Febbraio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'amministratore delegato di McDonald's afferma che la “disinformazione” sulla guerra tra Israele e Hamas ha danneggiato le vendite

L'amministratore delegato di McDonald's afferma che la “disinformazione” sulla guerra tra Israele e Hamas ha danneggiato le vendite

un lavoro

L'amministratore delegato di McDonald's ha affermato che la “disinformazione” sulla posizione dell'azienda sulla guerra in corso tra Israele e Hamas ha danneggiato le vendite in Medio Oriente e nei paesi musulmani di tutto il mondo.

“Molti mercati in Medio Oriente e alcuni al di fuori della regione stanno registrando un impatto significativo sul business a causa della guerra e della disinformazione associata che colpisce marchi come McDonald's”, ha riconosciuto giovedì Chris Kempczinski, presidente e amministratore delegato di McDonald's.

Mentre crescono le richieste di boicottaggio del colosso americano del fast food, scrive Kempczinski In un post su LinkedIn Ha trovato lo sviluppo “scoraggiante e infondato”.

“In tutti i paesi in cui operiamo, compresi i paesi musulmani, McDonald's è orgogliosamente rappresentato da proprietari locali che lavorano instancabilmente per servire e sostenere le loro comunità, dando lavoro a migliaia di loro concittadini.”

Nei giorni successivi all'attacco di Hamas del 7 ottobre, una folla di manifestanti in Libano, perdendo la distinzione di “proprietario locale”, ha saccheggiato un ristorante McDonald's locale dopo che le filiali di McDonald's in Israele avevano detto che avrebbero fornito pasti gratuiti ai soldati israeliani che partecipavano alle operazioni militari. Operazioni a Gaza.

McDonald's ha affermato che le sue vendite sono state influenzate in Medio Oriente e nei paesi islamici a causa degli appelli al boicottaggio dell'azienda. La nostra foto tramite Getty Images

McDonald's Israel ha dichiarato sui suoi account sui social media di aver fornito migliaia di pasti gratuiti ai soldati dell'esercito israeliano.

Gli sforzi dell'affiliato israeliano furono successivamente abbandonati dai franchising di McDonald's in alcuni paesi musulmani, evidenziando la polarizzazione della politica regionale che le aziende globali affrontano durante la guerra.

Kempczinski non ha specificato in che misura la società abbia subito perdite finanziarie a causa del boicottaggio.

READ  Un incendio boschivo fuori Atene mentre centinaia di incendi devastano la Grecia

Il suo post su LinkedIn fa eco ai commenti fatti di recente dal CEO di Starbucks Laxman Narasimhan, il quale ha affermato che le persone che protestano contro la società per la sua posizione sulla guerra tra Israele e Hamas sono state “influenzate dalla disinformazione sui social media” su ciò che rappresenta la catena di caffè con sede a Seattle. .

L'amministratore delegato di McDonald's ha accusato la “disinformazione” sulla posizione dell'azienda sulla guerra tra Israele e Hamas. Immagini Getty

Una conduttrice televisiva turca ha recentemente licenziato una conduttrice televisiva dopo essere apparsa in onda con in mano una tazza di caffè Starbucks – un gesto che secondo i critici equivale a una dimostrazione di sostegno a Israele.

Il boicottaggio di Starbucks nelle settimane successive allo scoppio della guerra in Medio Oriente costò alla società un valore di 12 miliardi di dollari.

Nel terzo trimestre dell'ultimo anno fiscale, McDonald's ha registrato un aumento delle vendite dell'8,3% sui mercati internazionali, ma questo prima dell'attacco del 7 ottobre da parte dei terroristi di Hamas che ha causato la morte di 1.200 israeliani.

Si prevede che McDonald's pubblicherà i risultati del quarto trimestre alla fine di questo mese.

Venerdì a mezzogiorno le azioni di McDonald's erano scambiate in ribasso dell'1,3%.

A partire dall'anno fiscale 2022, la società ha concesso in franchising e gestito circa 40.275 ristoranti McDonald's in più di 100 paesi.

Chris Kempczinski, presidente e amministratore delegato di McDonald's, ha lamentato le accuse “infondate” contro la sua azienda. AP
Starbucks sta affrontando una campagna di boicottaggio a causa della guerra in Medio Oriente. Reuters

La catena di fast food ha registrato un fatturato annuo totale di 23,18 miliardi di dollari nell'anno.

McDonald's Malaysia ha intentato una causa contro un movimento che promuove il boicottaggio di Israele per “dichiarazioni false e diffamatorie” che, a suo dire, hanno danneggiato la sua attività, chiedendo danni fino a 1,31 milioni di dollari.

READ  Viktor Orban si rifiuta di sostenere l'Ucraina all'inizio del vertice dei leader dell'UE

La Malesia, un paese a maggioranza musulmana, è un convinto sostenitore dei palestinesi, e alcuni marchi occidentali di fast food nel paese, come in alcuni altri paesi musulmani, sono stati presi di mira con campagne di boicottaggio dell'attacco militare israeliano a Gaza.

Gerbang Alaf Restaurants Sdn Bhd (GAR), il licenziatario di McDonald's in Malesia, ha citato in giudizio il movimento per il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni (BDS) in Malesia per una serie di post sui social media che presumibilmente collegano il franchising di fast food, tra… Altro aziende. Alla “guerra genocida intrapresa da Israele contro i palestinesi a Gaza”.

In risposta, BDS Malaysia ha affermato che “nega categoricamente” di aver diffamato l'azienda di fast food e che lascerà la questione in tribunale.

Con fili postali

Carica altro…




https://nypost.com/2024/01/05/business/mcdonalds-ceo-says-misinformation-about-israel-hamas-war-hurting-sales/?utm_source=url_sitebuttons&utm_medium=site%20buttons&utm_campaign=site%20buttons

Copia l'URL di condivisione