Maggio 29, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dignità negata perché più di 3.000 scuole in Sud Africa usano ancora latrine a fossa

GA-MASHASHANE, Sud Africa (AP) – In una scuola secondaria nelle zone rurali del Sud Africa settentrionale, più di 300 studenti e i loro insegnanti condividono tre bagni, e quel numero tristemente sbilenco non è il problema peggiore.

I tre servizi igienici sono servizi igienici a fossa, che sono buchi profondi 10 piedi nel terreno che gli studenti si mettono in fila durante la pausa pranzo per usarli.

I servizi igienici della Seipone High School nel villaggio di Ga-Mashashane sono ricoperti almeno da sedili bianchi e circondati da strutture in mattoni. Alcune latrine a fossa sono ancora utilizzate in più di 3.300 scuole in aree povere, la maggior parte delle quali si trova nelle zone rurali del Sudafrica, che non lo sono.

È una situazione vergognosa per un paese definito il più sviluppato dell’Africa e indicativa dei suoi profondi problemi di povertà e disuguaglianza, affermano i gruppi per i diritti umani che stanno spingendo il governo sudafricano a eliminare definitivamente le strutture scadenti nelle scuole.

Anche i servizi igienici non igienici rappresentano un pericolo molto più immediato.

La scena che ha accolto James Comap un giorno di gennaio 2014 nel vicino villaggio di Chipping è terrificante a detta di tutti.

Ha ricevuto una telefonata che gli diceva di affrettarsi all’asilo di suo figlio di 5 anni. Il bambino, Michael, viene trovato morto, annegato in fondo a una latrina a fossa. Non è stato fino a quando il corpo di Michael non è stato rimosso dalla pozza d’acqua mista a feci e urina sul fondo del buco in cui è caduto quando suo padre è arrivato lì.

James Cumab ha detto: “Quello che mi ha ferito di più dell’incidente di Michael è stato che le persone che erano lì lo hanno visto cadere nel gabinetto, ma non lo hanno spostato. Hanno detto che stavano aspettando che le autorità responsabili venissero a tirarlo fuori . Ho detto loro che se l’avessero rimosso in fretta, forse sarebbe potuto sopravvivere.”

READ  Ken Tanaka, la persona più anziana del mondo, è morto in Giappone all'età di 119 anni

Era la prima settimana di Michael Cumap in una nuova scuola e la sua macabra morte fece infuriare molti sudafricani. La sua famiglia ha portato in tribunale il dipartimento dell’istruzione provinciale di Limpopo e ha vinto la causa per danni. Successivamente, le ordinanze del tribunale hanno costretto il governo sudafricano ad affrontare con urgenza la questione dei servizi igienici nelle scuole.

Ma la tragedia di Michael Cumab non è stata unica. Anche altri bambini piccoli sono annegati nei bagni delle fosse nel decennio successivo, una ragazza che è accaduta di recente il mese scorso e un altro ragazzo a marzo. Non ci sono dati affidabili che mostrino quanti bambini abbiano perso la vita nelle latrine a fossa.

I servizi igienici, dotati di un foro per scaricarli periodicamente, sono più economici e pratici per le scuole povere perché non dipendono da un rifornimento costante di acqua corrente.

Alla Jupiter Nursery and Fostering Home nella stessa provincia di Limpopo dove Michael è morto, bambini di 3 anni usano ancora latrine a fossa che non hanno un posto adeguato, ma piuttosto una fossa scavata da una lastra di cemento che si apre sulla fossa sottostante.

La direttrice della scuola, Florina Lidoaba, ha dichiarato: “Questo non va bene a causa dei possibili incidenti di bambini che cadono nella toilette. Dobbiamo seguirli (i bambini) ogni volta. E se se ne vanno senza vederli? È per niente sicuro.

Il gruppo per i diritti umani Equal Education sta ispezionando i bagni delle fosse educative nelle scuole sudafricane. Tiny Lebelo, un organizzatore del gruppo, esprime frustrazione per una questione che dovrebbe essere una priorità assoluta per il governo – la sicurezza dei bambini nelle loro scuole – e che deve ancora essere risolta.

READ  Israele abbatte tre droni Hezbollah disarmati | Notizie Hezbollah

Il governo sudafricano ha promesso di sostituire tutti i servizi igienici nelle scuole a livello nazionale entro il 31 marzo di quest’anno. Non è così. Il ministro dell’Istruzione di base Inge Muchikga ha affermato che ci sono ancora 3.398 scuole che utilizzano latrine a fossa e che il termine per eliminarle è stato spostato al 2025.

“Parla di come percepiamo le persone nelle zone rurali”, ha detto Libello.

“Quello che diciamo di loro è che non meritano dignità, ed è per questo che non ti daremo un bagno di base. Non te lo daremo perché lo stavi già usando (servizi igienici a fossa) “, ha detto. “Allora, cos’è un altro anno, o due anni, o 10, o decenni? Diciamo loro che non meriti dignità”.

La Sezione 27 è un altro gruppo per i diritti umani che sta facendo pressioni per l’eliminazione delle latrine a fossa per il bene di “servizi igienici sicuri e dignitosi”. La Sezione 27 ha sostenuto la famiglia di Michael Cumab nella loro azione legale contro i dipartimenti educativi locali e nazionali ed è riuscita a ottenere una sentenza del tribunale secondo cui le autorità devono fornire informazioni aggiornate ogni sei mesi sulle scuole nella provincia di Limpopo che utilizzano latrine a fossa e sui piani per sostituirle.

La Sezione 27 ha chiamato il suo sistema di monitoraggio del governo The Michael Komape Sanitation Progress Monitor ed è in grado di utilizzare le informazioni per tenere conto del Dipartimento dell’Istruzione.

L’amministrazione ha compiuto alcuni progressi riducendo il numero di scuole che utilizzano latrine a fossa nel Limpopo da 363 nel 2021 a 210 ora. Ma James Comap ha detto che il governo non ha mantenuto la sua parte dell’accordo per rimuovere le latrine e che “molti bambini sono ancora in pericolo reale”.

READ  Il cinese Xi Jinping fa lezione a Justin Trudeau al G20 sulla presunta fuga di notizie

Al Liceo Seipone, i servizi igienici in fossa sono ufficialmente chiamati servizi igienici con ventilazione potenziata e sono noti come “servizi igienici VIP”. Sono tutt’altro. C’è rabbia e ora anche opposizione da parte degli studenti.

“Anche la nostra salute è importante, (noi) non possiamo usare bagni come questo”, ha detto Tibogo Makjuka, un rappresentante degli studenti di 17 anni.

___

Altre notizie su AP Africa: https://apnews.com/hub/africa