Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il presidente della Corea del Sud avverte di una repressione mentre lo sciopero dei camionisti entra nel secondo giorno

Il presidente della Corea del Sud avverte di una repressione mentre lo sciopero dei camionisti entra nel secondo giorno

Di Joo Min Park e Heekyeong Yang

SEOUL (Reuters) – Il presidente sudcoreano Yoon Sok-yul ha avvertito che il governo potrebbe intervenire per porre fine a uno sciopero nazionale dei camionisti, definendolo una mossa illegale e inaccettabile per prendere “in ostaggio” la catena di approvvigionamento nazionale durante una crisi economica.

Migliaia di camionisti sindacalizzati hanno iniziato giovedì il loro secondo grande sciopero per chiedere salari e condizioni di lavoro migliori in meno di sei mesi. La misura ha già interrotto le catene di approvvigionamento nella decima economia più grande del mondo, colpendo le case automobilistiche, l’industria del cemento e i produttori di acciaio.

Funzionari sindacali hanno detto a Reuters che non sono in corso negoziati o dialoghi con il governo. Il ministero dei trasporti del paese ha dichiarato di aver richiesto un dialogo con il sindacato giovedì, ma le due parti devono ancora concordare una data.

Funzionari sindacali hanno stimato che circa 25.000 persone hanno aderito allo sciopero, su circa 420.000 lavoratori dei trasporti in Corea del Sud. Si prevede che circa 7.700 persone prenderanno parte allo sciopero venerdì in 164 località a livello nazionale, ha affermato il Dipartimento dei trasporti, in calo rispetto alle 9.600 di giovedì.

“Il pubblico non tollererà che il sistema logistico venga preso in ostaggio di fronte a una crisi nazionale”, ha detto Yoon in un messaggio su Facebook giovedì scorso, osservando che le esportazioni sono state fondamentali per affrontare l’instabilità economica e la volatilità dei mercati finanziari.

“Se l’irresponsabile negazione dei trasporti continua, il governo non avrà altra scelta che rivedere una serie di misure, compreso l’ordine di avvio”.

READ  Il marinaio francese Laurent Camproby è sopravvissuto per 16 ore sotto una barca che si è capovolta nell'Oceano Atlantico

Secondo la legge sudcoreana, durante una grave interruzione dei trasporti, il governo può emettere un ordine per costringere i lavoratori dei trasporti a tornare al lavoro. Il mancato rispetto è punibile con la reclusione fino a tre anni o con una multa fino a 30 milioni di won (22.550 USD).

Se il governo fa questa scelta, sarà la prima volta nella storia della Corea del Sud che viene emesso un ordine del genere.

Lo sciopero arriva dopo che le esportazioni della Corea del Sud in ottobre hanno registrato il calo maggiore in 26 mesi, poiché il deficit commerciale si è esteso per un settimo mese, sottolineando un rallentamento nella sua economia dipendente dalle esportazioni.

In mezzo all’oscurità economica, l’indice di approvazione di Yoon è rimasto pressoché invariato per la quinta settimana al 30%, secondo Gallup Korea venerdì, anche se la sua attenzione agli affari economici ha ricevuto una risposta positiva.

Risposta su linea fissa

Fuori dal cancello del deposito di container presso lo snodo dei trasporti di Awang, dozzine di camionisti sindacalizzati si sono accampati e stanno pernottando in tende bianche sorvegliati dalle pattuglie della polizia, sebbene lo sciopero sia stato finora pacifico.

“Inietteremo tutto, risorse e denaro, e implementeremo ogni strategia che abbiamo”, ha affermato Lee Young-ju, direttore generale della filiale di Seoul della Truckers Solidarity Union (CTSU).

Indipendentemente dai fondi disponibili, ha detto Lee, il sindacato raccoglierà fondi di emergenza tra i suoi membri se lo sciopero continua. “Siamo disperati, ma il governo ei politici contano i loro guadagni politici e non ci ascoltano sinceramente”, ha detto.

READ  'Deltacron:' Nuovi casi di variante COVID confermati dall'OMS - NBC Chicago

Lee ha affermato che, a differenza del precedente sciopero di giugno, incentrato sul blocco del trasporto di container, cemento e automobili, il sindacato ha pianificato di ampliare i propri obiettivi e interrompere le forniture di generi alimentari e carburante.

Il presidente del sindacato, Lee Bong-ju, ha affermato che i camionisti non hanno avuto altra scelta che scioperare dopo che il governo ha bloccato i negoziati.

“Il governo di Yun Seok-yul sta minacciando una risposta dura senza fare alcuno sforzo per fermare lo sciopero”, ha detto giovedì ai giornalisti.

Il primo giorno dello sciopero, la Korea International Trade Association (KITA) ha ricevuto 19 segnalazioni di interruzioni logistiche. Ciò includeva l’impossibilità di portare materie prime, costi logistici elevati e ritardi nelle consegne che hanno portato a sanzioni e alla cancellazione del commercio con gli acquirenti esteri.

KITA ha affermato che in un caso, le materie prime sono state consegnate a un’azienda chimica sotto la protezione della polizia dopo che ai camionisti in sciopero era stato negato l’accesso a uno stabilimento.

Il gruppo di lobby coreano, la Korea Cement Association, ha affermato che giovedì l’industria del cemento ha subito perdite di produzione stimate in 19 miliardi di won ($ 14,26 milioni), dopo che le spedizioni sono scese sotto le 10.000 tonnellate a causa dello sciopero.

Ciò si confronta con la domanda di cemento della Corea del Sud di 200.000 tonnellate al giorno nell’alta stagione tra settembre e inizio dicembre. I cantieri corrono il rischio di esaurire i materiali da costruzione dopo il fine settimana.

Il ministero dell’Industria ha affermato che giovedì anche il settore siderurgico ha registrato un calo delle spedizioni. POSCO, il più grande produttore di acciaio del paese, ha rifiutato di commentare la gamma.

READ  I contendenti al Primo Ministro britannico litigano sui tagli alle tasse in un dibattito televisivo

Nel frattempo, un rappresentante di un sindacato separato presso lo stabilimento ha detto a Reuters che i lavoratori dello stabilimento di Ulsan della Hyundai Motor Company dovrebbero guidare circa 1.000 nuove auto direttamente ai clienti venerdì, dopo aver consegnato circa 50 auto giovedì. Finora, ha detto il funzionario, non c’è stato alcun impatto sulla produzione di automobili.

Gli autisti reclutati da Hyundai Glovis, consociata di Hyundai Motor Logistics, hanno anche iniziato a consegnare alcuni veicoli Kia Corp. guidandoli direttamente dalla fabbrica Kia di Gwangju ai clienti, ha detto a Reuters un funzionario Kia.

Il funzionario non ha detto quanti veicoli Kia sarebbero stati consegnati direttamente agli acquirenti.

($ 1 = 1.332,4700 vinti)

(Segnalazione di Jo Min Park, Joyce Lee e Haekyeong Yang; Segnalazione aggiuntiva di Chun Sik Yu; Montaggio di Jerry Doyle e Kenneth Maxwell)