indice dei prezzi al consumo

Wall Street guadagna e il dollaro diminuisce con l’avvicinarsi del rapporto sull’indice dei prezzi al consumo

NEW YORK (Reuters) – Le azioni statunitensi sono salite e il dollaro è caduto lunedì mentre gli investitori attendono i dati sull’inflazione previsti per mercoledì e la Banca del Giappone ha lasciato intendere che potrebbe chiudere le porte a un’era di tassi di interesse negativi.

Tutti e tre i principali indici azionari statunitensi sono aumentati modestamente nelle prime fasi degli scambi, riprendendosi dalle perdite nette della settimana precedente, con il produttore di auto elettriche Tesla Inc (TSLA.O) che ha fornito il maggiore supporto al rialzo.

“Settembre è un mese stagionalmente difficile per le azioni, ma il punto è che le cose sembrano migliori di quanto la gente temesse”, ha affermato Oliver Burch, vicepresidente senior di Wealthspire Advisors a New York. “È improbabile che vedremo livelli elevati di convinzione da parte degli investitori che spingerebbero il mercato in rialzo questo mese. Non c’è nemmeno motivo di temere eccessivamente.”

La sessione relativamente tranquilla è sembrata essere la calma prima della tempesta di dati economici statunitensi di questa settimana, con il cruciale rapporto sui prezzi al consumo di mercoledì che è stato importante.

Gli analisti si aspettano che l’inflazione sia aumentata nell’ultimo mese, spinta dall’aumento dei costi del petrolio. Si prevede che l’indice dei prezzi al consumo core, che esclude la volatilità dei prezzi alimentari ed energetici, diminuirà di anno in anno.

I tanto attesi dati CPI forniranno agli operatori di mercato una rapida istantanea dell’inflazione nel mese di agosto e potrebbero fornire alcune informazioni sulla durata del ciclo politico della Federal Reserve statunitense.

READ  I timori di recessione sono aumentati quando le azioni sono scese drasticamente
Inflazione economica

La Fed, che ha lasciato la porta aperta a ulteriori rialzi dei tassi, si è impegnata a rimanere flessibile nella sua risposta ai dati economici.

I mercati finanziari hanno essenzialmente colto una pausa sui tassi di interesse alla chiusura della riunione di politica monetaria del 19-20 settembre, dopo la quale il percorso diventa meno certo, secondo FedWatch del CME.

Altrove, i commenti del governatore della Banca del Giappone Kazuo Ueda hanno sollevato la possibilità che il Giappone possa iniziare ad uscire dall’era dei tassi di interesse negativi.

Il Dow Jones Industrial Average è salito di 126,62 punti, o dello 0,37%, a 34.703,21 punti, l’indice Standard & Poor’s 500 è salito di 20,71 punti, o dello 0,46%, a 4.478,2 punti, e l’indice Nasdaq Composite è aumentato di 67,71 punti, o dello 0,46%. 0,49% a 13829,24.

Le azioni europee sono salite sulla scia dei segnali di stabilizzazione economica provenienti da Pechino, mentre gli investitori guardano avanti alla riunione politica della Banca Centrale Europea di giovedì insieme al rapporto sull’IPC statunitense.

L’indice europeo Stoxx 600 (.STOXX) è salito dello 0,41% e l’indice azionario MSCI World (.MIWD00000PUS) è ​​salito dello 0,56%.

Le azioni dei mercati emergenti sono aumentate dello 0,45%. Il più ampio indice MSCI delle azioni dell’area Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) ha chiuso in rialzo dello 0,38%, mentre il Nikkei giapponese (.N225) ha perso lo 0,43%.

Il dollaro è caduto contro un paniere di valute globali, mentre gli operatori cercavano segnali ottimistici di un “atterraggio morbido” economico, mentre lo yen è aumentato dopo i commenti di Ueda.

L’indice del dollaro (.DXY) è sceso dello 0,59%, con l’euro in rialzo dello 0,48% a 1,075 dollari.

READ  Come lo Utah ha giocato un ruolo chiave nel primo nuovo gusto di milkshake di Chick-fil-A 4 anni fa

Lo yen giapponese è salito dell’1,01% contro il dollaro a 146,35 per dollaro, mentre la sterlina britannica è stata scambiata l’ultima volta a 1,2543 dollari, in rialzo dello 0,63% durante la giornata.

I rendimenti dei titoli del Tesoro USA sono aumentati in previsione del rapporto CPI.

La nota di riferimento a 10 anni è scesa di 8/32 con un rendimento del 4,288%, dal 4,256% di venerdì scorso.

Il prezzo delle obbligazioni a 30 anni è sceso 23/32 per rendere 4,3753%, dal 4,332% di venerdì scorso.

I prezzi del petrolio hanno invertito il calo precedente e hanno ripreso a salire a causa delle preoccupazioni sull’offerta derivanti dai tagli alla produzione saudita e russa.

Il greggio statunitense è aumentato dello 0,14% a 87,63 dollari al barile, e il greggio Brent ha registrato 91,04 dollari nelle ultime transazioni, in aumento dello 0,43% durante la giornata.

I prezzi dell’oro sono aumentati rispetto al dollaro.

E l’oro nelle transazioni istantanee è aumentato dello 0,2% a 1.922,50 dollari l’oncia.

Segnalazione di Stephen Kolb. Reporting aggiuntivo di Amanda Cooper a Londra; montaggio di William McLean

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda