Giugno 17, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Distruzione selettiva – Gli scienziati propongono una nuova teoria sull’invecchiamento

Distruzione selettiva – Gli scienziati propongono una nuova teoria sull’invecchiamento

I ricercatori propongono una nuova teoria dell’invecchiamento, la teoria della distruzione selettiva (SDT), che descrive l’invecchiamento come un processo non correlato all’accumulo di danni, fornendo una nuova prospettiva nella ricerca gerontologia.

Un nuovo editoriale pubblicato sulla rivista invecchiamento Sostiene che le cellule vicine negli organismi multicellulari sono in costante competizione.

Le cause dell’invecchiamento sono rimaste ignote per molto tempo. Tuttavia, nel 1977, Thomas Kirkwood ipotizzò che gli organismi avrebbero potuto ottenere un vantaggio in termini di forma fisica investendo meno nel mantenimento fisico se ciò avesse consentito loro di investire più risorse in processi più importanti come la riproduzione. L’accumulo di danni fisici era quindi inevitabile, e da allora la sua teoria del corpo usa e getta ha dominato la gerontologia.

Tuttavia, man mano che la nostra comprensione dell’invecchiamento aumenta, diventa sempre più difficile allineare tutti gli aspetti dell’invecchiamento con i danni accumulati. Ad esempio, le mutazioni che aumentano l’accumulo di danni possono anche aumentare la longevità, mentre le scoperte sul ringiovanimento come la simbiosi e i fattori Yamanaka suggeriscono che la giovinezza può essere ripristinata senza un elevato dispendio energetico e nonostante alti livelli di danno.

Nel loro nuovo editoriale, i ricercatori James Wordsworth e Darryl Shanley dell’Università di Newcastle discutono della loro recente pubblicazione carta Teoria della distruzione selettiva (SDT). L’SDT suggerisce un meccanismo di invecchiamento indipendente dall’accumulo di danni e compatibile con la rigenerazione epigenetica. Gli autori hanno utilizzato modelli basati su agenti per descrivere come l’invecchiamento può subire una selezione positiva indipendentemente dai costi energetici.

“Il meccanismo di distruzione selettiva è attualmente teorico. Nel nostro modello più avanzato, abbiamo dimostrato che se le cellule lente innescano cambiamenti epigenetici nelle cellule più veloci che rallentano il loro metabolismo (invece che ucciderle), ciò non solo riduce la morte cellulare non necessaria, ma riduce anche la possibilità di disturbi da iperattività prevenendo la proliferazione di cellule veloci.

Riferimento: “Una nuova teoria dell’invecchiamento indipendente dall’accumulo di danni” di James Wordsworth e Darrell Shanley, 28 luglio 2023, invecchiamento.
DOI: 10,18632%2Faging.204956

READ  Il modulo solare orbitante cattura la delicata corona del Sole con dettagli sorprendenti [Video]