Febbraio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alla vigilia di Natale Betlemme sembra una città fantasma. La guerra tra Israele e Hamas ha fermato i festeggiamenti

Alla vigilia di Natale Betlemme sembra una città fantasma.  La guerra tra Israele e Hamas ha fermato i festeggiamenti

BETLEMME, Cisgiordania (AP) – Domenica, il luogo di nascita biblico di Gesù, solitamente vivace, sembrava una città fantasma, poiché le celebrazioni della vigilia di Natale a Betlemme sono state cancellate a causa della guerra tra Israele e Hamas.

Le luci festive e l'albero di Natale che solitamente decorano la Piazza della Mangiatoia sono scomparsi, così come le folle di turisti stranieri che si riuniscono ogni anno per celebrare la festività. Decine di forze di sicurezza palestinesi pattugliavano la piazza deserta.

I negozi di articoli da regalo hanno tardato ad aprire la vigilia di Natale, anche se alcuni lo hanno fatto una volta che ha smesso di piovere. Tuttavia i visitatori sono stati pochi.

“Quest’anno, senza albero di Natale e senza luci, c’è solo l’oscurità”, ha detto fra John Vinh, un frate francescano del Vietnam che vive a Gerusalemme da sei anni.

Un presepe decorato in onore delle vittime di Gaza è esposto in Piazza della Mangiatoia, vicino alla Chiesa della Natività, tradizionalmente ritenuta il luogo di nascita di Gesù, la vigilia di Natale, nella città di Betlemme, in Cisgiordania, domenica 24 dicembre. 2023. Betlemme è testimone di un Natale tranquillo dopo che le autorità del tradizionale luogo di nascita di Gesù hanno deciso di abbandonare le celebrazioni a causa della guerra tra Israele e Hamas. (AP Photo/Mahmoud Alyan)

Ha detto che viene sempre a Betlemme per festeggiare il Natale, ma quest'anno è stato particolarmente triste, mentre fissava il presepe in Piazza della Mangiatoia con il Bambino Gesù avvolto in un sudario bianco, che ricorda Gesù Bambino. Centinaia di bambini Ucciso nei combattimenti a Gaza. Il filo spinato circondava la scena e le macerie grigie non riflettevano nessuna delle luci e dei colori allegri che solitamente riempiono la piazza durante il periodo natalizio.

READ  La guerra ucraino-russa: ultime notizie - The New York Times

Alaa Salama, uno dei proprietari del ristorante Aftim, che proviene da una famiglia palestinese, ha dichiarato: “Non possiamo giustificare l’abbattimento di un albero e la celebrazione come al solito, mentre alcune persone (a Gaza) non hanno nemmeno una casa dove andare”. Ristorante Falafel Mamlouk, a pochi passi dalla piazza.

Salama ha detto che la vigilia di Natale è solitamente il giorno più affollato dell'anno. “Di solito non riesci a trovare una sola sedia su cui sederti, siamo pieni dalla mattina fino a mezzanotte”, ha detto Salama. Quest'anno solo un tavolo era occupato dai giornalisti che si prendevano una pausa dalla pioggia.

Salama ha affermato che il suo ristorante funzionava a circa il 15% dell'attività normale e non era in grado di coprire i costi operativi. Ha stimato che anche dopo la fine della guerra, ci sarebbe voluto un altro anno perché il turismo a Betlemme tornasse come al solito.

cancellazione Celebrazioni natalizie Rappresenta un duro colpo per l’economia della città. Il turismo rappresenta circa il 70% delle entrate di Betlemme, quasi tutto durante il periodo natalizio.

Con molte delle principali compagnie aeree che cancellano i voli per Israele, sono pochi gli stranieri in visita. Funzionari locali affermano che più di 70 hotel a Betlemme sono stati costretti a chiudere, lasciando migliaia di persone senza lavoro.

Secondo i funzionari sanitari locali, più di 20.000 palestinesi sono stati uccisi e più di 50.000 feriti durante l'offensiva aerea e terrestre di Israele contro i governanti di Hamas a Gaza, mentre circa l'85% dei 2,3 milioni di residenti dell'enclave sono stati sfollati. La guerra è scoppiata prima Attacco fatale di Hamas Il 7 ottobre, nel sud di Israele, i militanti hanno ucciso circa 1.200 persone, la maggior parte delle quali civili, e ne hanno preso in ostaggio più di 240.

I combattimenti a Gaza hanno influenzato anche la vita in Cisgiordania. Dal 7 ottobre, l’accesso a Betlemme e ad altre città palestinesi nei territori occupati da Israele è diventato difficile, con lunghe file di automobilisti in attesa di passare attraverso i posti di blocco militari. Le restrizioni hanno inoltre impedito a decine di migliaia di palestinesi di lasciare la regione per lavorare in Israele.