Gennaio 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Arrestato in Francia uno degli assassini del giornalista saudita Kashoki

  • La polizia francese è intervenuta sulla base di un mandato di cattura turco
  • L’ambasciata saudita ha affermato che gli arresti non hanno nulla a che fare con il caso.
  • Fonti della polizia hanno detto che le indagini sull’espulsione si svolgeranno mercoledì

PARIGI, 7 dicembre (Reuters) – Fonti delle forze dell’ordine francesi hanno arrestato martedì un sospetto nel tentativo di omicidio del giornalista saudita Jamal Kashoki mentre si preparava a imbarcarsi su un volo da Parigi a Riyadh, hanno riferito fonti delle forze dell’ordine francesi.

Il fidanzato di Kashogi ha accolto con favore la detenzione del sospettato e ha detto che dovrebbe essere perseguito per il suo ruolo nell’omicidio del 2018. Ma l’ambasciata saudita a Parigi ha affermato che il detenuto “non ha alcun legame con il caso”.

“Quindi l’ambasciata del regno si aspetta che venga rilasciato immediatamente”, si legge in una nota.

Iscriviti ora per un accesso gratuito illimitato a reuters.com

Una fonte di polizia e giudiziaria francese ha chiamato l’uomo Khalid al-Otaibi – lo stesso nome di un ex membro della Guardia Reale saudita che è stato identificato nell’elenco delle sanzioni statunitensi e britanniche e delle Nazioni Unite. Kashogi è stato coinvolto nell’omicidio.

Fonti della polizia hanno affermato che la polizia ha arrestato Kashoghi sulla base di un mandato di cattura emesso nel 2019 dalla Turchia, Paese in cui è stato ucciso.

Kashoki, giornalista del Washington Post e critico del principe ereditario Mohammed bin Salman, il vero sovrano dell’Arabia Saudita, ha visitato l’ultima volta il consolato saudita a Istanbul il 2 ottobre 2018. Le autorità turche ritengono che il suo corpo sia stato mutilato e rimosso. I suoi resti non sono stati trovati.

READ  Ascolta la canzone Sick Mac Sound Effect mentre Apple apre il suo discorso di apertura

Il rapporto dell’intelligence statunitense è stato pubblicato a marzoQuest’anno il principe Mohammed ha approvato un’operazione per uccidere o catturare Kashoki. Il governo saudita ha negato qualsiasi coinvolgimento con il principe ereditario e ha negato i risultati del rapporto.

L’anno scorso, un tribunale saudita ha condannato otto persone a sette-20 anni di carcere per l’omicidio, ma nessuno degli imputati è stato nominato. L’indagine è stata criticata da un funzionario delle Nazioni Unite e da attivisti per i diritti umani, che hanno affermato che le menti degli omicidi erano libere.

“Questo potrebbe essere un importante punto di svolta nella ricerca di giustizia per Jamal Kashoghi”, ha detto l’ex inviato delle Nazioni Unite. L’investigatore Agnes Colmart ha detto in custodia a Parigi.

Nel suo rapporto del 2019 alle Nazioni Unite, Calmart menziona al-Otaibi come parte della squadra saudita che ha ucciso Kashogi e mutilato il suo corpo prima di tornare in Arabia Saudita.

Colmart, ora presidente del gruppo per i diritti Amnesty International, ha affermato che sono necessarie ulteriori conferme per dimostrare che l’uomo arrestato in Francia fosse la stessa persona identificata nella sua dichiarazione.

Il 25 ottobre 2018, un manifestante ha tenuto un poster con una foto del giornalista saudita Jamal Kashoki fuori dal consolato dell’Arabia Saudita a Istanbul, in Turchia. REUTERS / Osman Orsalì

Fonti della polizia hanno riferito che l’uomo era trattenuto presso la stazione di polizia di frontiera dell’aeroporto Charles de Gaulle vicino a Parigi e mercoledì mattina sarà portato davanti a un tribunale nel centro della città per essere interrogato sulla sua deportazione in Turchia.

READ  L'attaccante giapponese Joker voleva "uccidere molte persone" - la polizia

Lo scorso fine settimana, Emmanuel, presidente della FranciaMacron ha avuto colloqui faccia a faccia con il principe Mohammed in Arabia Saudita.

“Identità sbagliata”

Non è chiaro come o quando al-Otaibi sia arrivato in Francia.

Il ministero dell’Interno francese ha rifiutato di commentare. Funzionari turchi hanno affermato di essere in attesa di confermare l’identità della persona arrestata.

Un funzionario saudita ha detto a Reuters: “I media dicono che la persona coinvolta nel crimine contro il cittadino saudita Jamal Kashoghi è stata arrestata in Francia”.

“Questo è un caso di falsa identità. Gli autori stanno attualmente scontando le loro condanne in Arabia Saudita”.

Il fidanzato di Kashogi, Hadis Gengis, Ha detto su Twitter: “Accolgo con favore l’arresto di uno degli assassini di Jamal in Francia oggi”.

“La Francia deve processarlo per il suo crimine o estradarlo in un paese che è disposto a processarlo e processarlo come l’uomo che ha ordinato l’assassinio di Jamal”, ha detto Gengis.

Un rapporto del 2019 compilato da Colmart afferma che al-Otaibi era un membro del gruppo saudita di 15 persone coinvolte nell’uccisione di Kashogia e che il giornalista si è recato all’ambasciata per ottenere un documento per consentire al fidanzato di sposarsi.

Il rapporto afferma che al-Otaibi era uno dei cinque membri della residenza dell’ambasciata generale che non erano all’ambasciata – afferma il rapporto.

UN Rapporto Al-Otaibi è stato coinvolto nel nascondere testimoni presso il consolato del generale saudita dopo l’assassinio, ha detto il Financial Enforcement Office del Regno Unito. Un Dipartimento del Tesoro degli Stati UnitiRapporto Al-Otaibi è stato uno di quelli coinvolti nell’assassinio di Kashoki.

Segnalato da Alain Acco e Tassilo Hummel; Relazione aggiuntiva di Kirt de Clerk, John Irish, Donkey Salan, Guida Contus; Scritto da Ingrid Melander e Christian Lowe; Modifica Peter Cooney

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.