Luglio 13, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Antichi mattoni rivelano nuove prove di un'enorme anomalia nel campo magnetico terrestre

Antichi mattoni rivelano nuove prove di un'enorme anomalia nel campo magnetico terrestre

Matteo D. Howland

Su questi antichi mattoni di argilla è impressa un'iscrizione che menziona il re mesopotamico Ekun-Dire. I ricercatori li hanno campionati per il loro studio e sono entusiasti di come tali artefatti potrebbero aiutarci a studiare i campi magnetici della Terra.

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l'universo con notizie di scoperte affascinanti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Migliaia di anni fa, la Terra campo magnetico Subì un grande afflusso di energia dalla parte del pianeta che comprendeva l'antico regno della Mesopotamia. Le persone dell'epoca probabilmente non notarono mai le fluttuazioni, ma segni di anomalie, inclusi dettagli precedentemente sconosciuti, erano conservati nei mattoni di argilla che cuocevano, ha scoperto un nuovo studio.

Quando gli scienziati hanno recentemente esaminato i mattoni risalenti al terzo-primo millennio a.C. in Mesopotamia, che… Comprendeva l’attuale Iraq e parti di quelle che oggi sono Siria, Iran e Turchia – hanno scoperto firme magnetiche in quelli risalenti al primo millennio, suggerendo che i mattoni furono cotti in un momento in cui il campo magnetico terrestre era insolitamente forte. I timbri sui mattoni recanti i nomi dei re mesopotamici hanno permesso ai ricercatori di confermare la scala temporale dell'innalzamento magnetico.

Le loro scoperte sono coerenti con un noto aumento magnetico chiamato anomalia geomagnetica dell’età del ferro levantina, avvenuta tra il 1050 e il 550 a.C. È stato precedentemente documentato in manufatti provenienti dalle Azzorre, in Bulgaria e in Cina utilizzando l'analisi magnetica archeologica: esaminando i grani in ceramica e manufatti in ceramica per trovare indizi sull'attività magnetica della Terra, hanno riferito gli scienziati il ​​18 dicembre sulla rivista. Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze.

“È davvero entusiasmante che gli antichi manufatti della Mesopotamia possano aiutare a spiegare e registrare eventi chiave nella storia della Terra, come le fluttuazioni del campo magnetico”, ha affermato il coautore dello studio. Marco TawilProfessore di Archeologia del Vicino Oriente e Scienza dei dati archeologici presso l'Istituto di Archeologia dell'University College di Londra.

READ  Risolvi un mistero cosmico vecchio di 65 anni

“Ciò dimostra l’importanza di preservare l’antico patrimonio della Mesopotamia per la scienza e l’umanità in generale”, ha detto Al-Tawil alla CNN in una e-mail.

Quando un antico manufatto contiene materiale organico, come ossa o legno, gli scienziati possono determinarne l’età attraverso la datazione al radiocarbonio, che confronta le percentuali di decadimento conservate negli isotopi del carbonio. Ma per i manufatti inorganici – come vasellame o ceramica – è necessaria l’analisi magnetica archeologica per rivelarne l’età, ha affermato l’autore principale dello studio. Matteo Howlandprofessore assistente presso il Dipartimento di Antropologia della Wichita State University in Kansas.

Howland ha detto alla CNN che la ceramica è il tipo di manufatto più comune nei siti archeologici di tutto il mondo, e questa tecnica è un complemento vitale alla datazione al radiocarbonio.

“La datazione archeomagnetica può essere applicata a qualsiasi tipo di materiale magneticamente sensibile che è stato riscaldato”, ha detto Howland. La sua utilità va oltre l’archeologia.

“I geologi usano spesso l'analisi delle rocce per studiare i campi magnetici della Terra, ma recentemente, quando non c'è la possibilità di studiare rocce molto giovani perché non hanno ancora avuto abbastanza tempo per formarsi, abbiamo bisogno di usare reperti archeologici”, ha detto. . “Possiamo pensare all'adobe o alla ceramica come rocce artificiali per studiare i campi magnetici della Terra.”

Prima di questo nuovo studio, c’erano poche prove magnetiche accurate provenienti da manufatti mesopotamici risalenti a questo periodo.

“La mancanza di dati ha davvero limitato la nostra capacità di comprendere le condizioni del campo magnetico terrestre in quella regione”, ha detto Howland. Significa anche che gli archeologi non sono stati in grado di calcolare con precisione l’età di molti siti in Mesopotamia, “una regione molto importante nell’archeologia globale”.

READ  La missione New Horizons della NASA affronta un futuro incerto (Editoriale)

La Terra è circondata da una magnetosfera, una bolla invisibile di magnetismo creata dalla potente agitazione dei metalli fusi nel nucleo terrestre. Impedisce alla nostra atmosfera di essere esposta ai venti solari che soffiano su di essa dal sole. Sebbene la magnetosfera esista ininterrottamente da miliardi di anni, la sua forza aumenta e diminuisce nel tempo. (Secondo… Indagine geologica degli Stati Uniti.)

I manufatti in argilla cotti ad alte temperature conservano l'impronta del magnetismo terrestre di allora in minerali come l'ossido di ferro che sono influenzati dal magnetismo. Il recupero di un'impronta digitale prevede una serie di esperimenti magnetici che riscaldano e raffreddano ripetutamente l'oggetto, lo espongono a campi magnetici e quindi lo rimuovono. Questo processo crea una serie di nuove impronte digitali, che vengono confrontate con la densità magnetica originale dell'oggetto.

Gli scienziati possono quindi abbinare l'oggetto a uno specifico periodo di attività nel campo magnetico terrestre.

“Nel complesso, questo è un lavoro entusiasmante perché ci aiuta a capire cosa fa il campo magnetico della Terra nel tempo e aiuterà anche a determinare l'età dei manufatti che altrimenti sarebbe impossibile”, ha affermato. KS Burlina, ricercatore post-dottorato presso il Dipartimento di Scienze della Terra e Planetarie della Johns Hopkins University. Burlina, che non è stata coinvolta nello studio, sta conducendo ricerche sui campi magnetici antichi e moderni e sul loro impatto sulla formazione e sull'abitabilità planetaria.

“Ancora più importante, queste registrazioni ad alta risoluzione sono essenziali per comprendere come i picchi magnetici sulla superficie potrebbero essere correlati a ciò che sta accadendo all'interno della Terra”, ha detto Burlina alla CNN in una e-mail. “Soprattutto nel nucleo esterno dove viene generato il campo magnetico terrestre.”

READ  La Grande Barriera Corallina subisce lo sbiancamento dei coralli “più grave” di sempre poiché i filmati mostrano danni a 18 metri di profondità | Crisi climatica

La nuova analisi non solo ha colmato un’importante lacuna nei dati, ma ha anche rivelato nuove prove sulle anomalie magnetiche del periodo.

Delle 32 pietre campionate dai ricercatori, cinque portavano timbri che le collegavano al regno di Nabucodonosor II, tra il 604 e il 562 a.C. Le misurazioni del magnetismo nelle pietre hanno dimostrato che il campo magnetico si rafforza rapidamente e intensamente durante la produzione dei mattoni. Pertanto, i timbri sui mattoni hanno creato un’istantanea del flusso di energia magnetica che ha attraversato solo pochi decenni.

“I prossimi passi sono continuare questo lavoro, applicarlo a più mattoni di argilla della Mesopotamia e migliorare ulteriormente la curva che possiamo produrre per l'intensità del campo magnetico terrestre nel tempo”, ha detto Howland.

“Ma forse ciò che è ancora più entusiasmante è che gli archeologi che lavorano nei siti in Iraq e Siria possono esaminare i nostri dati e applicare le stesse tecniche a manufatti non datati”, ha aggiunto. “Ciò potrebbe aiutare a risolvere molti dibattiti storici che si svolgono nella regione, sulla cronologia dei re”.

Mindy Weisberger è una scrittrice scientifica e produttrice di media il cui lavoro è apparso su Live Science, Scientific American e How It Works.