Febbraio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È morto all’età di 98 anni Jacques Delors, ex amministratore delegato dell’Unione Europea e padre dell’euro

È morto all’età di 98 anni Jacques Delors, ex amministratore delegato dell’Unione Europea e padre dell’euro

Il politico francese Jacques Delors, l'architetto dell'eurozona, è morto mercoledì, ha annunciato sua figlia. Aveva 98 anni.

Delors assunse la presidenza della Commissione europea nel 1985 e aprì la strada a un continente più unito. Nel corso del decennio trascorso alla guida dell’organismo, il più lungo di qualsiasi presidente, ha gettato le basi per l’euro come valuta comune e ha sostenuto fermamente il concetto di unità europea durante le crisi economiche e i conflitti politici.

Con i paesi dell’Europa meridionale come la Spagna e l’Italia sull’orlo della bancarotta, Delors ha tenuto insieme l’unione nel desiderio del Regno Unito in particolare, e di altri paesi del nord, di lasciare indietro i meno abbienti. Anche l’immigrazione minacciò di dividere l’Unione, provocando tensioni politiche che si intensificarono nuovamente decenni dopo.

Delors ha immaginato per la prima volta l’euro in un rapporto del 1989 che ora porta il suo nome – un’idea rivoluzionaria per più nazioni indipendenti che utilizzano una moneta unica – e il continente ha adottato la valuta un decennio dopo, dopo un controverso dibattito. Attualmente copre 20 paesi, costituisce la maggioranza dei membri dell’Unione Europea ed è una delle valute più forti al mondo.

Il suo mandato nell’UE ha visto anche l’adozione dell’area Schengen, una delle politiche chiave dell’Unione che consente la libera e aperta circolazione tra gli Stati membri. L’accordo ha consentito ai lavoratori meno abbienti provenienti da parti lontane d’Europa di trasferirsi in paesi più ricchi e vivere nuove vite, il tutto senza interferenze da parte del governo.

Ha inoltre stimolato il turismo europeo, decimando le porte di confine delle città e i controlli dei passaporti in tutto il continente.

READ  CBC "mette in pausa" Twitter dopo aver nominato "media finanziati dal governo"

Delors vedeva nell’Europa unita il vero concorrente degli Stati Uniti e dell’economia giapponese in crescita, lontano dal continente devastato dalla guerra della sua infanzia. Come molti gruppi europei, considerava i legami politici ed economici indissolubili come la migliore protezione contro un’altra guerra mondiale.

In pensione, ha continuato a sollecitare la cooperazione europea. Nel 2020 lo è Consigliare I capi di Stato europei lavoreranno insieme contro il coronavirus (COVID-19), una situazione che ha visto gli Stati membri ai ferri corti tra loro sui viaggi e sulla politica economica.

Delors ha avvertito che il virus e il crescente nazionalismo in tutto il mondo potrebbero significare la fine dell’Unione se i suoi leader non abbracciano i principi dell’unità.

“Stiamo affrontando una crisi diversa dalle crisi precedenti”, ha detto al Guardian. “Lo spirito collettivo dell’Europa è più debole oggi rispetto a 10 anni fa”.

Mercoledì i leader europei hanno elogiato Delors.

“L’obiettivo della sua vita è un’Unione europea unita, dinamica e prospera”, ha affermato l’attuale presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Egli ha dettoLo ha descritto come “un visionario che ha reso l'Europa più forte”.

“Ha plasmato intere generazioni di europei, compresa la mia generazione”, ha aggiunto.

Anche il presidente francese Emmanuel Macron ha elogiato il suo connazionale. Delors è stato influente ministro dell’Economia in diversi governi francesi prima di raggiungere la guida dell’Unione Europea.

“Il suo impegno, i suoi ideali e la sua bontà ci ispireranno sempre. “Rendo omaggio al suo lavoro e alla sua memoria e condivido il dolore dei suoi cari”. Egli ha detto.

Delors lascia la figlia Martine Aubry, eminente politica francese ed ex leader del Partito socialista, di cui era anche membro.

READ  Putin salta il G20 | Notizie di affari ed economia

Copyright 2023 Nexstar Media Inc. tutti i diritti sono salvi. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito.