Giugno 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Giuliani diventa l’ultimo imputato tra le 17 persone accusate nel caso di frode elettorale in Arizona

Giuliani diventa l’ultimo imputato tra le 17 persone accusate nel caso di frode elettorale in Arizona

L’ex sindaco di New York Rudy Giuliani è stato incriminato insieme ad altri 17 imputati nel caso di frode elettorale dello stato per aver tentato di ribaltare la sconfitta dell’ex presidente Donald Trump contro Joe Biden nelle elezioni del 2020, afferma il procuratore generale dell’Arizona.

Il procuratore generale dell’Arizona Chris Mayes ha rilasciato la notizia sul suo account X venerdì scorso riguardo all’avvocato collegato a Trump.

“L’ultimo imputato è stato notificato pochi minuti fa. @RudyGiuliani Nessuno è al di sopra della legge”, ha scritto Mayes.

Il portavoce del procuratore generale Richie Taylor ha detto sabato in una e-mail all’Associated Press che Giuliani deve affrontare le stesse accuse degli altri imputati, comprese le accuse di cospirazione, frode e racket.

Il consigliere politico di Giuliani, Ted Goodman, ha confermato che stava andando a Giuliani dopo la festa del suo ottantesimo compleanno venerdì sera.

“Ci aspettiamo presto piena giustizia”, ​​ha detto Goodman in una nota sabato.

L’accusa sostiene che Giuliani abbia “fatto pressioni” sui legislatori dell’Arizona e sul consiglio dei supervisori della contea di Maricopa affinché cambiassero l’esito delle elezioni dell’Arizona, e che sia stato responsabile di incoraggiare gli elettori repubblicani in Arizona e in sei stati contesi a votare per Trump.

Una copia non revisionata dell’atto d’accusa sarà rilasciata lunedì, ha detto Taylor. A meno che non venga ritardato dal tribunale, Giuliani comparirà in tribunale martedì, ha detto.

L’ex capo dello staff di Trump, Mark Meadows, è tra gli imputati del caso.

Né Meadows né Giuliani furono nominati nell’atto d’accusa modificato del gran giurì precedentemente rilasciato perché non ne erano stati notificati, ma furono immediatamente identificati in base alle descrizioni nel documento. Mercoledì l’ufficio del procuratore generale dell’Arizona ha dichiarato che Meadows era stato notificato e ha confermato di essere accusato delle stesse accuse degli altri imputati nominati, tra cui cospirazione, frode e falsificazione.

READ  USWNT vs. Il Canada segna: Alex Morgan vince la Coppa, gli USA vincono le Olimpiadi e la Gold Cup

Con queste accuse, l’Arizona è diventato il quarto stato in cui i soci di un ex presidente sono stati accusati di aver utilizzato affermazioni false o infondate su frodi elettorali legate alle elezioni.

Giuliani è stato incriminato da un gran giurì in Georgia lo scorso anno, dove è stato accusato di aver presieduto gli sforzi di Trump per convincere i legislatori statali georgiani a ignorare la volontà degli elettori e a nominare illegalmente gli elettori dei collegi elettorali pro-Trump.

11 repubblicani dell’Arizona sono tra gli altri 16 imputati che hanno presentato un documento al Congresso sostenendo falsamente che Trump ha vinto l’Arizona nelle elezioni presidenziali del 2020, tra cui un ex presidente statale del GOP, un candidato al Senato degli Stati Uniti del 2022 e due legislatori statali. Altri imputati includono Mike Roman, direttore delle operazioni del giorno delle elezioni di Trump, e quattro avvocati accusati di aver orchestrato l’uso di documenti contraffatti per convincere il Congresso a non certificare la vittoria di Biden: John Eastman, Christina Pop, Boris Epstein e Jenna Ellis.

Trump non è stato accusato, ma è stato nominato co-cospiratore non incriminato.

Gli 11 candidati repubblicani dell’Arizona si sono incontrati a Phoenix il 14 dicembre 2020 e hanno firmato dichiarazioni giurate in cui dichiaravano di essere elettori “debitamente eletti e qualificati” e di sostenere l’amministrazione Trump. Un video di un minuto della cerimonia della firma è stato poi pubblicato sui social media dal Partito repubblicano dell’Arizona. Il documento fu poi inviato al Congresso e agli Archivi Nazionali, dove venne ignorato.

Biden ha vinto in Arizona con più di 10.000 voti.

Eastman, che ha ideato una strategia per persuadere il Congresso a non certificare le elezioni, è diventato la prima persona accusata nel caso di frode elettorale in Arizona. Si è dichiarato colpevole di accuse di cospirazione, frode e falsificazione.

READ  Rafael Nadal batte Taylor Fritz a Wimbledon

Eastman ha rilasciato una breve dichiarazione fuori dal tribunale, affermando che le accuse contro di lui non avrebbero mai dovuto essere presentate.

“Non ho avuto alcun contatto con gli elettori in Arizona (e) nessun coinvolgimento in controversie elettorali o udienze legislative in Arizona. Sono fiducioso che sarò completamente esonerato alla fine di questo processo, poiché le leggi vengono fedelmente applicate”, Eastman ha detto, rifiutandosi di commentare ulteriormente.

Le altre 12 persone accusate nel caso, inclusi nove degli 11 repubblicani che hanno presentato documenti al Congresso sostenendo falsamente che Trump ha vinto l’Arizona, dovrebbero essere processati il ​​21 maggio.

L’accusa in Arizona sostiene che Eastman abbia incoraggiato gli elettori repubblicani a votare nel dicembre 2020, abbia fatto pressioni senza successo sui legislatori statali affinché ribaltassero l’esito delle elezioni in Arizona e abbia detto all’allora vicepresidente Mike Pence che gli elettori democratici avrebbero potuto essere respinti nel conteggio dei voti elettorali al Congresso. Il 6 gennaio 2021.

___

Gli scrittori dell’Associated Press Jacques Billot e Jonathan J. Cooper e Noman Merchant a Washington hanno contribuito a questo rapporto.

Copyright 2024 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo contenuto non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito.