Novembre 29, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Arshad Sharif: eminente giornalista pakistano ucciso in Kenya

Arshad Sharif: eminente giornalista pakistano ucciso in Kenya


Nairobi
Affari CNN

Le autorità hanno detto che Arshad Sharif, un importante giornalista pakistano fuggito dal Paese dopo essere stato accusato di sedizione, è morto in Kenya dopo che la polizia gli ha sparato in risposta alla notizia di un furto d’auto.

“Gli agenti che seguivano il veicolo… hanno allertato la polizia di Magadi che ha istituito un posto di blocco”, ha detto in una nota Bruno Issui Chiusu, portavoce del Servizio di polizia nazionale del Kenya.

L’auto dello sceriffo avrebbe superato il posto di blocco ed “è stato allora che sono stati colpiti”, ha detto Chiuso. Sharif è stato “ferito a morte da un agente di polizia”, ​​ha detto, aggiungendo che l’incidente è oggetto di indagine.

Secondo un rapporto della polizia visto dall’agenzia di stampa nazionale del Kenya, The Nation, il posto di blocco è stato istituito dopo la notizia del sequestro di un’auto con un numero di targa simile a quello di Sharif.

L’Autorità indipendente di supervisione della polizia del Kenya (IPOA), un cane da guardia civile, ha affermato di aver già avviato un’indagine sull’incidente.

“Ho perso il mio amico, mio ​​marito e il mio giornalista preferito @arsched oggi, secondo la polizia, gli hanno sparato in Kenya”, la moglie di Sharif, Javiria Siddik, Tweet lunedì.

Sharif è fuggito dal Pakistan ad agosto con l’accusa di sedizione per aver criticato le istituzioni statali e “incitato alla ribellione” all’interno dell’esercito.

Aveva intervistato il politico dell’opposizione Shahbaz Gill, stretto alleato dell’ex primo ministro Imran Khan. Dopo l’intervista, la polizia pakistana ha anche accusato Gill di sedizione per aver fatto quelli che affermano essere “commenti anti-statali”.

READ  Le azioni di Hong Kong hanno esteso i loro guadagni a oltre il 5% dopo che la Cina ha tenuto un briefing sul virus Covid

Il canale Sharif ARY inizialmente ha affermato di essere stato “perseguitato dall’attuale regime”, ma poi ha affermato di aver interrotto i legami con Sharif dopo che è stata sospesa dall’Autorità di regolamentazione dei media elettronici del Pakistan per circa un mese l’8 agosto.

Sharif “ha dovuto fuggire dal Pakistan ad agosto per salvarsi la vita”, ha detto alla Galileus Web una persona a lui vicina. L’aiutante ha aggiunto di essersi inizialmente recato a Dubai ma di essere stato costretto a fuggire dagli Emirati Arabi Uniti a causa delle “molestie da parte di funzionari pakistani”.

L’assistente ha detto che Sharif “è stato in Kenya solo per poche settimane perché quello è uno dei pochi posti in cui i titolari di passaporto pachistano non hanno bisogno di un visto per entrare”.

Il ministero degli Esteri pakistano ha detto che i funzionari dell’ambasciata pakistana a Nairobi stavano aspettando il rapporto della polizia.

Sebbene il Pakistan non sia tecnicamente sotto il dominio militare oggi, è stato governato dai militari per gran parte dei suoi 75 anni di storia.

La Foreign Press Association of Africa (FPA Africa) si è detta “profondamente turbata” dall’omicidio di Sharif, in particolare dalle circostanze in cui è morto.

“La morte dello sceriffo ha derubato la confraternita dei media globali di un giornalista leale e schietto”, ha affermato FPA Africa in una nota.

L’associazione ha aggiunto che sta chiedendo alle autorità del Kenya di indagare sull’incidente e quindi rassicurare “i giornalisti stranieri residenti nel Paese e che si occupano dell’Africa, compresi quelli in visita per incarico e altri incarichi professionali, che sono al sicuro”.

READ  "Non ci rendiamo nemmeno conto che è una truffa"

La Commissione per i diritti umani del Pakistan (HRCP) ha twittato lunedì che “il lungo e cupo record di tattiche violente per mettere a tacere i giornalisti spiega perché l’uccisione del giornalista Arshad Sharif in Kenya ha suscitato un’ondata di shock nella comunità dei giornalisti”.

Il primo ministro pakistano Shahbaz Sharif ha dichiarato su Twitter di essere “profondamente rattristato dalla notizia scioccante” della morte di Sharif. Shahbaz ha anche affermato di aver avuto una conversazione telefonica con il presidente del Kenya William Ruto: “Gli ho chiesto di garantire un’indagine equa e trasparente sull’orribile incidente. Ha promesso un’assistenza completa, inclusa l’accelerazione del processo di restituzione del corpo in Pakistan”.