Febbraio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Esperti giapponesi di sicurezza aerea cercano dati audio dal relitto dell'aereo dopo l'impatto sulla pista

Esperti giapponesi di sicurezza aerea cercano dati audio dal relitto dell'aereo dopo l'impatto sulla pista

Venerdì una squadra di funzionari della sicurezza dei trasporti ha cercato un registratore vocale nella fusoliera gravemente bruciata di un aereo della Japan Airlines per ottenere informazioni cruciali su ciò che ha causato la collisione con un piccolo aereo della Guardia Costiera sulla pista dell'aeroporto Haneda di Tokyo.

Nel frattempo, anche la Japan Airlines ha iniziato a utilizzare macchinari pesanti per rimuovere alcuni detriti da depositare in un hangar per consentire la riapertura della pista.

Sei esperti del Japan Transportation Safety Board hanno esplorato i rottami dell'Airbus A350-900 che giacevano sulla pista alla ricerca del registratore di dati vocali.

Gli esperti della JTSB hanno finora acquisito i registratori di dati di volo e audio di un aereo Bombardier Dash-8 della guardia costiera e un registratore di dati di volo di un aereo JAL per scoprire cosa è successo negli ultimi minuti prima della collisione mortale di martedì.

Tutte le 379 persone a bordo del volo JAL 516 furono evacuate in sicurezza entro 18 minuti dall'atterraggio quando l'aereo prese fuoco. Anche il pilota dell'aereo della Guardia Costiera è sopravvissuto, ma gli altri cinque membri dell'equipaggio sono rimasti uccisi.

Nuovi dettagli sono emersi anche dalle riprese dei media all'aeroporto di Haneda. NHK ha riferito che le riprese di una telecamera di sorveglianza installata all'aeroporto di Haneda hanno mostrato che l'aereo della Guardia Costiera si è spostato sulla pista e si è fermato lì per 40 secondi prima della collisione.

Nel filmato, si vede l'aereo della Guardia Costiera entrare sulla pista dalla taxiway C5, poi poco dopo l'aereo passeggeri scende direttamente dietro di esso e si scontra con esso, creando una palla di fuoco arancione. L'aereo della JAL, avvolto dalle fiamme e sputando fumo grigio, prosegue lungo la pista prima di fermarsi.

READ  Le Nazioni Unite avvertono che il dragaggio della sabbia sta “sterilizzando” il fondale oceanico

Una trascrizione della chiamata registrata al controllo del traffico, rilasciata mercoledì dal Dipartimento dei trasporti, mostra che il controllore del traffico aereo ha chiesto all'aereo della Guardia Costiera di spostarsi in una posizione di parcheggio appena prima della pista, indicando la priorità di partenza n. 1. Il pilota della guardia ripete le istruzioni, poi ringrazia per l'assistenza. Non ci sono state ulteriori istruzioni da parte dell'orologio che consentissero alla Guardia Costiera di entrare sulla pista.

Il pilota ha detto agli investigatori della polizia che il suo aereo è stato colpito mentre stava avviando i motori dopo aver ricevuto l'autorizzazione al decollo.

Le piccole luci a bordo dell'aereo della Guardia Costiera e la sua sosta di 40 secondi potrebbero averlo reso meno visibile ai piloti della Japan Airlines e al controllo del traffico aereo. NHK ha anche affermato che i funzionari del controllo del traffico aereo potrebbero aver perso il sistema di allarme per l'ingresso non autorizzato sulla pista mentre erano impegnati in altre operazioni.

Venerdì gli investigatori della JTSB avevano pianificato di intervistare sette assistenti di cabina della JAL per ottenere i loro resoconti, dopo interviste simili con i tre piloti e altri due assistenti di volo il giorno prima.

In qualità di produttore di aeromobili, secondo il comitato, anche i funzionari di Airbus si uniscono all'indagine, un requisito previsto dalle norme internazionali sulla sicurezza aerea.