Febbraio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I pianeti bulbi oculari sono una cosa reale?

I pianeti bulbi oculari sono una cosa reale?

Scritto da Roberto Scocchi | pubblicato

Se ti è mai capitato di sentirti osservato da lontano, potrebbe essere perché i pianeti ti stanno osservando. Beh, in realtà potrebbe non essere così, ma la convinzione prevalente tra gli astronomi è che ci siano molti pianeti fluttuanti nello spazio profondo che potrebbero potenzialmente ospitare la vita. Questi esopianeti sembrano giganteschi bulbi oculari intergalattici e hanno un aspetto distintivo che, come avrete indovinato, ha una sorprendente somiglianza con un bulbo oculare che fluttua nello spazio.

Cos'è il bulbo oculare del pianeta?

I pianeti del bulbo oculare sono esopianeti bloccati in una fase di blocco della marea. Il blocco della marea si verifica quando un corpo celeste ruota alla stessa velocità della sua orbita, rendendolo sempre visibile da un lato, con un lato sempre rivolto nella direzione opposta da un punto di osservazione. La nostra Luna, ad esempio, è bloccata in modo mareale rispetto alla Terra, motivo per cui i Pink Floyd si riferivano notoriamente al lato oscuro della Luna.

Sebbene la Terra non sia bloccata in base alle maree con il Sole, i pianeti del bulbo oculare condividono una relazione con la stella più vicina, una relazione simile alla relazione della Luna con la Terra. In altre parole, ogni pianeta del bulbo oculare ha un lato diurno e un lato notturno con caratteristiche fisiche uniche.

Rappresentazione artistica del pianeta Eyeball della NASA

giorno contro Aspetti notturni

I pianeti del bulbo oculare sono disponibili in diverse forme e forme, ma hanno sempre un lato diurno e un lato notturno. Il lato diurno, come suggerisce il nome, è bloccato in una fase di luce diurna perpetua, sempre rivolto verso la sua stella madre ed esposto alla radiazione stellare. Di giorno, puoi aspettarti di vedere paesaggi aridi che difficilmente possono sostenere la vita.

READ  È stato scoperto per la prima volta il disco formato da un pianeta attorno a una stella di un'altra galassia

Al contrario, i pianeti del bulbo oculare potrebbero essere ricoperti di ghiaccio sul lato notturno. Poiché questa parte del pianeta è lontana da una fonte di calore costante, la superficie è probabilmente ricoperta di ghiaccio e, in alcuni casi, di acqua simile agli oceani sulla Terra.

caldo contro Occhi ghiacciati

Ma è qui che la cosa diventa interessante. Esistono due tipi conosciuti di pianeti bulbi oculari: bulbi oculari caldi e bulbi oculari ghiacciati. I bulbi oculari caldi si trovano vicino al calore della loro stella madre, i loro anelli di ghiaccio in fusione sono potenzialmente abitabili da piante o organismi più complessi.

D’altro canto, i pianeti ghiacciati con un lato ghiacciato sono ancora bloccati in uno stato di oscurità perpetua. Ma poiché sono lontani dalla loro stella madre, il lato diurno non è necessariamente terraferma, ma coperto da vasti specchi d’acqua non dissimili da quelli terrestri.

Tenendo presente queste informazioni, non è escluso che l'acqua su questi pianeti possa essere terreno fertile (o, in questo caso, acqua) per lo sviluppo di forme di vita extraterrestri.

Tuttavia, va notato che stiamo parlando di due possibili estremi. Ciò significa che, a parte i pianeti caldi e ghiacciati, potrebbe esserci una scala mobile delle temperature nel nostro vasto ed espansivo universo. Se si considerano le diverse formazioni nuvolose, le distanze dalle fonti di calore primarie e le diverse composizioni chimiche di questi misteriosi esopianeti a bulbo oculare, ogni pianeta a bulbo oculare potrebbe avere un insieme unico di proprietà distinte dalla sua posizione attuale nello spazio profondo.