Giugno 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Con lo sport universitario che sta raggiungendo un momento critico, i gruppi di private equity stanno facendo pressioni per ottenere il loro sostegno

Con lo sport universitario che sta raggiungendo un momento critico, i gruppi di private equity stanno facendo pressioni per ottenere il loro sostegno

Da un anno ormai, Drew Weatherford opera nell’ombra dell’atletica universitaria.

Ha tenuto incontri segreti con rappresentanti di oltre 50 programmi di suddivisione del Football Bowl: dozzine di direttori sportivi, alcuni presidenti di università e persino alcuni membri del consiglio scolastico e direttori finanziari.

C’erano telefonate dal suo ufficio, chat su Zoom nelle hall degli hotel e incontri di persona nei bar. La maggior parte di essi si svolge in modo simile. Socievole e affascinante con un ampio sorriso bianco, Weatherford, un ex quarterback della NFL diventato venture capitalist privato, presenta una serie di diapositive che descrivono in dettaglio l’impresa che lui e il co-partner Jerry Cardinale di RedBird Capital Partners hanno lanciato lo scorso anno.

Il loro obiettivo è abbastanza semplice: infondere denaro immediato nei principali dipartimenti di atletica universitaria.

“Nessuna scuola ha detto: ‘No, non è qualcosa che prenderemo in considerazione'”, ha detto Weatherford.

In una delle settimane più importanti nella storia dell’atletica universitaria, i leader erano sul punto di approvare A.J. Risolvi uno storico caso antitrust e adotta un nuovo modello di condivisione dei ricavi Con gli atleti Weatherford parla pubblicamente per la prima volta delle sue imprese. In due incontri separati con Yahoo Sports, ha rivelato e poi spiegato le presentazioni che ha tenuto ai funzionari e al personale universitario negli ultimi 10-12 mesi.

Weatherford Capital e RedBird Capital Partners hanno unito le loro forze (e miliardi in contanti) per creare Collegiate Athletics Solutions, una campagna personalizzata e una piattaforma di business building per investire capitali nei dipartimenti di atletica universitari nel momento di maggior trasformazione del settore.

“Avevo la sensazione che il problema della condivisione delle entrate fosse reale. Questo sarebbe stato un altro grande successo per i dipartimenti di atletica”, ha detto Weatherford.

Gli amministratori del college si stanno preparando per la nuova realtà della condivisione dei ricavi direttamente con gli atleti come parte dei termini dell’accordo transattivo della Camera.

Mentre il La NCAA e le scuole pagheranno 2,8 miliardi di dollari per danni alla schienaHanno inoltre concordato un futuro modello di condivisione delle entrate dei giocatori con un tetto semi-stipendiale di 22 milioni di dollari all’anno per scuola. La maggior parte dei leader delle conferenze sul potere prevede di spendere fino a 30 milioni di dollari in nuove entrate all’anno se si considera il limite di condivisione delle entrate, oltre a ridurre la distribuzione della NCAA dei danni alla schiena e In genere vengono aggiunte nuove borse di studio Ciò, in una certa misura, elimina le restrizioni sugli aiuti finanziari.

Ciò significa 300 milioni di dollari di nuovo denaro nel periodo di liquidazione di 10 anni. Ecco perché, soprattutto nelle ultime due settimane, il telefono di Weatherford ha squillato più spesso del solito.

Con una mossa tempestiva la scorsa settimana, RedBird Capital ha aggiunto 4,7 miliardi di dollari al suo arsenale per nuove iniziative, secondo il Wall Street Journal, portando la società a quelli che si ritiene siano 10 miliardi di dollari di patrimonio netto.

Nell’ambito della piattaforma Collegiate Athletics Solutions, Weatherford e Cardinale stanno cercando da cinque a dieci programmi per investire almeno 50 milioni di dollari e fino a 200 milioni di dollari. Sono in “conversazioni profonde” con una “manciata” di programmi, anche se Weatherford ha rifiutato di identificare o discutere scuole specifiche.

Almeno tre direttori atletici di una scuola della Power Conference hanno confermato a Yahoo Sports di aver parlato in modo approfondito con Weatherford e Cardinal della partnership. Hanno rifiutato di rivelare la loro identità perché gli accordi non sono ancora stati finalizzati.

“Se vuoi competere a questo livello, il private equity e il capitale sono davvero importanti”, ha detto un direttore sportivo. “Parlo con questi ragazzi da 10-12 mesi. Non ho premuto il grilletto. Ma è questo ciò di cui avrai bisogno per avere successo e sopravvivere? Sì, lo è.”

Il private equity e il capitale privato non sono una novità per lo sport.

Infatti, RedBird ha acquisito il gigante del calcio italiano AC Milan per 1,3 miliardi di dollari nel 2022 e detiene partecipazioni nell’affiliata di Formula 1 Alpine e nel Fenway Sports Group, proprietario dei Boston Red Sox e della squadra di calcio inglese Liverpool. Lo studio di contenuti indipendente di RedBird, EverWonder, organizza un nuovo torneo di basket universitario maschile a otto squadre con sede a Las Vegas durante il fine settimana del Ringraziamento. Si prevede che il torneo pagherà alle squadre partecipanti fino a 2 milioni di dollari senza alcun accordo.

Questi progetti non sono esattamente rari nemmeno nel mondo dell’istruzione superiore. Ma nell’atletica universitaria era molto insolito. le parole privato E giustizia Insieme spaventano alcuni. Molti disapprovano l’idea che i dipartimenti di atletica – originariamente pensati per essere un’entità senza scopo di lucro di marketing e intrattenimento all’università – offrano il controllo di una parte di essi in cambio di soldi facili.

Weatherford descrive la Collegiate Athletic Solutions (CAS) come “capitale privato”, non come capitale. Dice che qui non c’è proprietà. Le scuole sono libere di essere flessibili con una somma forfettaria compresa tra 50 e 200 milioni di dollari. È pensato per essere speso con altro capitale esistente – come debito tradizionale, donazioni e obbligazioni di sostegno – per compensare spese come la condivisione delle entrate degli atleti, gli stipendi degli allenatori e i miglioramenti delle strutture. Ma la libertà è loro.

READ  Paul Feinbaum sulla critica di Nick Saban: se lo 'mangia'

Ha affermato che l’impresa CAS non richiede un ruolo gestionale all’interno del dipartimento atletico come spesso fa il private equity, sebbene sia destinato a fungere da consulente per presidenti e direttori sportivi nella gestione della crescita dei ricavi.

Dopotutto, hanno un incentivo a vedere aumenti nelle entrate della divisione: guadagnano una percentuale su ogni nuova crescita annuale. In un periodo compreso tra 10 e 20 anni, questa percentuale diminuisce dal 22% nei primi anni al 2% alla fine, quando l’azienda soddisfa il suo investimento principale originario. Weatherford descrive questo come prendere il “dividendo delle entrate”.

Se non c’è crescita, l’azienda non subisce alcun taglio.

“Non sono autorizzati a rimborsare i soldi che diamo loro”, ha detto Weatherford.

Queste società di capitali sono costruite attorno all’investimento saggio in entità produttrici di reddito. Perché rischiare una situazione precaria negli sport universitari se non ti viene garantito un profitto?

“Personalmente credo molto nell’atletica universitaria”, ha detto Weatherford. “Come ex atleta, devo molto a questo, e lo stesso vale per la mia famiglia. Crediamo nell’atletica universitaria. Non mi piace il fatto che 10-15 squadre abbiano la possibilità di vincere un titolo nazionale ogni anno. Lo farei come se fosse 40-50. Non è una situazione di parità. Non tutti hanno le risorse necessarie per competere.

Nuovi flussi di entrate sono più importanti che mai per i dipartimenti di atletica universitaria che, nel corso degli anni, hanno risparmiato poco o nessun denaro nelle riserve.

La maggior parte dei dipartimenti di atletica utilizza i profitti del proprio sport che genera entrate effettive (calcio) per sostenere il resto del dipartimento. Ciò significa finanziare la perdita degli sport olimpici e pagare il calcio.

Nel corso degli anni, sostenuti da contratti televisivi multimilionari, i dipartimenti atletici di altissimo livello sono diventati ricchi di denaro. Incapaci di compensare direttamente gli atleti e di esistere in un ambiente competitivo, i dipartimenti hanno versato fondi in eccesso in progetti di strutture appariscenti e stipendi multimilionari per allenatori e amministrativi nel tentativo di competere con i loro rivali sul percorso di reclutamento.

questo risultato? Molte scuole hanno debiti significativi che continuano ad espandersi mentre continua la corsa agli armamenti per la modernizzazione delle strutture e gli stipendi degli allenatori – fino ad ora. Le scuole sarebbero autorizzate – ma non obbligate – a pagare direttamente gli atleti. La corsa agli armamenti delle strutture si sta rapidamente evolvendo verso una corsa focalizzata esclusivamente sul compenso degli atleti.

“Ogni scuola con cui parlo dice che deve massimizzare la condivisione delle entrate altrimenti non sarà competitiva e rischierà di essere eliminata dalla conferenza”, ha detto Weatherford. “Hanno bisogno di generare maggiori entrate. La realtà è che gran parte del loro accesso al capitale è limitato. Hanno aumentato gran parte del loro debito per le strutture. Hanno fatto leva, hanno raccolto grandi quantità di denaro dai donatori a costruire strutture, e non direi che non ci sia più spazio, ma sono arrivati ​​all’orlo dell’esaurimento.

READ  Manchester United - Liverpool: Premier League inglese - in diretta! | premier League

Ma molti ancora mettono in dubbio la necessità di private equity o capitale negli sport universitari. Sebbene i membri del consiglio universitario e i capi di istituto siano molto favorevoli all’idea, sono naturalmente titubanti. Sono anche i leader più forti in questo sport.

“Cosa può fare il private equity che le scuole non possono fare con i donatori?” si chiede il commissario uscente per lo sport americano Mike Aresco. “Un’altra domanda… il private equity è in linea con i vostri obiettivi. Mi chiedo quale sia il suo ruolo nei dipartimenti di atletica universitaria.

In un’intervista del mese scorso, il commissario della SEC Greg Sankey ha respinto l’idea che il private equity fosse una sorta di salvatore per il settore. “Se usi il cliché, ‘Se comprassi azioni, comprerei azioni negli sport universitari’, beh, sembra che ci siano molte persone al di fuori degli sport universitari che la pensano così”, ha detto. “Qualcosa sta andando bene.”

Tuttavia, l’incombente modello di ripartizione delle entrate spinge i funzionari a cercare denaro. Si prevede che il nuovo modello entrerà in vigore a partire dal prossimo anno scolastico, nell’autunno del 2025. Risparmiare oltre 30 milioni di dollari in quattordici mesi non è un’impresa facile.

Per chi lavora nelle Big Ten e nella SEC il compito non è difficile. Nel corso dei prossimi anni, per ciascuno di questi membri saranno in arrivo più di 25 milioni di dollari in nuovi soldi per i playoff TV e College Football.

Nell’ACC e nei Big 12 le cose sono più difficili.

In effetti, una scuola ACC potrebbe essere più avanti delle altre nella ricerca di finanziamenti privati. Si ritiene che lo Stato della Florida e il direttore atletico Michael Alford stiano esplorando seriamente questa strada, con cifre multimilionarie che emergono dai registri pubblici ottenuti da Sportico e dal Tampa Bay Times.

Anche se Weatherford fa parte del consiglio di amministrazione della FSU, non è coinvolto nell’impresa di private equity dei Seminoles, ha detto. Tuttavia, forse in un futuro non troppo lontano, Collegiate Athletics Solutions, o qualche altra entità, presenterà un assegno enorme a un dipartimento di atletica vicino a te.

“È fondamentalmente come andare a prendere un prestito e ripagarlo in 15 o 20 anni”, ha detto un altro direttore atletico dell’Energy Conference. “Questo è il punto: quanto sei disperato? Perché devi pagare quella nota.”