Giugno 17, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

5 punti salienti dalla sconfitta dei Cowboys nella settimana 1 dei Giants – NBC 5 Dallas-Fort Worth

5 punti salienti dalla sconfitta dei Cowboys nella settimana 1 dei Giants – NBC 5 Dallas-Fort Worth

La pioggia non è stata l’unica cosa a cadere Giganti di New York Domenica sera.

Il running back dei Dallas Cowboys Tony Pollard è entrato in end zone con una corsa di 1 yard. correre. Il tabellone è salito a 33-0 nel terzo quarto al MetLife Stadium.

Si è conclusa con il punteggio di 40-0.

New York non ha avuto alcuna risposta offensiva, offrendo a Dallas la piattaforma perfetta per sfruttare i punti facili che hanno aumentato il vantaggio.

Approfondiamo l’analisi attraverso cinque punti:

Gioca una volta per cambiare slancio

New York ha iniziato con la palla, ha guidato per 48 yard lungo il campo in 11 giocate (l’ultima delle quali è stata uno snap confuso sul terzo down che ha perso yard) e ha utilizzato sette minuti di cronometro. Fino allo sfortunato incidente, i Giants erano coordinati e fiduciosi. Il successivo tentativo di field goal di Graham Gano è stato quindi bloccato e restituito a 58 yard per un touchdown da Noah Igbinoghene.

New York non è mai stata così coordinata e sicura di sé. E Dallas non si è mai guardata indietro.

Daniel Jones soffre per una notte dimenticata

Jones ha firmato un contratto quadriennale da 160 milioni di dollari con i Giants la scorsa stagione. Ciò equivale a 40 milioni di dollari all’anno. Ha terminato la partita con 104 yard di passaggio su 15 su 28 completamenti, nessun touchdown e due scelte. È stato licenziato sette volte e ha aggiunto 43 yard in 13 tentativi. Non è quello che dovrebbe offrire un giocatore da 40 milioni di dollari.

Naturalmente, il tempo e il cattivo gioco in attacco non erano ottimali per Jones, ma quei segnali erano evidenti nelle stagioni precedenti, a meno che non avesse apportato miglioramenti significativi come passante tascabile. Questo non sembra essere il caso nella prima settimana.

READ  L'Ohio State lega la serie di sconfitte più lunga dell'era di Chris Holtman con una sconfitta per 63-60 contro il Nebraska

La vita post-Ezekiel Elliott inizia alla grande a Dallas

Per la prima volta dal 2016, Dallas ha iniziato una partita senza Elliott nel backfield. Era comunque giunto il momento di andare avanti e non hanno perso l’occasione con Tony Pollard, Rico Dowdle e Cavontae Turpin di fare le cose a modo loro. Pollard, in particolare, è apparso forte con 70 yard su 14 carry e due touchdown. Turpin ha aggiunto anche un touchdown precipitoso.

La loro produzione ha reso la serata molto più facile per Dak Prescott, che non si è distinto statisticamente – 143 yard su passaggi 13 su 24, nessun touchdown e nessuna scelta – ma non ne ha avuto bisogno.

La mancanza di qualità WR dei Giants è in mostra

New York è arrivata ai playoff la scorsa stagione con Darius Slayton come wide receiver più produttivo. Slayton ha registrato 46 ricezioni per 724 yard e due touchdown in 16 partite. I Giants avevano semplicemente bisogno di più per passare al livello successivo, ma questa perdita ha reso abbondantemente chiaro che avrebbero potuto regredire.

Darren Waller ha guidato il gruppo ricevente quella notte, ma niente di tutto ciò ha influenzato la partita in modo significativo. Ha avuto tre prese per 36 yard, la seconda più alta è stata Isaiah Hodgins con una presa per 24 yard. Sì, semplicemente non è abbastanza buono.

L’eccellente difesa dei Cowboys sembra essere al livello del Super Bowl

Le difese vincono i campionati e Dallas sembra avere un’unità capace. La linea offensiva di New York non ha offerto resistenza alla pressione dei Cowboys, ma non si possono trascurare sette sack e 11 valide QB. Per non parlare delle innumerevoli volte in cui hanno fatto cadere la palla dalle mani di New York, anche se non si sono mai ripresi da un fumble sul bagnato.

READ  MTK Global interrompe le operazioni tra i collegamenti di Daniel Kinahan

Dallas ha anche difeso otto passaggi, con Stephon Gilmore responsabile di tre. Ancora una volta i Cowboys non avevano molto da difendere e le vere prove arriveranno più tardi, ma è un segnale promettente per il coordinatore difensivo Dan Quinn.