Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Wout Weghorst del Manchester United tocca lo striscione “This Is Anfield”: cosa c’è che non va?

Wout Weghorst del Manchester United tocca lo striscione “This Is Anfield”: cosa c’è che non va?

La decisione di Wout Weghorst di toccare il famoso cartello “This Is Anfield” prima della sconfitta per 7-0 del Manchester United per mano del Liverpool domenica ha suscitato intense polemiche e ha portato l’olandese a rilasciare una dichiarazione sui social media spiegando le sue azioni.

È stato irrispettoso nei confronti dello United? La rabbia è giustificata? E perché il marchio è così importante?

l’atleta Spiega perché Weghorst ha causato una tale tempesta…


Qual è il significato del tag “This Is Anfield”?

Bill Shankly, allenatore del Liverpool dal 1959 al 1974, voleva che il marchio facesse due cose: ispirare i suoi giocatori ma anche intimidire gli avversari. “Sono lì per ricordare ai nostri giocatori per chi stanno giocando e contro chi stanno giocando”, ha detto.

Per molti anni in seguito, lo striscione sarebbe stato spesso toccato dai giocatori del Liverpool mentre entravano in campo. Questa storia non era sempre ovvia per i giocatori quando sono entrati per la prima volta: è stato il suocero di Luis Suarez a parlargli dell’importanza “mitica” dell’insegna quando ha chiesto di farsi fotografare sotto.

Toccare lo striscione mentre era fuori era una tradizione di lunga data ad Anfield fino ai primi giorni del mandato di Jurgen Klopp.

Dopo un’epica vittoria per 4-3 contro la sua ex squadra, il Borussia Dortmund, durante la sua prima stagione in carica, Klopp ha dichiarato: “Prima della partita, quando siamo scesi dalle scale, i miei amici a Dortmund mi hanno chiesto: ‘Toccano tutti il ​​segno? Ho detto di no. Non so esattamente come funziona ma penso che tu debba vincere qualcosa prima. Non ho ancora chiesto, ma è un segno di rispetto che tu non lo faccia. È molto grande. Forse un giorno questi i ragazzi potranno farlo e sentirsi meglio e più forti e possono usare questi sentimenti.


Il leggendario allenatore del Liverpool Bill Shankly nel 1971 (Immagine: Liverpool FC via Getty Images)

I giocatori di Klopp hanno dovuto aspettare altri tre anni prima di toccare il segno, come ha poi rivelato Jorginho Wijnaldum.

READ  Staffa NCAA 2024: staffa March Madness stampabile, previsioni, scelte, punteggi e date del torneo NCAA

Wijnaldum ha twittato dopo la prima partita casalinga del Liverpool dalla vittoria della finale di Champions League 2019.

Oltre a Wighorst dello United, i giocatori del Liverpool Virgil van Dijk, Harvey Elliott e Trent Alexander-Arnold hanno toccato tutti lo striscione prima di uscire ad Anfield domenica. Così ha fatto Cody Gakbo, nonostante si sia unito solo a gennaio.

I giocatori avversari toccano il segno?

Nonostante il desiderio di Shankly che questo segno intimidisca gli avversari, non è raro che i giocatori in visita lo tocchino per festeggiare giocando in uno degli stadi più famosi del calcio mondiale.

L’ex attaccante dell’Arsenal Ian Wright ha rivelato l’anno scorso che sarebbe stato felice di toccare la stecca quando ha visitato Anfield come giocatore. “Certo (l’ho toccato) ma non l’ho toccato quando ero fuori con i ragazzi”, ha detto durante un’apparizione come analista su ITV Sport.

“Quando sono uscito per riscaldarmi e guardarmi intorno, l’ho toccato perché è iconico. È incredibile. Dovevo toccarlo”.

Non sorprende che il collega esperto ed ex capitano dello United Roy Keane avesse un’opinione diversa. Quando gli è stato chiesto se avesse toccato lo striscione, Kane ha detto: “No, certo che no. Non ha senso. Va bene, è un’imitazione dei giocatori (del Liverpool) ma non dei giocatori dell’opposizione. Non sono sicuro del motivo per cui l’hai toccato, Ray . È sciocco, è infantile.” .

Wright ha sostenuto che voleva semplicemente rendere omaggio alla storia del Liverpool come club e ha detto: “Amo tutto ciò che viene fornito con il Liverpool. Ho adorato il fatto che tu possa toccarlo. Non è infantile, è una cosa incredibile essere in grado di farlo. Sono una delle persone che lo toccano. Ci sono molti fan che non l’hanno toccato “.

READ  La NFL multa David Tepper di $ 300.000 dopo che il proprietario dei Panthers ha lanciato da bere ai fan a Jacksonville

Alcuni dei giocatori ospiti ad Anfield non sentono di dover toccare il segno anche se sono tifosi del Liverpool. Paul Jones, l’ex portiere del Southampton, ha sostenuto il Liverpool da ragazzo, ma non ha fatto centro fino a un breve periodo ad Anfield come portiere di riserva nel 2004.

Ha detto nel 2012: “Non ho mai toccato il cartello ‘This Is Anfield’ quando ero un giocatore dell’opposizione. Penso che questa tradizione dovrebbe essere limitata ai giocatori del Liverpool, toccarla e sapere che l’ho toccata come giocatore. Il Liverpool ha significato tutto .”

Un altro tifoso del Liverpool, Robbie Slater, è stato accusato dal suo amico John Barnes di aver toccato lo striscione il giorno in cui Slater e i suoi compagni di squadra dei Blackburn Rovers hanno vinto il titolo di Premier League ad Anfield nel 1995.

“Non puoi farlo, avversario”, ha detto Barnes, Slater ha rivelato a Fox Sports.”Gli ho detto: sono un tifoso del Liverpool, ho tutto il diritto di toccarlo. Significa qualcosa anche per me”.

Molti dei giocatori che il Liverpool ha affrontato in quel periodo lo stavano toccando secondo Don Hutchison, che è venuto in difesa di Weghorst.

“Ho visto molte cose qui dire che Weghorst dovrebbe essere licenziato e licenziato per aver toccato il cartello di Anfield”, ha scritto Hutchison su Twitter. “Caro, milioni di giocatori l’hanno toccato fuori casa per rispetto (l’ho fatto io stesso… non mentre giocavo per l’Everton), non è un grosso problema”. La storia e il significato del marchio si sono diffusi anche al di fuori del calcio inglese.

Carlo Ancelotti ha pubblicato con orgoglio una sua foto e uno striscione sui social media durante la visita come allenatore del Real Madrid nel 2014. Nel frattempo, l’ex centrocampista dell’Atalanta Josip Ilicic si è tatuato mentre lo toccava.

E che tu pensi che Weghorst avrebbe dovuto toccare il segno o meno, almeno ha mostrato più rispetto per questo rispetto a Dries Mertens, che non ha visto la causa di tutto il clamore durante la visita del 2010 come giocatore dell’Utrecht.

READ  Messaggi antisemiti visti durante la partita in Florida, Georgia e altrove a Jacksonville

“Il mio ricordo più forte è che avevano uno striscione che diceva ‘This Is Anfield’ e tutti ne parlavano”, ha detto Mertens nel 2018.

“Ho attraversato il tunnel e ho chiesto: ‘Dov’è la cosa?'” Hanno detto che te lo sei perso e io non l’ho notato. Quindi nella seconda metà guardo questa piccola cosa e chiedo: ‘È così speciale?’

Poi c’è Vinnie Jones, che in una storia forse apocrifa dei suoi giorni di “Crazy Gang” a Wimbledon, si dice che si sia avvicinato al presunto segno di intimidazione e abbia scarabocchiato una parola sarcastica: “disturbato”.

Wighurst ha una storia con il Liverpool?

Le possibilità che Weghorst facesse lo stesso erano sempre scarse, anche se ha parlato con entusiasmo di aver avuto la possibilità di giocare per un club della statura dello United da quando ha completato il suo trasferimento a sorpresa in prestito dal Burnley.

“Quando vai in giro (Carrington) e in palestra, vedi il grande stemma del Man United sopra di te, posso provare a sembrare duro e figo ma no, è qualcosa di speciale e sono davvero orgoglioso. Vado fare del mio meglio per questo club.

Tuttavia, il nazionale olandese non ha fatto alcun tentativo di nascondere la sua ammirazione per il Liverpool in passato, rivelando persino che spera di giocare per loro un giorno poco dopo essere passato al Wolfsburg nel 2018, secondo De Telegraaf. “Se continui ad allenarti con pieno impegno, credo che questa opportunità arriverà”.

Weghorst in seguito disse di aver sempre trovato il Liverpool un club “molto speciale”. “Mi viene ancora la pelle d’oca da ‘You’ll Never Walk Alone’,” Ha detto nel 2020. Ci sono anche altri grandi club inglesi e ho sempre amato il Milan perché ci hanno giocato molti olandesi.

“Sono ambizioso e voglio andare oltre. Forse un giorno giocherai in un altro club, in Germania o in Inghilterra? Ma al momento è ancora lontano. Mi sento bene e sto cercando di raggiungere il più possibile qui”.

(Foto in alto: Michael Regan/Getty Images)