Gennaio 28, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cosa significa la micidiale epidemia di COVID in Cina per il mondo nel 2023 – Rolling Stone

C’è di nuovo Una forma di SARS-CoV-2, il virus che lo causa Malattia di coronavirus. Si chiama XBB.1.5 e fa schifo. XBB.1.5, comunemente noto come “Kraken”, è più infettivo delle precedenti sottovarianti della variante Omicron del virus e ha anche un potenziale maggiore di eludere gli anticorpi rispetto ai precedenti vaccini e infezioni.

In tutto il mondo, c’è stato un aumento dei casi di Covid correlati a Kraken. Ma non è questo ciò di cui gli epidemiologi sono più preoccupati mentre la pandemia di coronavirus inizia il suo quarto anno. numero, Cina è quello che spaventa gli esperti. Un Paese che, a differenza del resto del mondo, ora sta prendendo per la prima volta il Covid in grande stile.

Sono 1,4 miliardi di persone che stanno vivendo ciò che il resto di noi ha vissuto all’inizio del 2020, con alcuni alti e bassi. E ciò che accadrà dopo in Cina potrebbe ripercuotersi sul resto del mondo in modi spaventosi.

Finora, a giudicare dal monitoraggio dei viaggiatori cinesi che arrivano in Italia, la Cina sta rilevando forme più vecchie di Covid. “Non ci sono nuove varianti, ma semplicemente gli attuali ceppi circolanti che si diffondono rapidamente in una popolazione con una bassa immunità naturale”, afferma Paul Anantharajah Tambyah, presidente della Asia Pacific Society of Clinical Microbiology and Infection a Singapore.

Ma questo potrebbe cambiare.

Sì, Kraken è cattivo. Ma si è evoluto da forme precedenti del virus in un momento in cui la maggior parte del mondo – la Cina, ovviamente, è l’eccezione – ha un’immunità molto forte. La vaccinazione diffusa è stata fondamentale all’inizio, ovviamente, ma ciò che protegge davvero la maggior parte delle persone ora, due anni dopo che i primi vaccini sono diventati disponibili, sono gli anticorpi naturali delle precedenti infezioni. Questo perché gli anticorpi naturali sono più potenti e più duraturi degli anticorpi dei vaccini e dei richiami.

READ  I sondaggi di opinione mostrano che il leader kazako si sta dirigendo verso una grande vittoria alle elezioni

Nonostante tutte le polemiche su blocchi, maschere, vaccini e cure, la maggior parte del mondo ha finito per adottare un approccio ragionevolmente intelligente al Covid. Molti paesi hanno represso imprese, scuole, folle e viaggi fino al 2020, contribuendo a rallentare la trasmissione del virus fino a quando i vaccini non saranno disponibili alla fine di quell’anno.

Quindi, poiché sempre più persone sono state vaccinate in tutto o in parte, oggi la maggior parte degli otto miliardi di persone nel mondo ha avuto il Covid almeno una volta e miliardi sono stati vaccinati. E Booster – I Paesi hanno gradualmente riaperto.

Le persone sono tornate a una copia normale. Sì, ciò significava una maggiore diffusione virale che alla fine ci ha dato la variante Omicron e le sue numerose sottovarianti, che sono ancora prevalenti oggi. Ma i vaccini hanno mitigato gli effetti peggiori di queste numerose infezioni. I tassi di casi sono in aumento (e di nuovo in calo e poi di nuovo in calo). Ma nel complesso, i ricoveri e i decessi hanno registrato una tendenza al ribasso, una tendenza che continua ancora oggi.

E tutta quell’infezione ha alimentato un circolo virtuoso iniziato con la vaccinazione di massa. Il Covid ci ha colpito e per lo più siamo sopravvissuti, perché milioni di noi sono stati vaccinati. Questo ci ha dato anticorpi naturali che ci hanno protetto dal peggior esito successiva Il momento in cui il Covid ci ha colpito, un anno o mezzo dopo, quando i vaccini hanno iniziato a svanire. E quello Immunità che semina l’infezione a successiva Sei, nove o 12 mesi.

e così via. Gli epidemiologi si aspettano che questo ciclo continui a meno che SARS-CoV-2 non compia un salto evolutivo enorme e improvviso che renda inefficaci tutti gli anticorpi esistenti.

READ  La giunta militare del Myanmar rilascia l'economista australiano ed ex inviato britannico con un'amnistia di massa

Ma più a lungo dura la pandemia, meno è probabile che questo incubo si svolga. Con ogni ondata calante di infezioni, Covid inizia ad assomigliare sempre di più all’influenza: una malattia che dovremmo prendere sul serio, ma non una che ha il potenziale per porre fine al mondo. “Nel giro di pochi anni, COVID-19 Sarebbe un rischio di fondo insieme all’influenza stagionale, afferma Lawrence Gostin, esperto di salute globale presso la Georgetown University.

Questo non significa che il Covid, come l’influenza, non sia pericoloso. Anche un’infezione non mortale da SARS-CoV-2 può avere gravi conseguenze. Long Covid, ad esempio: una combinazione di sintomi a lungo termine che potrebbero includere affaticamento, confusione, perdita sensoriale e persino problemi cardiaci. Ma anche tenendo conto del lungo Covid, il rischio complessivo del peggior esito sta diminuendo in gran parte del mondo.

Tuttavia, in Cina, le cose possono peggiorare molto prima di migliorare. Questo perché la Cina è stata bloccata all’inizio del 2020 ed è rimasta chiusa per quasi tre anni come parte della politica “Zero Covid” del paese. Solo l’8 dicembre, dopo massicce proteste pubbliche in diverse grandi città, il Partito Comunista Cinese al governo lo ha fatto finalmente Le principali restrizioni sono state revocate nella maggior parte dei luoghi.

“La situazione è completamente cambiata l’8 dicembre”, afferma Ben Cowling, professore di epidemiologia all’Università di Hong Kong. Le restrizioni avevano imbottigliato SARS-CoV-2, impedendone la trasmissione e portando a quello che fino a poche settimane fa era uno dei tassi più bassi di casi di Covid di qualsiasi paese. Ma una mancanza di infezione significa anche una mancanza di anticorpi naturali.

La gente si riunisce in piazza Tiananmen per assistere alla cerimonia dell’alzabandiera per celebrare il capodanno il 1° gennaio 2023 a Pechino, in Cina.

VCG/Getty Images

Sì, circa il 90 percento della popolazione cinese è almeno parzialmente vaccinato. Ma le centinaia di milioni di cinesi anziani, che sono i più vulnerabili alla contrazione del Covid, hanno anche meno probabilità di essere vaccinati, cosa che gli esperti attribuiscono alla disinformazione nei media cinesi. E la maggior parte dei cinesi Siamo È stato vaccinato più di un anno fa. Finora, la protezione da quei primi vaccini si è erosa.

Quindi, quando le restrizioni sono state revocate e più di un miliardo di cinesi hanno finalmente iniziato a uscire e viaggiare, lo hanno fatto senza le protezioni che il resto del mondo ha avuto nel modo più duro, a causa di precedenti infezioni.

Non dovrebbe sorprendere che la Cina sia davvero malata in questo momento. “Quasi tutti nella comunità sono vulnerabili alle infezioni perché c’erano così poche infezioni prima del dicembre 2022 e così poche dosi di vaccino recenti, che possono fornire una protezione temporanea contro le infezioni”, spiega Cowling.

Solo Come faccio È difficile dirlo con certezza, poiché il regime autoritario del paese ha smesso di fornire dati affidabili. “Fortunatamente, ci sono alcuni modi oggettivi per valutare ciò che sta accadendo in Cina oltre ad attingere al vivace panorama dei social media cinesi, che ha portato principalmente la pandemia all’attenzione del mondo”, afferma Tambia.

Sempre più paesi stanno testando i viaggiatori provenienti dalla Cina. Le autorità sanitarie malesi testano persino le acque reflue negli aerei passeggeri che decollano dagli aeroporti cinesi. Sulla base di questi campioni, gli esperti possono iniziare a monitorare l’epidemia in Cina, anche senza l’aiuto della Cina. “Idealmente, ciò includerebbe campioni di virus per il sequenziamento genetico al fine di vedere se è emersa una nuova minacciosa variante di preoccupazione”, afferma Peter Hotez, esperto di sviluppo di vaccini presso il Baylor College.

Potrebbe essere la Cina intorno all’anno 2023 mentre raggiunge il ciclo benefico di infezione e reinfezione che protegge la maggior parte del resto del mondo e rende la pandemia “normale” per molti di noi. Molti cinesi – potenzialmente la maggioranza della popolazione, secondo Cowling – dovranno contrarre il virus e sopravvivere prima che la Cina raggiunga la sua nuova normalità. La maggior parte di loro lo farà con meno immunità.

Tieni presente che è costato agli Stati Uniti – un paese con una popolazione un miliardo più piccola della Cina – più di 1 milione di morti per Covid per costruire l’importante immunità naturale che ha oggi. “È una statistica cupa e tragica”, afferma Eric Bortz, virologo dell’Università dell’Alaska-Anchorage ed esperto di salute pubblica. “La Cina sta guardando questo barile adesso”.

Il pericolo, per il resto del mondo, è che milioni e milioni di gravi infezioni da Covid in Cina possano fungere da sorta di incubatrice per nuove forme più pericolose del nuovo coronavirus.

Ogni infezione ha un’opportunità per l’agente patogeno di mutare. È come una slot machine, dice Nima Moshiri, genetista dell’Università della California, a San Diego. Moshiri spiega che ogni singola infezione tende a causare due mutazioni ogni due settimane. In altre parole, il virus ottiene un paio di tiri della leva due volte al mese, sperando di ottenere un premio genetico che gli conferisca qualche nuova funzionalità. Maggiore portabilità. Maggiore capacità di evitare gli anticorpi.

comune

“E se avessimo 50 milioni di persone che tirano le leve di una slot machine contemporaneamente?” chiede Moshiri. “Ci aspettiamo che almeno una persona vinca il jackpot molto rapidamente. Ora sostituiamo la slot machine con una “mutazione SARS-CoV-2 clinicamente significativa” e questa è la situazione in cui ci troviamo”.

È giusto dire che anche con la nuova variante Kraken che alza la sua testolina malvagia, la maggior parte del mondo ha Covid più o meno sotto controllo. Ma la Cina no. E qualche nuova variante sviluppata dall’epidemia in Cina potrebbe rovinare il 2023 per tutti gli altri.