Maggio 26, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Biden dice a Netanyahu che gli Stati Uniti non parteciperanno ad alcun contrattacco contro l'Iran

Biden dice a Netanyahu che gli Stati Uniti non parteciperanno ad alcun contrattacco contro l'Iran



CNN

Il presidente Joe Biden e i membri anziani della sua squadra di sicurezza nazionale, cercando di contenere il rischio di una guerra regionale più ampia dopo una raffica di missili e droni iraniani diretti contro Israele, hanno detto alle loro controparti che gli Stati Uniti non si impegneranno in alcuna azione offensiva contro l’Iran. . Secondo i funzionari americani che hanno familiarità con la questione.

In Conversazione con il primo ministro Benjamin Netanyahu Sabato sera, Biden ha cercato di ritrarre il successo di Israele nell’intercettare l’attacco iraniano come una grande vittoria, suggerendo al contempo che un’ulteriore risposta israeliana non era necessaria.

Un alto funzionario dell'amministrazione ha detto che Biden ha detto al primo ministro israeliano nella sua telefonata che avrebbe dovuto considerare sabato una vittoria perché gli attacchi iraniani sono stati in gran parte infruttuosi e hanno dimostrato la capacità militare superiore di Israele. Gli Stati Uniti hanno valutato che “non ci sono stati danni significativi all’interno dello stesso Israele”, secondo un alto funzionario militare americano.

John Kirby, portavoce della sicurezza nazionale della Casa Bianca, ha detto domenica che la capacità di prevenire danni diffusi è la prova della “superiorità militare” di Israele e la prova che l'Iran non è “la potenza militare che afferma di essere”.

“Questo è stato un successo straordinario e ha davvero dimostrato la superiorità militare di Israele e, cosa altrettanto importante, la sua superiorità diplomatica, il fatto che hanno amici nella regione e che hanno tutto il mondo disposto ad aiutarli”, ha detto Kirby a Jake della CNN. Tapper. Stato dell'unione.”

Il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha chiesto al suo omologo israeliano, il ministro Yoav Gallant, di avvisare gli Stati Uniti prima di ogni possibile risposta all'attacco iraniano, secondo un altro funzionario americano.

READ  Nuove incisioni antiche scoperte nelle Linee Masca del Perù

Anche se i funzionari statunitensi assicuravano alle loro controparti che la decisione finale su come rispondere all’Iran spettava a Israele, Biden ha cercato di impedire una più ampia escalation del conflitto.

Domenica Biden si è incontrato con gli altri leader del G7 per discutere una “risposta diplomatica unificata”, concentrandosi su misure non militari che limiterebbero il potenziale di una guerra più ampia.

In una dichiarazione congiunta rilasciata dopo l’incontro virtuale, i membri del G7 hanno condannato “nei termini più forti” l’attacco iraniano diretto e senza precedenti contro Israele e hanno espresso la loro “solidarietà e pieno sostegno a Israele e al suo popolo e hanno riaffermato il nostro impegno per la sua sicurezza”. ”

Ha aggiunto: “Con le sue azioni, l’Iran si è proposto di destabilizzare la regione e rischia di provocare un’escalation regionale incontrollabile. “Questo deve essere evitato”, si legge nella dichiarazione del G7.

Un alto funzionario dell'amministrazione ha poi descritto l'incontro e la discussione dei leader sull'Iran come “costruttivi” e ha sottolineato il continuo sostegno a Israele.

“Siamo impegnati a difendere Israele. Non prenderemo parte ad alcuna risposta che daranno. “È una politica molto coerente”, ha detto l'alto funzionario dell'amministrazione.

Ufficio del primo ministro israeliano

In questa foto, pubblicata domenica mattina presto, ora locale, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu parla al telefono con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Parti di questa immagine sono state sfocate dalla fonte.

Resta una questione aperta se Netanyahu seguirà il consiglio di Biden. Le azioni di ritorsione iraniane sono arrivate in un momento di profonda tensione tra i due uomini per la guerra a Gaza. Nel corso di quel conflitto furono rivelati i limiti dell’influenza americana nel processo decisionale israeliano.

READ  Svezia e Finlandia per rafforzare ulteriormente la cooperazione in materia di sicurezza

Domenica l’amministrazione Biden ha dichiarato che Israele ha informato gli Stati Uniti che “non cerca un’escalation significativa con l’Iran”.

L’alto funzionario dell’amministrazione americana ha dichiarato: “Il presidente è stato molto chiaro sul fatto che aiuteremo a difendere Israele, e ieri sera ha chiarito al primo ministro che dobbiamo pensare attentamente e strategicamente ai rischi di un’escalation”.

La decisione dell'Iran di lanciare armi dal suo territorio verso Israele esacerba l'ostilità di lunga data tra i due paesi. Ci sarà probabilmente una pressione politica all’interno di Israele per qualche tipo di risposta.

Kirby ha affermato che l'attacco – il primo lanciato dal territorio iraniano contro Israele – non costituisce necessariamente l'inizio di una guerra regionale più ampia.

“Non pensiamo che sia così e non pensiamo che dovrebbe essere così”, ha detto a Tapper, sottolineando che gli Stati Uniti e Israele avevano una buona idea in anticipo di ciò che l'Iran intendeva fare.

Domenica Gallant ha avvertito che il confronto con l'Iran continua “Non è ancora finita.” Si prevede che le opzioni di risposta a disposizione del Paese saranno discusse in dettaglio durante la riunione del Gabinetto della Difesa israeliano.

Il comandante del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche iraniane, Hossein Salami, ha avvertito che Teheran avrebbe risposto direttamente se Israele avesse risposto, affermando che era stata creata una “nuova equazione”.

Sabato Biden si è incontrato con la sua squadra di sicurezza nazionale per ottenere “aggiornamenti in tempo reale” sull’attacco iraniano contro Israele – che a volte ha portato a “momenti di tensione” nella Situation Room della Casa Bianca.

Uno di questi momenti di tensione si è verificato quando nel cielo c'erano più di 100 missili balistici, con un breve volo verso Israele.

READ  La guerra ucraina delude le speranze degli anziani giapponesi di tornare alle Isole Curili

“I risultati delle difese, ovviamente, non furono chiari finché tutto non fu detto e fatto, quando i risultati delle difese furono resi noti, cioè quando sapemmo che i preparativi e la pianificazione avevano avuto successo, c’era poco sollievo”.

Funzionari statunitensi hanno parlato di preparativi in ​​corso in vista dell'attacco iraniano, che era stato previsto dopo il sospetto raid israeliano su un complesso diplomatico iraniano in Siria all'inizio di questo mese.

L'alto funzionario dell'amministrazione ha detto che i preparativi per l'attacco di sabato sono iniziati “circa due settimane fa” e hanno incluso, tra le altre azioni, aggiustamenti della posizione delle forze e discussioni in corso con gli israeliani e altri partner nella regione.

Dopo che la Casa Bianca ha deciso che l'attacco di sabato era stato in gran parte sconfitto, Biden ha contattato Netanyahu.

Biden ha continuato ad aggiornarlo regolarmente, secondo i funzionari. Domenica mattina, il presidente ha riunito nuovamente i suoi consiglieri nella Situation Room, tra cui il segretario di Stato Antony Blinken, il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan, il vice consigliere per la sicurezza nazionale John Feiner e il coordinatore per il Medio Oriente Brett McGurk.

Questa storia e il titolo sono stati aggiornati con ulteriori rapporti.

Sharon Braithwaite, Radina Gegova, Katherine Nichols e Tamar Michaelis della CNN Ha contribuito a questo rapporto.