Dicembre 5, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli acari della pelle che svaniscono sui nostri volti di notte si stanno lentamente fondendo con gli umani

Gli acari della pelle che svaniscono sui nostri volti di notte si stanno lentamente fondendo con gli umani

Se stai leggendo questo, probabilmente non sei solo.

La maggior parte delle persone sulla Terra sono habitat per le falene che trascorrono la maggior parte della loro breve vita scavate, a testa in giù, nei nostri follicoli piliferi e principalmente in faccia. In effetti, gli esseri umani sono l’unica casa di demodex follicolare. Nascono da noi, si nutrono di noi, si accoppiano con noi e muoiono con noi.

Il loro intero ciclo di vita ruota attorno allo sgranocchiare le cellule morte della pelle prima di prendere a calci il minuscolo secchio.

Dipende D. follicolorum Una nuova ricerca sugli esseri umani per la propria sopravvivenza suggerisce che gli acari microscopici stanno evolvendo da un parassita esterno a un endosimbionte, che condivide una relazione reciprocamente vantaggiosa con i loro ospiti (noi).

In altre parole, questi acari si stanno gradualmente fondendo con i nostri corpi in modo che ora vivano permanentemente dentro di noi.

Gli scienziati hanno ora sequenziato i genomi di questi piccoli mostri onnipresenti e i risultati mostrano che la loro presenza focalizzata sull’uomo può portare a cambiamenti che non si vedono in altre specie di acari.

“Abbiamo scoperto che questi acari hanno una diversa disposizione dei geni delle parti del corpo rispetto ad altre specie simili a causa del loro adattamento a una vita riparata all’interno dei pori”, ha detto. Ha spiegato la biologa degli invertebrati Alejandra Perotti dell’Università di Reading nel Regno Unito.

“Questi cambiamenti nel loro DNA hanno portato ad alcuni tratti e comportamenti insoliti del corpo”.

D. follicolorum È stato visto nella preparazione dell’idrossido di potassio per la pelle umana. (KV Santosh/Flickr, CC BY 2.0)

READ  Un rover su Marte abbandonato potrebbe avere una seconda possibilità sulla luna

D. follicolorum In realtà è una piccola creatura meravigliosa. I rifiuti della pelle umana sono la sua unica fonte di cibo e trascorre la maggior parte delle sue due settimane di vita a cercarli.

Gli individui emergono solo di notte, al riparo dell’oscurità, per strisciare molto lentamente attraverso la pelle per trovare un compagno e, si spera, incontrarsi prima di tornare nell’oscurità sicura del follicolo.

I loro minuscoli corpi sono lunghi solo un terzo di millimetro, con una serie di minuscole gambe e una bocca a un’estremità di un lungo corpo simile a una salsiccia, adatto a scavare follicoli piliferi umani per arrivare alle gustose etichette in essi contenute.

Il lavoro sul genoma degli acari, guidato da Marin e dal genetista Gilbert Smith della Bangor University nel Regno Unito, ha rivelato alcune affascinanti caratteristiche genetiche che guidano questo stile di vita.

Dal momento che le loro vite sono così frenetiche – non hanno predatori naturali, nessuna competizione e nessuna esposizione ad altre falene – il loro genoma è solo elementare.

Le loro gambe sono alimentate da tre muscoli unicellulari e i loro corpi contengono il minor numero possibile di proteine, che sono proprio ciò di cui hanno bisogno per sopravvivere. È il numero più basso mai visto nel suo più ampio gruppo di specie correlate.

Questo genoma ridotto è la causa di alcuni D. follicolorumAnche altri picadillo esotici. Ad esempio, il motivo per cui esce solo di notte. Tra i geni mancanti ci sono quelli responsabili della protezione dai raggi ultravioletti e quelli che risvegliano gli animali in pieno giorno.

Inoltre, non sono in grado di produrre l’ormone melatonina La maggior parte degli esseri viventi, con varie funzioni; La melatonina è importante nell’uomo per la regolazione del ciclo del sonno, ma stimola il movimento e la riproduzione nei piccoli invertebrati.

READ  Lo specchio del telescopio spaziale James Webb della NASA supera le aspettative mentre l'allineamento continua

Questo non sembra aver ostacolato D. follicolorum, Tuttavia; Può raccogliere la melatonina secreta dalla pelle del suo ospite al tramonto.

Pene dorsale Deodex follicoloQuesto non è appropriato. (Smith et al., centro commerciale. Biol. Evol. , 2022)

A differenza di altri acari, i suoi organi riproduttivi lo sono D. follicolorum Si muoveva verso la parte anteriore dei loro corpi, con i peni delle falene maschi che puntavano in avanti e verso l’alto dalla schiena. Questo significa che deve sistemarsi sotto la femmina perché lei è seduta precariamente sui capelli per accoppiarsi, cosa che fanno tutta la notte, Stile AC/DC (Possibile).

Ma nonostante l’importanza dell’incrocio, il pool di potenziali geni è molto piccolo: ci sono pochissime possibilità di espandere la diversità genetica. Ciò potrebbe significare che le falene sono sulla strada giusta verso un vicolo cieco evolutivo.

È interessante notare che il team ha anche scoperto che nella fase di sviluppo della ninfa, tra la larva e l’adulto, gli acari hanno il maggior numero di cellule nei loro corpi. Quando entrano nell’età adulta, perdono cellule: il primo passo evolutivo, hanno detto i ricercatori, nella marcia delle specie di artropodi verso uno stile di vita simbiotico.

Ci si potrebbe chiedere quali sono i potenziali benefici che gli esseri umani possono trarre da questi animali esotici; Un’altra cosa che i ricercatori hanno scoperto potrebbe in parte suggerire la risposta. Per anni gli scienziati lo hanno pensato D. follicolorum Non ha un ano, e invece i rifiuti si accumulano nel suo corpo per esplodere quando gli acari muoiono, causando così problemi alla pelle.

Deodyx ano follicolareLa freccia punta all’ano e probabilmente sei in una lista di controllo in questo momento. (Università di Lettura)

READ  Un nuovo studio svela i segreti dell'addomesticamento dei cani

Il team ha scoperto che semplicemente non è così. Gli acari hanno già buchi molto piccoli; La tua faccia probabilmente non è piena di escrementi di acari che sono stati espulsi dopo la sua morte.

“Le falene sono state accusate di così tante cose” Lo zoologo Henk Brigg ha detto dell’Università di Bangor e dell’Università Nazionale di San Juan in Argentina. “La lunga associazione con gli esseri umani potrebbe suggerire che potrebbero anche avere ruoli benefici minori ma importanti, ad esempio nel mantenere i nostri pori del viso scollegati”.

La ricerca è stata pubblicata in Biologia molecolare ed evoluzione.