Maggio 24, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli aiuti all’Ucraina dividono i repubblicani dopo che Trump ha attenuato la resistenza

Gli aiuti all’Ucraina dividono i repubblicani dopo che Trump ha attenuato la resistenza

Il voto della Camera sabato a favore di 61 miliardi di dollari in aiuti statunitensi all’Ucraina è stato il segnale più chiaro che il Partito Repubblicano, almeno in politica estera, non è completamente allineato con l’ex presidente Donald J. Trump e il suo movimento “America First”.

Ma più repubblicani hanno votato contro gli aiuti che a favore, dimostrando quanto il GOP sia diviso in un anno elettorale dal vasto isolazionismo di Trump – e dall’odio del suo movimento per l’Ucraina.

In effetti, Trump, il presunto candidato repubblicano per il terzo mandato, ha attenuato la sua opposizione agli aiuti ucraini negli ultimi giorni quando la diga ha cominciato a crollare a causa del blocco imposto dai repubblicani alla Camera. È stato al fianco del presidente della Camera Mike Johnson della Louisiana, che ha messo insieme complessi pacchetti di aiuti per Ucraina, Israele e gli alleati asiatici dell'America, e contro i minacciosi tentativi di spodestare la presidenza di Johnson e far precipitare la Camera nel caos. Sabato è rimasto in silenzio, rifiutandosi di fare pressione sui repubblicani affinché votassero no.

Ma poche questioni erano più centrali nell’ideologia dell’ex presidente quanto il suo isolazionismo in politica estera, le sue richieste all’Europa di aumentare le spese militari nel proprio cortile e il suo spostamento della politica estera verso la Russia di Vladimir Putin.

Sebbene sia rimasto in silenzio negli ultimi giorni, i suoi alleati più accesi alla Camera, come i rappresentanti Marjorie Taylor Greene della Georgia e Matt Gaetz della Florida, hanno guidato gli sforzi per bloccare gli aiuti. La deputata Lauren Boebert del Colorado, sostenitrice di Trump, ha deriso i democratici durante il voto quando hanno sventolato le bandiere ucraine sull'aula della Camera.

“Un'esibizione così imbarazzante e disgustosa da parte dei recenti politici americani!” Poi ha scritto sui social. “Tu ami così tanto l’Ucraina, vai lì e lascia il dominio dell’America a coloro che amano questo paese!”

La signora Green ha criticato i membri del suo partito che hanno sostenuto il disegno di legge. “Il rappresentante della Camera Mike Johnson è molto orgoglioso di lavorare per l’Ucraina. Non il popolo americano!!! È spregevole!

Anche il figlio di Trump, Donald Trump Jr., si è unito alla critica a Johnson e alla sua gestione degli aiuti ucraini. Gli aiutanti più fedeli di Trump rimangono privatamente contrari al sostegno dell’Ucraina, evidente nelle teorie del complotto risalenti alle elezioni del 2016.

READ  Ultimi | Un rapporto delle Nazioni Unite afferma che ci vorrà fino al 2040 per ricostruire tutte le case distrutte finora a Gaza

John R. Bolton, ex consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, ha affermato che “l'opposizione all'Ucraina riguarda ancora il fatto che stiano ancora nascondendo il server di Hillary Clinton o che stiano cercando di sconfiggerlo nelle elezioni del 2016”, riferendosi a una cospirazione sfatata. Teorie sull'Ucraina. “Non è proprio una questione di filosofia. Si tratta di Donald Trump.”

Ma l’ex presidente, timoroso nell’assorbire eventuali perdite pubbliche mentre affronta il primo processo penale contro un ex presidente degli Stati Uniti, ha cercato di avere entrambe le cose prima del voto. Ha scritto sui social media che “la sopravvivenza e la forza” dell'Ucraina sono “importanti” per gli Stati Uniti, e ha chiesto: “Perché l'Europa non fornisce più soldi per aiutare l'Ucraina? Perché gli Stati Uniti hanno speso più dell'Europa nella guerra all'Ucraina?” di oltre 100 miliardi di dollari, e abbiamo un oceano… Tra di noi come una separazione!

per lui Venerdì ha confermato che “la Germania Altri paesi europei hanno enormi surplus di bilancio e noi stiamo spendendo miliardi per difenderli! Gli è valso una “nota comunitaria” su X, poiché né la Germania né l’UE nel suo insieme hanno mai registrato surplus.

In effetti, la politica estera è stata a lungo uno dei punti deboli di Trump nel controllo del Partito Repubblicano. Nel dicembre 2023, poco prima che i repubblicani prendessero il controllo della Camera, il Congresso approvò una misura, scritta insieme al senatore Marco Rubio, R-Fla., alleato di Trump, che impediva al presidente di ritirare unilateralmente gli Stati Uniti dalla NATO.

Rubio sottolineò allora che il provvedimento era rivolto a qualsiasi presidente, ma l’obiettivo era chiaro. Trump ha ripetutamente indicato che potrebbe tentare di ritirare il Paese dall’alleanza militare transatlantica. Nessun altro presidente ha adottato una posizione del genere.

Tuttavia, il significato del voto di sabato era negli occhi di chi guarda: sono stati i 101 repubblicani a rompere con l’isolazionismo di Trump, o sono stati i 112 repubblicani a votare contro gli aiuti?

READ  I georgiani lanciano pietre e molotov contro la polizia per protestare contro la nuova legge

I repubblicani tradizionali, come il deputato Larry Bucson dell'Indiana, hanno citato un diverso presidente repubblicano, Ronald Reagan, per giustificare il loro voto.

“Aiutare l’Ucraina a vincere la sua lotta contro la Russia è nell’interesse del popolo americano e della nostra sicurezza nazionale”, ha affermato Bookson. “L'ambizione di Vladimir Putin non si ferma in Ucraina.”

Ma i repubblicani più pro-Trump hanno dimostrato fino a che punto sono disposti a portare la loro opposizione. Ventuno di loro hanno anche votato contro gli aiuti militari a Israele, spingendo lo slogan “America First” più di quanto il loro leader avrebbe altrimenti fatto.

“Questo è il risultato diretto dell’influenza di Trump sul partito, ed è un peccato il danno che ha causato”, ha detto Bolton.

Il deputato Scott Perry, repubblicano della Pennsylvania e leader del movimento di estrema destra Freedom Caucus, ha dichiarato di aver votato contro il pacchetto di aiuti israeliani perché include aiuti umanitari per Gaza.

“Dare 9 miliardi di dollari ai terroristi di Hamas non sostiene Israele”, ha scritto sui social media. “È come picchiare qualcuno per poter pagare il conto dell’ospedale. Non posso criticare il presidente Biden per essere su entrambi i lati della guerra e poi votare per entrambi i lati della guerra”.

Per Trump, il pacchetto di aiuti non si sovrappone direttamente alla sua retorica politica. La posizione più comune dell’ex presidente sulla guerra in Ucraina è stata quella di insistere sul fatto che, in una versione alternativa della storia in cui avesse prevalso nel 2020, la guerra non sarebbe mai avvenuta. Ha ripetutamente affermato che il semplice fatto di essere al comando avrebbe impedito a Putin di invadere.

Ha anche insistito sul fatto che, se avesse vinto a novembre, avrebbe potuto risolvere la guerra prima del suo insediamento, anche se non ha offerto un piano specifico su come farlo. La ripresa degli aiuti militari su larga scala da parte degli Stati Uniti garantisce che la guerra in Ucraina non finirà quando gli americani andranno alle urne a novembre.

“Risolverò completamente la terribile guerra tra Russia e Ucraina”, ha detto Trump durante una manifestazione in Pennsylvania la scorsa settimana. “Sistemerò la cosa.”

READ  Ken Tanaka, la persona più anziana del mondo, è morto in Giappone all'età di 119 anni

Ma non c’è dubbio che la Camera che ha concesso aiuti all’Ucraina senza condizioni è stata una perdita per l’ex presidente. Nei giorni scorsi Trump ha rilanciato l’idea di trasformare qualsiasi aiuto in un prestito al Paese, “piuttosto che in un semplice regalo”, cosa che non è avvenuta.

Giorni dopo, Trump ha incontrato il presidente polacco Andrzej Duda a New York, dove, secondo la campagna di Trump, i due hanno discusso della guerra in Ucraina e della proposta di Duda che gli stati membri della NATO spendano il 3% per la loro difesa.

Il giorno successivo, Trump ha nuovamente insistito sui social media dicendo che l’Europa deve “eguagliare o eguagliare il denaro fornito dagli Stati Uniti d’America per aiutare un Paese che ne ha un disperato bisogno”.

Anche questo non è avvenuto.

Lo stesso Trump ha anche contribuito a collegare gli aiuti all’Ucraina a un’altra questione centrale nella sua campagna – la sicurezza delle frontiere – quando ha incaricato i repubblicani del Senato di abrogare una misura bipartisan di sicurezza delle frontiere, che era stata redatta per essere approvata insieme a un più ampio pacchetto di aiuti militari. La deputata Nancy Mace, repubblicana della Carolina del Sud, che ha votato contro il disegno di legge ucraino, ha affermato che questo collegamento ha risuonato sabato.

Ha detto che gli elettori sono “arrabbiati per gli aiuti all'Ucraina senza prima affrontare i nostri confini. Washington non è in contatto con l'America Centrale”.

Ma mantenendo aperte le sue opzioni, Trump è stato anche calcolato nel suo desiderio di tenere lontane le sue impronte digitali dal voto. Non ha fatto alcuno sforzo per costringere i repubblicani a votare no. Non ha rivolto minacce né pubbliche né private.

Anche se il denaro americano ricomincia a fluire, la sua retorica centrale nei confronti dei suoi elettori rimane la stessa: solo lui può porre fine alla più grande guerra terrestre in Europa dalla Seconda Guerra Mondiale.

Jonathan Cigno Contributo ai rapporti.