Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Disney e Reliance Industries annunciano un mega accordo nel settore mediatico in India

Disney e Reliance Industries annunciano un mega accordo nel settore mediatico in India

Mercoledì la Walt Disney Company ha annunciato una joint venture con il più grande conglomerato indiano Reliance Industries.

Reliance Industries, di proprietà di Mukesh Ambani, l'uomo più ricco dell'India, sarà il partner senior della Disney nell'accordo. Con una capitalizzazione di mercato di 239 miliardi di dollari e i diritti sulle popolarissime partite di cricket della Premier League indiana, Reliance è un colosso nel panorama dei media in India.

Disney e Reliance detenevano già una quota di mercato compresa tra il 40 e il 45% nella pubblicità e la stessa quota nello streaming, dando loro un grande vantaggio rispetto ai rivali, ha affermato Karan Dourani, analista di ricerca presso Elara Capital.

“Ciò porterà a una migliore redditività sia in TV che in streaming perché i costi dei contenuti diminuiranno”, ha affermato il Sig. Ha detto Dourani.

Come parte dell’accordo, Disney unirà le sue attività indiane con Viacom18, una divisione di Reliance Industries. Reliance e Viacom18 deterranno il 63% della nuova impresa Disney 37 per cento, istituzioni detto in un comunicato. Reliance pagherà 1,4 miliardi di dollari per consolidare il proprio controllo.

Presidente della joint venture Sig. La moglie di Ambani, Nida M. Ambani sarà lì; Uday Shankar, ex presidente di Disney India, sarà il vicepresidente.

“Reliance ha una profonda conoscenza del mercato e dei consumatori indiani”, ha affermato l'amministratore delegato della Disney, Robert A. Lo ha detto Iger in un comunicato. “Siamo entusiasti delle opportunità offerte da questa joint venture per creare valore a lungo termine.”

La Disney è una delle più grandi aziende al mondo, valutata 200 miliardi di dollari; In India, tuttavia, non poteva competere con l’eroe domestico.

READ  Papa Francesco: la messa di Pasqua offre sollievo pubblico dopo la malattia del papa

La Disney arrivò per la prima volta in India, un paese che oggi ospita 1,4 miliardi di potenziali consumatori di media, nel 1993 e trovò un distributore per trasmettere alcuni dei suoi contenuti.

Con il mercato indiano, le ambizioni della Disney sono cresciute. L’anno scorso, la società di contabilità e consulenza EY ha stimato che il panorama mediatico indiano avrà un valore di 30 miliardi di dollari quest’anno e di 100 miliardi di dollari entro il 2030.

Le avventure della Disney in India hanno raggiunto il picco nel 2019 quando ha acquisito la 21st Century Fox dalla News Corporation della famiglia Murdoch e, tra le proprietà della Fox, la Disney ha vinto i diritti TV e di streaming per le partite di cricket della Premier League indiana.

Seguirono grandi numeri di abbonati, ma a caro prezzo. Al suo picco alimentato dalla pandemia, Disney+ aveva 162 milioni di abbonati in India, ma ha perso quasi 500 milioni di dollari nel monitorare gli spettatori in tutto il mondo. Nell’estate del 2022, le sue operazioni globali valevano più di 11 miliardi di dollari dall’acquisizione di Fox e dal lancio di Disney+.

Fu allora che la Disney si trovò nei guai. Reliance Industries si è aggiudicata i diritti del cricket nel 2022 per quasi 3 miliardi di dollari. Mentre la Disney ha perso 11,5 milioni di abbonati indiani in un breve periodo di tempo, ne ha guadagnati 800.000 nuovi nel resto del mondo.

Tuttavia, la Disney non ha rinunciato all’India.

“L'India è un mercato importante per l'azienda e uno dei mercati in più forte crescita a livello internazionale, e ci impegniamo a garantire una forte presenza lì”, hanno affermato mercoledì i dirigenti Disney in una e-mail ai dipendenti.

READ  "Beverly Hills, 90210" protagonista Joe E. Tata è morta all'età di 85 anni

Nel 1958 il Sig. Quando Reliance fu fondata dal padre di Ambani, era principalmente un negozio di commercio di fibre di poliestere. Si è sviluppata nel settore petrolchimico e ora gestisce la più grande raffineria di petrolio del mondo in un porto di Jamnagar, sull'estrema costa occidentale dell'India. Lungo il percorso, è entrata nel settore delle telecomunicazioni e in altri settori e nel 2016 ha lanciato Jio, una rete mobile a basso costo che presto è diventata la terza più grande al mondo.

JioCinema, parte della crescente famiglia di proprietà Jio ma una piattaforma relativamente piccola quando iniziarono le guerre di streaming in India, diventerà probabilmente la nuova casa per i contenuti Disney in India. A un certo punto, un altro contendente sembrava sul punto di emergere mentre il colosso giapponese dei media Sony cercava di espandere le sue operazioni in India acquistando Zee Entertainment.

Con Zee, la prima società indiana di TV via cavo privata, Sony sarebbe stata abbastanza grande da dividere il mercato televisivo e digitale con Reliance e Disney. Ma Sony si ritirò dall'accordo con Zee il 22 gennaio, frustrata dall'insistenza della famiglia fondatrice nel mantenere il controllo.

La rottura di Sony con Zee ha reso le cose ancora più difficili per la Disney. Per prima cosa, Zee è ancora in debito con la Disney per la licenza di Cricket. Lo ha riferito Bloomberg Il valore stimato dell'unità indiana della Disney è sceso da 10 miliardi di dollari a 4,5 miliardi di dollari. La fallita fusione di Sony alla fine portò all'accordo di Mr. Disney. Per Ambani la cosa si è rivelata dolce: se un paesaggio è definito da due giganti, è probabile che sia dominato da uno solo.

READ  Sen. Mitt Romney lascia un'eredità in Massachusetts - NBC Boston

Essendo un conglomerato così vasto, Reliance ha un vantaggio nella battaglia per il dominio dei media. Il pagamento diretto non richiede contenuti. Quando gli abbonati vengono coinvolti nelle operazioni di vendita al dettaglio, di telecomunicazioni e di credito, il costo della programmazione sembra piccolo rispetto alle entrate consolidate.

Brooks Barnes Reporting contribuito da Los Angeles.