Febbraio 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Canada e Arabia Saudita normalizzano le relazioni diplomatiche dopo la scissione del 2018

Canada e Arabia Saudita normalizzano le relazioni diplomatiche dopo la scissione del 2018

OTTAWA (Reuters) – Il Canada e l’Arabia Saudita hanno concordato di riprendere le piene relazioni diplomatiche e nominare nuovi ambasciatori.

La decisione fa seguito alle discussioni tra il primo ministro canadese Justin Trudeau e il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman a margine del vertice della Cooperazione economica Asia-Pacifico (APEC) a Bangkok nel novembre dello scorso anno, secondo le dichiarazioni di Canada e Arabia Saudita. .

La dichiarazione afferma che la decisione nasce dal “desiderio di entrambe le parti di ripristinare le relazioni diplomatiche tra i due Paesi sulla base del rispetto reciproco e degli interessi comuni”.

La disputa nel 2018 è stata preceduta dall’uccisione del giornalista Jamal Khashoggi nello stesso anno, che è stata condannata dal Canada e da tutti i paesi occidentali. È iniziato quando l’ambasciata canadese a Riyadh ha pubblicato un tweet in arabo sollecitando l’immediato rilascio delle attiviste per i diritti delle donne detenute in Arabia Saudita.

Ciò ha spinto Riyadh a richiamare il suo ambasciatore, impedire il ritorno dell’inviato e imporre il divieto di nuovi commerci.

“Le misure commerciali punitive saranno revocate”, ha detto una fonte del governo canadese a conoscenza dell’accordo che non era autorizzata a parlare pubblicamente. Non era chiaro quale effetto avrebbe avuto la controversia sul commercio.

L’Arabia Saudita è stata il più grande mercato di esportazione del Canada nella regione nel 2021, secondo i dati ufficiali, quando ha totalizzato 2,2 miliardi di dollari canadesi (1,65 miliardi di dollari). Le importazioni ammontavano a 2,4 miliardi di dollari. Quasi tutte le importazioni del Canada erano petrolio e prodotti petrolchimici. Oltre l’80% delle esportazioni verso l’Arabia Saudita erano mezzi di trasporto.

READ  Fujitsu afferma che risarcire le vittime degli uffici postali è un “obbligo morale”

La fonte ha aggiunto: “Le sedie vuote alla fine della giornata non promuovono i nostri interessi, né avanzano cose come i diritti umani”.

La normalizzazione arriva quando il principe saudita, noto come Mohammed bin Salman, cerca di riaffermare l’Arabia Saudita come potenza regionale usando il suo posto in cima a un gigante energetico in un mondo dipendente dal petrolio consumato dalla guerra in Ucraina.

“L’Arabia Saudita è un paese fondamentale nella sua regione. È un attore importante”, ha affermato Roland Paris, ex consigliere di politica estera di Trudeau e professore di affari internazionali all’Università di Ottawa. “Ha senso rimettere gli ambasciatori per mantenere aperti i canali di comunicazione”.

Il Canada nominerà Jean-Philippe Linto come suo nuovo ambasciatore a Riyadh.

La fonte ha aggiunto che il ministro degli Esteri canadese Melanie Jolie ha dichiarato: “Dobbiamo avere conversazioni con persone con le quali non siamo sempre d’accordo su tutto per trovare soluzioni globali ai problemi globali”.

($ 1 = 1,3372 dollari canadesi)

(Segnalazione di Steve Shearer) Montaggio di Kirsten Donovan

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.