Giugno 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Doncic segna una tripla doppia e si assume la responsabilità della sconfitta dei Mavericks

Doncic segna una tripla doppia e si assume la responsabilità della sconfitta dei Mavericks

BOSTON – Kyrie Irving ha rifiutato di lasciare che Luka Doncic si prendesse la colpa per la caduta dei Dallas Mavericks per 2-0 nelle finali NBA.

Doncic ha segnato 32 punti, ha preso 11 rimbalzi e ha distribuito 11 assist in Gara 2 domenica, ma ha indicato due brutti numeri nel suo punteggio come fattori chiave nella sconfitta per 105-98 dei Mavericks contro i Boston Celtics.

“Penso che le mie palle perse e i tiri liberi sbagliati ci siano costati la partita”, ha detto Doncic dopo essersi unito a LeBron James, Charles Barkley e Jerry West come gli unici giocatori nella storia della NBA a registrare una tripla doppia da 30 punti in una sconfitta in finale. “Quindi devo fare meglio in queste due categorie.

“Ma alla fine, dobbiamo colpire i colpi per vincere la partita”.

Irving, in particolare, deve colpire gli sfavoriti Mavericks con più tiri in modo che possano battere una squadra di Boston che ha il miglior record della NBA e non perde da un mese.

Irving ha segnato 16 punti su 7 su 18 nella sconfitta di domenica, finendo con meno punti rispetto ai tiri a canestro per la seconda partita consecutiva. Irving, che ha segnato 30 o più punti in tre delle quattro vittorie dei Mavericks sui Minnesota Timberwolves nelle finali della Western Conference, ha una media di 15 punti con il 37,1% di tiri nelle finali NBA.

READ  Puzzle della formazione dei Phillies: Rob Thompson ha più decisioni da prendere contro i mancini

“Non è solo e glielo faremo sapere”, ha detto Irving di Doncic. “Esprime i suoi sentimenti e sente che può giocare meglio, proprio come me. Mi assumerò la responsabilità. Le prime due partite non sono state le migliori per me”.

Sia Irving che Doncic sono partiti bene in Gara 2, combinando per 21 punti nel primo quarto per portare i Mavericks in vantaggio. Irving era a 4 su 5 dal campo nel quarto ma si è calmato sotto la pressione delle guardie di Boston.

“Ci sono stati molti tiri che hanno colpito il canestro posteriore”, ha detto Irving, che ha segnato 0 su 8 da 3 punti nella serie. “Potrebbe farti incazzare come concorrente, ma fa tutto parte del gioco del basket. Devi accettarne gli alti e bassi. E questa, dico, è la sfida più difficile quando sei in una serie. Tu voglio giocare molto bene, soprattutto quando giocherai in finale.”

“Sono un po’ deluso di non essere riuscito a trasformare molte delle occasioni che ho avuto in pista. Ovviamente mi scontrerò con Jrue Holiday e Jaylen Brown alcune volte, ma sento di averlo fatto. il vantaggio. Alcuni beni devo solo convertirli.”

Secondo la ricerca ESPN Stats & Information, Irving era 10 su 31 (32,3%) da terra durante il palleggio durante le finali. Ha convertito il 42,9% di quei tiri nelle prime tre serie post-stagionali di Dallas, di cui 21 su 58 da 3 punti.

“Aveva un bell’aspetto. Non sono caduti”, ha detto di Irving l’allenatore dei Mavs Jason Kidd. “Questa è solo una partita di basket. A volte ce la fai, a volte no. Continui a giocare.”

READ  Voci commerciali su Kevin Durant: il proprietario dei Nets Joe Tsai risponde all'ultimatum riportato che coinvolge Steve Nash e Sean Marks

Doncic ha registrato 42 minuti nonostante fosse considerato discutibile anche dopo la sessione di riscaldamento pre-partita a causa di una contusione al petto che credeva di aver subito mentre riceveva un’accusa durante la sconfitta in Gara 1 di giovedì. Gioca con una distorsione al ginocchio destro dalla partita 3 dei playoff e dolore alla caviglia sinistra dall’inizio del secondo turno.

Doncic ha segnato 23 dei suoi 32 punti nella prima metà di gara 2. Cinque delle sue otto palle perse sono avvenute nel secondo tempo e i Celtics le hanno trasformate in nove punti in transizione.

“Era fantastico”, ha detto Kidd di Doncic. “Non importa quello che dice, è quello che è. È un leader. Non è tutto merito suo. È una squadra. Vinciamo come squadra, perdiamo come squadra. Quindi, ci ha messo in una situazione. Era davvero bene stasera, ma sfortunatamente non siamo riusciti a superare la gobba, penso che la nostra difesa sia davvero buona, dobbiamo solo prenderci cura della palla.