Novembre 30, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Zelensky ha accusato le truppe russe di crimini di guerra a Kherson

  • Zelensky dice che i crimini di guerra sono venuti alla luce dopo che i russi se ne sono andati
  • La situazione umanitaria a Gerson è “estremamente difficile” – ufficiale
  • I funzionari stanno lavorando per ripristinare i servizi critici
  • Per i residenti di Kherson, la gioia si mescola alle preoccupazioni per l’acqua e l’elettricità
  • I residenti descrivono gli abusi da parte delle forze di occupazione

KHERSON, Ucraina, 13 novembre (Reuters) – Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky domenica ha accusato i soldati russi di aver commesso crimini di guerra e ucciso civili, parti dei quali sono state riprese dall’esercito ucraino la scorsa settimana dopo il ritiro della Russia.

“Gli investigatori hanno già documentato più di 400 crimini di guerra russi. I corpi di civili e soldati morti sono stati trovati”, ha detto Zelenskiy nel suo discorso video notturno.

“L’esercito russo ha lasciato la stessa barbarie che ha fatto in altre parti del paese in cui è entrato”, ha detto.

La Reuters non ha potuto verificare immediatamente le sue accuse. La Russia nega che le sue forze prendano di mira deliberatamente i civili.

Dall’inizio dell’invasione russa sono state scoperte fosse comuni in tutta l’Ucraina. Questi includono corpi di civili che mostrano prove di torture nella regione di Kharkiv e Bucha vicino a Kiev. L’Ucraina accusa le truppe russe di aver commesso crimini.

Una commissione delle Nazioni Unite ha affermato in ottobre che crimini di guerra erano stati commessi in Ucraina e che le forze russe erano responsabili della “maggior parte” delle violazioni dei diritti umani nelle prime settimane di guerra. leggi di più

Le truppe ucraine sono arrivate nel centro della regione meridionale di Kherson venerdì dopo che la Russia ha abbandonato l’unica capitale regionale che aveva catturato da quando Mosca ha lanciato la sua invasione a febbraio.

READ  I manifestanti hanno assediato il presidente dello Sri Lanka, fuggito alle Maldive, e l'ufficio del Primo Ministro

Il ritiro segnò la terza grande ritirata russa della guerra e la prima a consegnare una città occupata così grande di fronte a una grande controffensiva ucraina che riconquistò parti dell’est e del sud.

Le società di servizi pubblici nella regione di Kherson stanno lavorando per ripristinare le infrastrutture critiche danneggiate e minate dalle forze russe in fuga, con la maggior parte delle case nella città dell’Ucraina meridionale ancora senza elettricità e acqua, hanno affermato i funzionari regionali.

Domenica, gli scambi di artiglieria che hanno echeggiato in tutta la città hanno fatto ben poco per scoraggiare le folle sbandieratori che si sono accalcate contro il freddo nella piazza principale di Kherson. Le persone hanno cercato di captare i segnali dei telefoni cellulari dalle stazioni di terra Starlink trasportate da veicoli militari ucraini.

“Siamo felici ora, ma abbiamo tutti paura del bombardamento dalla riva sinistra”, ha detto la cantante Yana Smirnova, 35 anni, riferendosi ai cannoni russi sulla sponda orientale del fiume Dnipro, che scorre vicino alla città.

Smirnova ha detto che lei e le sue amiche dovevano prendere l’acqua dal fiume per fare il bagno e sciacquare i gabinetti, e che solo pochi residenti hanno avuto la fortuna di avere generatori che alimentavano le pompe per prelevare l’acqua dai pozzi.

Yaroslav Yanushevich, il governatore della regione di Kherson, ha affermato che le autorità hanno deciso di imporre il coprifuoco dalle 17:00 alle 8:00, vietando alle persone di lasciare o entrare nella città come misura di sicurezza.

“Il nemico ha tagliato tutte le infrastrutture critiche”, ha detto Yanushevich alla televisione ucraina. “Ci incontreremo tra pochi giorni (e poi) cercando di aprire la città”, ha detto.

Zelensky ha avvertito i residenti di Kherson della presenza di mine russe. “Vi chiedo di non dimenticare che la situazione nella regione di Kherson è molto pericolosa”, ha detto.

Funzionari locali hanno detto che la maggior parte della città era senza elettricità o acqua corrente. Yuriy Sobolevsky, primo vice capo del consiglio regionale di Kherson, ha detto alla televisione ucraina che la situazione umanitaria è rimasta “estremamente difficile” anche se le autorità hanno lavorato per ripristinare i servizi critici.

ritiro russo

I funzionari hanno affermato che ci sono stati alcuni progressi iniziali nel riportare la città alla normalità.

Il consigliere di Zelensky, Kyrillo Tymoshenko, ha dichiarato in un Telegram che una connessione mobile era già attiva nel centro della città, mentre il capo delle Ferrovie dello Stato ucraine ha affermato che i servizi ferroviari per Kherson dovrebbero riprendere questa settimana.

I residenti hanno detto che i russi si erano gradualmente ritirati nelle ultime due settimane, ma la loro partenza finale è diventata chiara solo giovedì quando le truppe ucraine sono entrate a Kherson.

“È una cosa graduale”, ha detto il videografo Alexey Sandakov, 44 anni. “Prima è andata la loro polizia speciale. Poi la polizia ordinaria e la sua amministrazione. Poi inizi a vedere meno soldati nei supermercati e poi i loro veicoli militari in giro”.

Diversi residenti intervistati da Reuters hanno affermato di aver cercato di ridurre al minimo i loro legami con i russi e di conoscere persone che erano state arrestate e maltrattate per aver mostrato qualsiasi espressione di patriottismo ucraino.

Reuters non ha potuto verificare immediatamente tali account.

La Russia ha negato qualsiasi abuso contro i civili o attacco ai civili dall’inizio della guerra.

READ  Il maltempo inizia il nuovo anno

“Abbiamo dovuto seppellire la nostra bandiera (ucraina)”, ha detto Shaboshnikova, che sfoggiava un cappellino da baseball dei New York Yankees. “Se indossi qualcosa di giallo e blu (colori della nazionale ucraina), puoi essere fucilato o chiamato in cantina, dove sarai torturato”.

Ha detto che la polizia russa aveva arrestato il suo amico, che era un volontario che forniva aiuti umanitari alle aree periferiche. L’hanno portata in una prigione sotterranea e hanno trascorso tre giorni a interrogarla, chiedendo di sapere se stesse rivelando le loro posizioni all’esercito ucraino, ha detto Shaboshnikova.

Sandakov ha detto che le truppe russe hanno saccheggiato le case dei soldati ucraini che sono fuggiti dalla città prima di prenderne il controllo, ed hanno esaminato i corpi dei giovani che passavano attraverso i posti di blocco per farsi tatuaggi di gruppi nazionalisti ucraini.

Reuters non ha potuto verificare in modo indipendente questi commenti.

Ucraina orientale

Il ministero della Difesa ucraino ha affermato che 179 insediamenti e 4.500 chilometri quadrati (1.700 miglia quadrate) lungo il fiume Dnipro sono stati riconquistati dall’inizio della settimana.

Lo stato maggiore delle forze armate ucraine ha riferito che sono proseguiti pesanti combattimenti sul fronte orientale nelle regioni di Donetsk e Luhansk. Zelensky ha affermato che nelle ultime 24 ore sono stati effettuati attacchi missilistici e di artiglieria a Sumy, Kharkiv, Zaporozhye, Luhansk e Donetsk.

Segnalazioni di David Ljjungren, Jonathan Lande, Gleb Garanich, Pavel Polityuk e Ron Popeski; Scritto da Clarence Fernandez, Tomasz Janowski e Humeyra Pamuk; Montaggio: William Mallard, Francis Kerry, David Goodman, Jane Merriman e Daniel Wallis

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.