Giugno 17, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ghiaccio marino antartico davanti agli esperti “sorprendenti” di basso livello di allerta

Ghiaccio marino antartico davanti agli esperti “sorprendenti” di basso livello di allerta
  • Scritto da Georgina Ranard, Becky Dale e Erwan Revolt
  • Team di giornalismo su clima, scienza e dati di BBC News

Fonte immagine, Il dottor Robbie Mallett

Commenta la foto,

Un mondo ghiacciato in Antartide

I dati satellitari mostrano che il ghiaccio marino che circonda l’Antartide è molto al di sotto di qualsiasi livello invernale registrato in precedenza, un nuovo indicatore preoccupante per una regione che un tempo sembrava resistente al riscaldamento globale.

“È così lontano da qualsiasi cosa abbiamo visto, è quasi sorprendente”, dice Walter Mayer, che monitora il ghiaccio marino presso il National Snow and Ice Data Center.

Gli esperti polari avvertono che l’instabilità dell’Antartide potrebbe avere conseguenze di vasta portata.

L’enorme distesa di ghiaccio dell’Antartide regola la temperatura del pianeta, poiché la superficie bianca riflette l’energia del sole nell’atmosfera e raffredda anche l’acqua sottostante e vicina ad essa.

Senza il ghiaccio a raffreddare il pianeta, l’Antartide potrebbe trasformarsi da frigorifero della Terra in un luogo più fresco, dicono gli esperti.

L’area di ghiaccio che ora galleggia sulla superficie dell’Oceano Antartico è inferiore a 17 milioni di chilometri quadrati – ovvero 1,5 milioni di chilometri quadrati di ghiaccio marino in meno rispetto alla media di settembre e ben al di sotto dei minimi invernali record.

Si tratta di un’area di ghiaccio perduto circa cinque volte più grande delle isole britanniche.

Il dottor Mayer non è ottimista sul fatto che il ghiaccio marino si riprenderà in modo significativo.

“Possiamo vedere quanto sia vulnerabile”, afferma il dottor Robbie Mallett, dell’Università di Manitoba, che ha sede nella penisola antartica.

Sfidato dall’isolamento, dal freddo estremo e dai forti venti, il sottile ghiaccio marino di quest’anno ha reso il lavoro della sua squadra più difficile. “C’è il rischio che si rompa e vada alla deriva in mare e noi ci siamo sopra”, afferma il dottor Mallett.

Fonte immagine, Il dottor Robbie Mallett

Commenta la foto,

Ghiaccio marino molto sottile in primo piano – Questo è un tipo di ghiaccio marino chiamato “nilas” che si forma in condizioni di vento molto basso

Il ghiaccio marino si forma durante l’inverno del continente (da marzo a ottobre) prima di sciogliersi in gran parte in estate, e fa parte di un sistema interconnesso che comprende anche iceberg, ghiaccio terrestre e massicce piattaforme di ghiaccio: estensioni galleggianti di ghiaccio terrestre che sporgono dalla costa.

Il ghiaccio marino agisce come una coltre protettiva di ghiaccio che ricopre la terra e impedisce il riscaldamento dell’oceano.

La dottoressa Caroline Holmes del British Antarctic Survey spiega che gli effetti della riduzione del ghiaccio marino potrebbero diventare evidenti con l’avvicinarsi dell’estate, quando esiste il potenziale per un ciclo di feedback inarrestabile di scioglimento dei ghiacci.

Man mano che il ghiaccio marino scompare, si espongono aree scure dell’oceano, che assorbono la luce solare anziché rifletterla, aggiungendo energia termica all’acqua, che a sua volta scioglie più ghiaccio. Gli scienziati chiamano questo fenomeno l’effetto albedo del ghiaccio.

“Vogliamo svegliare questo gigante in Antartide?” si chiede il professor Martin Siegert, glaciologo dell’Università di Exeter. Dice che sarebbe “un disastro assoluto per il mondo”.

La professoressa Anna Hogg, scienziata della Terra presso l’Università di Leeds, afferma che ci sono segnali che ciò che sta realmente accadendo alle calotte glaciali dell’Antartide rientra nello scenario peggiore del previsto.

Anche un modesto aumento del livello del mare può portare a tempeste pericolosamente elevate che possono spazzare via le comunità costiere. Se grandi quantità di ghiaccio terrestre iniziassero a sciogliersi, gli effetti sarebbero catastrofici per milioni di persone in tutto il mondo.

“Non avremmo mai pensato che lì potessero verificarsi eventi meteorologici estremi”.

Essendo un continente indipendente circondato dall’acqua, l’Antartide ha il proprio sistema meteorologico e climatico. Fino al 2016, l’estensione del ghiaccio marino invernale dell’Antartide era in realtà in crescita.

Ma nel marzo 2022, un’intensa ondata di caldo ha colpito l’Antartide orientale, spingendo le temperature a -10°C quando avrebbero dovuto essere più vicine a -50°C.

“Quando ho iniziato a studiare l’Antartide 30 anni fa, non avremmo mai pensato che lì potessero verificarsi eventi meteorologici estremi”, afferma il professor Siegert.

La lontananza dell’Antartide e la mancanza di informazioni storiche fanno sì che molto rimanga sconosciuto.

Secondo il dottor Robbie Mallett, la regione rappresenta ancora il “selvaggio West” in termini scientifici.

Gli scienziati sanno quanto è diffuso il ghiaccio marino, ma non sanno, ad esempio, quanto sia spesso. Risolvere questo enigma potrebbe cambiare radicalmente i modelli climatici nella regione.

Fonte immagine, Il dottor Robbie Mallett

Commenta la foto,

Il dottor Mallett e il suo team escono ogni giorno per misurare il ghiaccio e la neve in Antartide

Lui e altri scienziati stanno ancora cercando di scoprire le ragioni della scomparsa del ghiaccio invernale.

“C’è la possibilità che questa sia una strana espressione di fluttuazioni naturali”, dice, il che significa che molti fattori naturali potrebbero essersi accumulati e influenzare l’area contemporaneamente.

Gli scienziati sottolineano che gli oceani, che quest’anno hanno registrato temperature record, sono probabilmente un fattore che contribuisce, poiché l’acqua calda non congela.

Potrebbero anche esserci stati cambiamenti nelle correnti oceaniche e nei venti che influenzano le temperature in Antartide.

È anche possibile che il fenomeno climatico El Niño che si sta attualmente sviluppando nella regione del Pacifico stia contribuendo al ritiro del ghiaccio marino, sebbene sia ancora debole.

Il dottor Mallett afferma che ci sono “ottime ragioni per essere preoccupati”.

“È potenzialmente un segnale davvero preoccupante del cambiamento climatico in Antartide che non c’era 40 anni fa. Sta emergendo solo ora.”