Luglio 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Confrontando le straordinarie immagini del telescopio spaziale Webb con altri osservatori a infrarossi

Evolution of Infrared Space Telescopes

L’evoluzione dell’astronomia a infrarossi, da Spitzer a WISE a JWST. Credito: Andras Gaspare

Le immagini rilasciate dal James Webb Space Telescope Team (JWST) la scorsa settimana non sono immagini ufficiali della “prima luce” del nuovo telescopio, ma in qualche modo sembrano le stesse. Queste viste mozzafiato forniscono le prime indicazioni di quanto sia potente JWST e di quanto l’astronomia a infrarossi stia per migliorare.

Le immagini sono state rilasciate dopo che il lungo processo di messa a fuoco completa delle sezioni dello specchio del telescopio è stato completato. Gli ingegneri affermano che le prestazioni ottiche di JWST sono “migliori delle previsioni più ottimistiche” e gli astronomi sono dalla loro parte per l’entusiasmo.

«Non lo era infrangere le leggi della fisica, Mark McGreen, Senior Adviser for Science and Exploration dell’ESA e parte del JWST Science Working Group, ha dichiarato: su Twitter.

Nella loro eccitazione, gli astronomi hanno iniziato a pubblicare immagini comparative – dai precedenti telescopi al JWST nello stesso campo visivo – dimostrando lo sviluppo del miglioramento della risoluzione.

L’astronomo Andras Gaspar, lavorando con lo strumento a medio infrarosso MIRI di JWST, ha combinato le immagini del telescopio WISE (Wide Infrared Survey Explorer) in un’immagine JWST dello stesso campo visivo, la Grande Nube di Magellano, una piccola galassia satellite di[{” attribute=””>Milky Way.

How awesome is JWST/MIRI? Well, let’s compare the latest press release image to that of the WISE all-sky survey at 4.6 microns. This is the closest wavelength image I could find. Spitzer IRAC would have been better (slightly higher resolution and similar wavelength). https://t.co/EXqP57sULt

Then he realized Spitzer also has taken an image of the LMC, and then created the comparison of the three telescopes, seen in our lead image.

“To be fair, WISE with its 40 cm diameter telescope was only half the size of Spitzer’s [85cm primary] Ma entrambi sono molto piccoli rispetto a JWST [6.5 meter primary]” Gaspare ha detto su Twitter. “Questo è ciò che si ottiene con una grande apertura! Risoluzione e sensibilità. MIRI fornisce il medio infrarosso! HST [Hubble Space Telescope}] Non riesco ad arrivare a quella lunghezza d’onda”.

E c’è di più:

Dato che MIRI #JWST riceve così tanto amore prima e dopo, ho pensato di fare lo stesso con il sensore di guida di precisione: questo è uno dei suoi campi nella Grande Nube di Magellano come precedentemente ripreso nel vicino infrarosso dal @VISTA Survey Telescopio. 1/ https://t.co/G4yfhPWTqQ

Astronomi e ingegneri sembrano stupiti dalla precisione di JWST. Potresti trovarlo sorprendente. Voglio dire, non testano a terra per vedere le capacità dei telescopi prima di lanciarli? Sì, ma i test a terra non raccontano sempre l’intera storia, come fa Marshall Perrin, vice scienziato del progetto di Webb presso lo Space Telescope Science Institute. Ha spiegato su Twitter.

“Sì, abbiamo testato l’intero treno ottico nella tecnologia di raffreddamento di Houston, ma questo in realtà non ci ha detto delle prestazioni assolute”, ha detto. scrisse. “Non completamente. Per molti versi, l’ambiente di prova a terra era impegnativo e diverso dallo spazio. “

Perrin spiega come la gravità gioca un ruolo, poiché gli specchi di JWST sono stati progettati per avere una certa forma a gravità zero, ma in tutti i test a terra sono stati inevitabilmente distorti dalla gravità, richiedendo modelli digitali per compensare.

Dopodiché, non c’è modo di testare sulla Terra come potrebbe funzionare il telescopio in Zero-g, per quanto riguarda la stabilità o se ci sono vibrazioni dal veicolo spaziale. E sebbene i test a terra nella camera termica sottovuoto del Johnson Space Center possano corrispondere alle temperature a cui JWST sarebbe esposto nello spazio, Perrin ha affermato che alcuni impatti nella camera di test hanno causato instabilità ottica.

“La previsione delle prestazioni non dovrebbe essere solo un’onda manuale o un desiderio, ma dovrebbe essere basata su modelli numerici quantitativi e budget, inclusa la valutazione di rischi e incertezze”, scrisse.

Pertanto, mentre le previsioni sono utili, ci sono sempre incertezze. Per ora, godiamoci la gioia e chiediamoci cosa ha effettivamente da offrire JWST.

Le prime foto ufficiali della luce sono attese a luglio.

Originariamente pubblicato in universo oggi.

READ  La prima immagine del nuovo telescopio a raggi X IXPE della NASA sembra una palla di fulmini viola