Giugno 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Frana in Papua Nuova Guinea: si teme che 2.000 siano sepolti da una massiccia frana, i sopravvissuti scavano con mani e pale

Frana in Papua Nuova Guinea: si teme che 2.000 siano sepolti da una massiccia frana, i sopravvissuti scavano con mani e pale



CNN

Si teme che nell’ultima settimana siano state sepolte 2.000 persone Frana enorme In Papua Nuova Guinea, secondo il National Disaster Center del paese, i sopravvissuti hanno descritto l’orrore di aver perso molte persone care.

Venerdì una frana ha colpito la regione montuosa di Enga, nel nord della Papua Nuova Guinea, e l’ultimo numero di dispersi è in forte aumento rispetto alle stime precedenti.

I residenti stanno soffrendo perché tonnellate di roccia e fango sono entrati nelle loro case dormienti. I soccorritori hanno faticato a raggiungere la remota regione, che è già uno dei paesi più poveri dell’Asia.

Evid Kambu ha raccontato di aver perso più di una dozzina di familiari nel disastro.

“Ho 18 membri della mia famiglia sepolti sotto le macerie e la terra dove mi trovo, e non posso contare molti altri membri della mia famiglia nel villaggio”, ha detto all’agenzia di stampa Reuters. “Sono il proprietario terriero qui… ma non posso recuperare i corpi, quindi rimango qui impotente.”

Mohammed Omar/Organizzazione internazionale per le migrazioni/AP

Gli abitanti di un villaggio cercano una frana a Yambali, sugli altopiani della Papua Nuova Guinea, domenica 26 maggio 2024.

Myok Michael, leader della comunità locale, ha detto alla CNN che il numero dei sopravvissuti potrebbe essere basso. “Le persone si riuniscono e piangono”, ha detto. “Le persone hanno scavato fin dal primo giorno, ma non sono riuscite a trovare i corpi perché erano coperti da enormi rocce. Solo le macchine lo fanno.”

Immediatamente dopo il disastro, le Nazioni Unite hanno affermato che potrebbero essere morte 100 persone. Questo numero è stato successivamente rivisto fino a 670, secondo una stima del capo dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) nel paese.

READ  Candidati per l'espansione di Pac-12: dove dovrebbe guardare prima la conferenza senza USC e UCLA?

Ma secondo le ultime proiezioni dell’agenzia per i disastri della Papua Nuova Guinea, questo dato potrebbe ora essere notevolmente sottostimato.

“La frana ha lasciato in vita più di 2.000 persone, ha distrutto edifici, orti e ha gravemente colpito la sopravvivenza economica del paese”, ha detto il direttore esecutivo del National Disaster Center Lucette Laso Mana in una lettera alle Nazioni Unite.

“La situazione è instabile poiché la frana si muove lentamente, mettendo in pericolo sia le squadre di soccorso che i sopravvissuti”, ha aggiunto, aggiungendo che l’autostrada principale verso la zona è stata completamente bloccata dalla frana.

Dai un’occhiata a questo contenuto interattivo su CNN.com

Chris Jensen, direttore nazionale di World Vision PNG, ha detto alla CNN che i soccorritori erano “chiaramente consapevoli della portata del disastro”.

“È una frana enorme. È davvero sorprendente: un’intera montagna è caduta su diverse case nel cuore della notte.

“Non possiamo creare altri problemi sul campo… quindi dobbiamo stare molto attenti nel rispondere adesso,” ha detto Jensen.

Justin McMahon, direttore nazionale di CARE International, un’agenzia umanitaria globale, ha affermato che il bilancio completo delle vittime è ancora sconosciuto perché solo pochi corpi sono stati recuperati.

“Le autorità sono molto efficaci e molto reattive e lavorano 24 ore al giorno… ma con la portata di questo disastro e il (numero di) persone colpite, penso che ci saranno risorse necessarie da parte della più ampia comunità umanitaria”, ha detto McMahon CNN. .

“Oggi è stata una grande sfida, il terreno è ancora instabile”, ha aggiunto.

“Poiché le case sono sepolte a 8 metri di terra, sarà difficile raggiungere alcune delle vittime”, ha detto McMahon.

READ  Galleria fotografica della Mostra del Cinema di Venezia 'Don't Worry Darling' – Scadenza



01:20 – Fonte: CNN

Le riprese aeree mostrano le conseguenze di una massiccia frana in Papua Nuova Guinea

Dai un’occhiata a questo contenuto interattivo su CNN.com

Serhan Aktobrak dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM) delle Nazioni Unite ha detto a Reuters che le squadre sul campo stanno “cercando di salvare tutto ciò che potevano utilizzando bastoni da scavo, pale, forche agricole e le loro mani”.

Frana Un lontano villaggio di Kakalam è stato attaccatoA circa 600 chilometri (372 miglia) a nord-ovest della capitale, Port Moresby, alle 3 del mattino ora locale di venerdì, gli operatori umanitari hanno detto che ha lasciato una scia di detriti. Quattro campi da calcio.

Più di 150 case nel villaggio di Yambali sono state sepolte sotto le macerie, hanno detto domenica i funzionari. I funzionari hanno affermato che l’area continua a rappresentare un “serio rischio” poiché la roccia continua a cadere, esponendo il sottosuolo a una pressione sempre crescente.

La Papua Nuova Guinea ospita circa 10 milioni di persone. L’accesso alla zona colpita è difficile a causa del vasto territorio montuoso e della mancanza di strade.

Pierre Rognon, professore associato presso la Scuola di Ingegneria Civile dell’Università di Sydney, ha affermato che trovare soccorritori dopo le frane è stato “particolarmente impegnativo”.

“Le frane possono seppellire le persone sotto strutture crollate e decine di metri di geomateriale”, ha detto.

“A peggiorare le cose, possono spostare strutture e intrappolare persone a centinaia di metri di distanza. Nessuno può prevedere esattamente dove potrebbero essere i sopravvissuti e dove cercarli.

Non è chiaro cosa abbia causato la frana, ma il professore di geologia Alan Collins dell’Università di Adelaide ha affermato che si è verificata in un’area con “piogge significative”.

READ  Sen. mentre la lotta della Beltway entra nel suo quarto giorno. Cruise è andato a Washington con il camion "People's Convoy".

“Sebbene le frane non sembrino essere indotte direttamente dai terremoti, i frequenti terremoti causati dalle collisioni delle placche creano pendii ripidi e alte montagne che diventano più instabili”, ha detto Collins.

Le precipitazioni potrebbero aver alterato i minerali che formano le rocce, indebolendo la roccia che forma le ripide catene montuose, ha detto.

“La vegetazione mitiga questo fenomeno perché le radici degli alberi possono stabilizzare il terreno e la deforestazione può rendere più probabili le frane distruggendo questa rete biologica”, ha affermato.

“Dobbiamo capire cosa sta causando tutto questo”, ha detto Jensen di World Vision.

“Non ci sono segnalazioni di terremoti in questo momento, ma abbiamo avuto molta pioggia e tempo fuori stagione in Papua Nuova Guinea”, ha detto Jensen.

“Ci sono inondazioni in altre province e dobbiamo affrontare molte sfide legate al cambiamento climatico, quindi faremo ulteriori valutazioni e analisi per scoprire cosa ha causato tutto questo.”