Luglio 2, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Whoopi Goldberg ha aperto “The View” con le scuse in onda per i suoi commenti sull’Olocausto

“Ieri nel nostro show, ho parlato male. L’ho twittato ieri sera, ma voglio che tu lo senta direttamente da me”, ha detto il comico e attore. “Ho detto qualcosa che sento la responsabilità di non lasciare senza esame, perché le mie parole hanno sconvolto così tante persone, cosa che non era mai stata mia intenzione. Capisco perché ora, e per questo sono profondamente, profondamente grato perché le informazioni che ho ricevuto sono state davvero utili , e mi ha aiutato a capire alcune cose diverse.”

Goldberg ha suscitato indignazione per i commenti che ha fatto su “The View” il giorno prima, dicendo durante una tavola rotonda su a Decisione del distretto scolastico del Tennessee di vietare “Maus” che “l’Olocausto non riguarda la razza” e che ha coinvolto “due gruppi di persone bianche”.

“Ho detto che l’Olocausto non riguardava la razza e riguardava invece la disumanità dell’uomo nei confronti dell’uomo”, ha detto Goldberg martedì su “The View”. “Ma si tratta davvero di razza perché Hitler ei nazisti consideravano gli ebrei una razza inferiore”.

Ha continuato: “Ora, le parole contano e le mie non fanno eccezione. Mi pento dei miei commenti, come ho detto, e sono corretto. Sono anche con il popolo ebraico come lo sa e lo sapete tutti, perché l’ho sempre fatto quello. “

Goldberg ha anche intervistato Jonathan Greenblatt, CEO dell’Anti-Defamation League, che è stato tra coloro che si sono espressi con forza contro i suoi commenti iniziali.

“Non c’è dubbio che l’Olocausto riguardasse la razza. È così che lo vedevano i nazisti mentre perpetravano l’annientamento sistematico del popolo ebraico attraverso i continenti, attraverso i paesi, con crudeltà deliberata e spietata”, ha detto durante l’intervista.

READ  Miguel Cabrera dei Detroit Tigers si unisce al club da 3.000 colpi

Greenblatt ha continuato spiegando che mentre gli ebrei non si adattano perfettamente alla visione binaria in bianco e nero della razza negli Stati Uniti, l’antisemitismo che hanno affrontato a lungo è semplicemente un’altra forma di razzismo.

“L’ideologia di Hitler, il Terzo Reich, si basava sull’idea che gli ariani, i tedeschi, fossero una razza padrona e gli ebrei una razza subumana. Era un antisemitismo razzializzato”, ha detto. “Ora, questo potrebbe non adattarsi esattamente o sembrare diverso dal modo in cui pensiamo alla razza nell’America del 21° secolo, dove si tratta principalmente di persone di colore, ma nel corso della storia del popolo ebraico sono stati emarginati, perseguitati, sono stati massacrati, in gran parte perché molte persone sentivano di non essere solo una religione diversa, ma addirittura una razza diversa”.

Si stima che circa 6 milioni di ebrei e 5 milioni di altri siano stati uccisi durante l’Olocausto e l’antisemitismo continua a persistere fino ad oggi. Nel fine settimana, due Le sinagoghe di Chicago sono state vandalizzatee la Lega anti-diffamazione avverte che gli attacchi contro gli ebrei sono in aumento. Sebbene la maggior parte degli incidenti antisemiti coinvolga molestie e atti vandalici, sono avvenute anche aggressioni, con almeno sei che sono diventate mortali dal 2016, inclusa la sinagoga dell’albero della vita di Pittsburgh nel 2018.

Bill Kirkos della CNN ha contribuito a questo rapporto.