Giugno 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli affari prima a Hong Kong ora sono nei guai: la politica di Pechino

Gli affari prima a Hong Kong ora sono nei guai: la politica di Pechino

Fare affari a Hong Kong comporta sempre più un nuovo rischio: il costo politico di far arrabbiare Pechino.

Clienti cinesi hanno recentemente abbandonato un grande studio legale di Chicago dopo che questo si era ritirato da un caso politicamente delicato. Un ex banchiere di Wall Street è stato imbavagliato per aver scritto un articolo intitolato “Hong Kong è morta”. Google è stata infatti costretta a vietare il popolare inno di protesta.

In tutti gli ambiti della vita, Hong Kong si sta avvicinando alla Cina continentale, offuscando le distinzioni che un tempo consolidavano lo status della città come città per lo più libera dalla politica di Pechino. Le sentenze legali fanno eco ai tribunali della Cina continentale. Regolamento comunale Lui segue Decreti a Pechino. Anche i cartelli del governo ricordano gli slogan del Partito comunista cinese.

La trasformazione della città è guidata da una legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino nel 2020 e da un’ulteriore legislazione approvata dai legislatori di Hong Kong a marzo. Entrambi hanno inferto un duro colpo alla parziale autonomia promessa dalla Cina quando sottrasse la città alla Gran Bretagna quasi tre decenni fa.

Il lavoro di avvocati, banchieri e altri professionisti è ora soggetto a controllo per “interferenze straniere”, un reato divenuto penale. Il nuovo dinamismo, combinato con le crescenti tensioni tra Cina e Occidente e una recessione economica in Cina che ha spazzato via molti degli accordi che un tempo scatenavano Hong Kong, sta mettendo a dura prova l’economia un tempo vivace della città.

Questi cambiamenti stanno spingendo alcune aziende straniere a lasciare la città o a ridurre drasticamente le proprie attività.

Due studi legali internazionali, Winston & Strawn e Addleshaw Goddard, hanno chiuso i loro uffici a Hong Kong negli ultimi mesi. Le banche di Wall Street hanno tagliato posti di lavoro o retrocesso i dipendenti che una volta generavano denaro per le aziende cinesi che raccoglievano denaro nel mercato azionario. I fondi pensione statunitensi stanno iniziando a bypassare Hong Kong, una volta destinazione ovvia per miliardi di dollari di investimenti.

“Se gestisci una società straniera e parli apertamente, ti ritroverai molto rapidamente sotto il microscopio”, ha detto in un’intervista Stephen Roach, ex capo di Morgan Stanley Asia.

Il signor Roach ha scritto un articolo d’opinione per Financial Times A febbraio dichiarando che “Hong Kong è finita”. Ha detto che dopo la pubblicazione dell’articolo gli è stato vietato di parlare al China Development Forum, una delle conferenze economiche più importanti della Cina, per la prima volta in 24 anni.

READ  Scandalo dell'ufficio postale: annullate le condanne di centinaia di vittime

Ha detto di aver scritto l’articolo come reazione ai cambiamenti che ha visto e di cui ha sentito parlare da ex colleghi e amici che vivono a Hong Kong, dove ha vissuto dal 2007 al 2012, e dove è tornato più volte nell’ultimo anno.

Le proteste in tutta la città nel 2019 hanno portato all’imposizione da parte di Pechino di una legge sulla sicurezza nazionale, che ha soffocato il dissenso politico. Hong Kong è stata in passato una delle principali fonti di nuove quotazioni sul mercato pubblico per le aziende cinesi, dalle start-up alle aziende affermate. La sua posizione ai vertici dei centri finanziari era indiscussa.

Da allora, ha affermato Roach, una serie di fattori, inclusa la strisciante influenza di Pechino nel governo locale, hanno portato gli amici a mettere in discussione il futuro della città.

“Ciò non significa che Pechino imporrà nuove restrizioni e linee guida: ciò è già accaduto, è un fatto compiuto”, ha affermato Roach. “Continua a esercitare un ruolo forte nella governance di Hong Kong”.

Gli investitori stanno anche lavorando su come affrontare il nuovo contesto. Le sanzioni statunitensi sulle società cinesi legate al governo hanno reso impossibile investire in molte società quotate in borsa a Hong Kong.

“Un tempo c’era una distinzione tra azioni di Hong Kong e azioni cinesi, ma ora i mercati stanno convergendo”, ha affermato Steven Schoenfeld, amministratore delegato di Markit Victor Indexes, una società tedesca che offre agli investitori come i fondi pensione diversi modi di investire in azioni globali. mercati.

MarketVector e alcuni dei suoi concorrenti come MSCI, una società americana, devono ora soddisfare i fondi pensione che non vogliono investire in società cinesi quotate a Hong Kong.

Per lo studio legale Mayer Brown, i rischi politici a Hong Kong sono diventati evidenti nel 2022 dopo che si è ritirato da un caso che rappresentava l’Università di Hong Kong nel tentativo di rimuovere una statua che commemorava il massacro di Tiananmen del 1989 dal suo campus. Le ripercussioni furono immediate.

READ  Un americano, 23 anni, manda un messaggio agghiacciante prima di scomparire dai rave israeliani

Un importante politico ha chiesto il boicottaggio di Mayer Brown. “Non commettere errori: l’intervento straniero assume solo la forma di aerei da guerra e armi da fuoco”, ha affermato Leung Chun-ying, ex amministratore delegato di Hong Kong.

Uno dopo l’altro, i clienti cinesi di Mayer Brown l’hanno rimosso dagli elenchi delle aziende a cui si rivolgono per lavori legali, secondo due persone che hanno una conoscenza diretta dell’azienda, che hanno parlato a condizione di anonimato. Questo mese, lo studio legale ha annunciato un piano per separarsi dalla sua partnership con Hong Kong, ponendo fine a quella che aveva dichiarato solo pochi mesi prima come una “storia di Hong Kong” lunga 160 anni.

Mayer Brown non ha risposto a molteplici richieste di commento.

Ora, Google è sotto i riflettori dopo che un tribunale di Hong Kong ha deciso di accogliere la richiesta del governo di vietare “Glory to Hong Kong”, una canzone nata dalle proteste a favore della democrazia. A seguito della decisione, il ministro della Giustizia di Hong Kong Paul Lam ha invitato Google ad attuare il divieto e ha sollevato la possibilità che anche altri contenuti possano essere sottoposti a controllo. Due giorni dopo, Google ha dichiarato che avrebbe bloccato la visualizzazione del video a Hong Kong sulla sua piattaforma gemella, YouTube.

Alcune aziende straniere trovano più facile uscire. Mentre se ne andavano, gli uffici sparivano tra i lucenti grattacieli che punteggiavano l’orizzonte. A marzo la percentuale di sfitti era del 16,3%, anche se da allora secondo l’agenzia immobiliare Colliers la percentuale è leggermente diminuita.

Al contrario, gli amministratori delegati delle aziende cinesi hanno visitato Hong Kong negli ultimi mesi per ispezionare uffici e spazi commerciali, ha affermato Fiona Ngan, responsabile dei servizi agli inquilini di Colliers. La maggior parte non ha ancora firmato contratti di locazione, ma Colliers prevede che la situazione cambierà entro la fine dell’anno e ha recentemente creato un team che si rivolge alle aziende cinesi.

Hong Kong comincia a sentirsi più cinese anche in altri modi. Nel tentativo di dissipare le preoccupazioni delle imprese sulla legislazione sulla sicurezza, Paul Chan, direttore finanziario della città, ha indicato quasi 50 aziende che intendono aprire o espandersi a Hong Kong, aggiungendo decine di miliardi di dollari all’economia della città.

READ  Il funzionario di Biden afferma che l'accordo potrebbe riportare a casa gli ostaggi

Delle 45 aziende presenti nell’elenco fornito dall’ufficio del signor Chan, 35 provenivano dalla Cina continentale.

Nei quartieri di Hong Kong sono sorti nuovi ristoranti dove le vetrine dei negozi sono rimaste vuote dopo che le rigide politiche pandemiche della città hanno messo fuori mercato i piccoli ristoranti. Alcuni dei nuovi ristoranti sono famosi franchising cinesi che servono cucina locale e tè alle bolle.

Per le strade molti turisti e anche gente del posto parlano il mandarino, la lingua ufficiale parlata in tutta la Cina. Secondo un recente studio di EF Education First, una società di formazione internazionale con sede in Svizzera, le competenze della lingua inglese tra i residenti di Hong Kong di età compresa tra 18 e 20 anni sono diminuite in modo significativo dal 2020 al 2022.

Anche se i risultati erano in linea con le tendenze riscontrate altrove, la scoperta ha allarmato molti in una città che da tempo si vantava della propria capacità di parlare il linguaggio globale del business.

Giovani professionisti cinesi sempre più talentuosi stanno arrivando in città. I funzionari di Hong Kong hanno creato un nuovo sistema di visti per attirare professionisti da tutto il mondo. Secondo gli ultimi dati governativi, quasi tutti i richiedenti che hanno ricevuto il visto provenivano dalla Cina continentale.

Alcuni esperti hanno affermato che Hong Kong ha una lunga storia di cambiamenti e la trasformazione attuale è un’altra trasformazione simile.

Altri, come Wang Xiangwei, hanno avvertito che i leader di Hong Kong devono fare di più per cambiare la percezione che la città stia perdendo la sua reputazione di hotspot internazionale.

“Vedo semplicemente una comunicazione unidirezionale da parte di Pechino che dice a Hong Kong cosa fare”, ha detto Wang, ex redattore capo del South China Morning Post.

“Se Hong Kong non fa nulla, se permettono a Pechino di dirgli cosa fare, quella sarà la fine di Hong Kong come la conosciamo”, ha detto Wang. “Si autodistruggerà”.

Zexu Wang Ha contribuito riportando da Hong Kong.