Giugno 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli scienziati scoprono la possibile origine dei primi dinosauri “a sangue caldo”.

Gli scienziati scoprono la possibile origine dei primi dinosauri “a sangue caldo”.

Ricerche recenti suggeriscono che alcuni dinosauri potrebbero aver sviluppato la capacità di regolare internamente la propria temperatura corporea durante il Giurassico inferiore, cosa che ha permesso loro di adattarsi ai climi freddi e superare le sfide ambientali. L’immagine dell’artista mostra un dromeosauro, un tipo di teropode piumato, nella neve. Questo gruppo di dinosauri è conosciuto come i rapaci. Il famoso dromeosauro lo è Velociraptorè stato raffigurato nel film Jurassic Park. Fonte: Davide Bonadonna/Università di Vigo/UCL

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’University College di Londra e dell’Università di Vigo suggerisce che la capacità di regolare la temperatura corporea, una proprietà condivisa da tutti i mammiferi e gli uccelli moderni, potrebbe essersi evoluta per la prima volta tra alcuni dinosauri nel Paleolitico inferiore. Giurassico Un periodo circa 180 milioni di anni fa.

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’University College di Londra e dell’Università di Vigo suggerisce che la capacità di regolare la temperatura corporea, una caratteristica condivisa da tutti i mammiferi e gli uccelli, potrebbe essersi evoluta per la prima volta in alcuni dinosauri durante il Giurassico inferiore, circa 180 milioni di anni fa. .

All’inizio del XX Nel 20° secolo, i dinosauri erano considerati animali a sangue freddo e lenti, come i rettili moderni, che facevano affidamento sul calore del sole per regolare la loro temperatura. Scoperte più recenti indicano che alcune specie di dinosauri erano probabilmente in grado di generare il proprio calore corporeo, ma non si sa quando sia avvenuto questo adattamento.

Metodi e risultati della ricerca

Il nuovo studio pubblicato sulla rivista Biologia attualeha esaminato la diffusione dei dinosauri nei diversi climi sulle terre emerse di tutto il mondo Mesozoico (l’era dei dinosauri, che durò da 230 a 66 milioni di anni fa), basato su 1.000 fossili, modelli climatici e geografici del periodo e alberi evolutivi dei dinosauri.

READ  Gli acari della pelle che svaniscono sui nostri volti di notte si stanno lentamente fondendo con gli umani

Il gruppo di ricerca ha scoperto che due dei tre principali gruppi di dinosauri, i teropodi (ad es T-Rex E Velociraptor) e ornitischi (compresi i parenti erbivori Stegosauro E Triceratopo), si spostarono verso climi più freddi durante il Giurassico inferiore, suggerendo che potrebbero aver sviluppato l’endotermia (la capacità di generare calore internamente) in questo periodo. Al contrario, i sauropodi, l’altro grande gruppo che comprende… Brontosauro E il Diplodocosono conservati nelle regioni più calde del pianeta.

Precedenti ricerche hanno scoperto tratti associati al sangue caldo tra gli ornitischi e i teropodi, alcuni dei quali sono noti per avere piume primitive o penne che isolavano il calore interno.

Implicazioni evolutive

Il primo autore, il dottor Alfio Alessandro Chiarenza, dell’UCL Earth Sciences, ha dichiarato: “Le nostre analisi mostrano che diverse preferenze climatiche sono emerse tra i principali gruppi di dinosauri intorno al periodo dell’evento Jenkins 183 milioni di anni fa, quando un’intensa attività vulcanica portò al riscaldamento globale e al cambiamento climatico. . il clima”. Estinzione delle popolazioni vegetali.

“In questo periodo apparvero molti nuovi gruppi di dinosauri. L’adozione dell’endotermia, a seguito di questa crisi ambientale, potrebbe aver consentito ai teropodi e agli ornitischi di prosperare in ambienti freddi, consentendo loro di essere molto attivi e mantenerli attivi per periodi più lunghi. ” Per svilupparsi e crescere più velocemente e produrre più prole.

La coautrice Sara Varela, dell’Università di Vigo, in Spagna, ha dichiarato: “I teropodi includono anche gli uccelli, e il nostro studio suggerisce che, d’altro canto, la regolazione unica della temperatura aviaria potrebbe aver avuto origine in questo primo periodo Giurassico. che sopravvissero nei climi più caldi crebbero, raggiungendo dimensioni gigantesche in questo periodo: un altro possibile adattamento dovuto alla pressione ambientale. Il loro rapporto minore tra superficie e volume significava che queste creature più grandi perdevano calore meno frequentemente, consentendo loro di rimanere attive più a lungo.

READ  Il campione di asteroide OSIRIS-REx della NASA ritorna sulla Terra: aggiornamenti in tempo reale

Implicazioni più ampie della ricerca

In questo articolo, i ricercatori hanno anche studiato se i sauropodi rimanessero a latitudini più basse per mangiare il ricco fogliame non disponibile nelle fredde regioni polari. Invece, hanno scoperto che i sauropodi sembravano prosperare in ambienti aridi, simili alla savana, supportando l’idea che la loro restrizione ai climi più caldi fosse più legata al riscaldamento che alla fisiologia del sangue freddo. Durante quel periodo le regioni polari erano più calde e ricche di piante.

L’evento Jenkins si è verificato dopo che lava e gas vulcanici sono eruttati da lunghe fessure nella superficie terrestre, coprendo vaste aree del pianeta.

Coautore Dott. Juan L. Cantalapiedra, del Museo Nazionale di Scienze Naturali, Madrid, Spagna: “Questa ricerca suggerisce uno stretto legame tra il clima e il modo in cui si sono evoluti i dinosauri e getta nuova luce su come gli uccelli potrebbero aver ereditato un tratto biologico unico dai loro antenati dinosauri e sui diversi modi in cui si sono adattati”. Dinosauri con cambiamenti ambientali complessi e a lungo termine.

Riferimento: “The Early Jurassic Origin of Avian Endothermy and Thermal Physiological Diversity in Dinosaurs” di Alfio Alessandro Chiarenza, Juan L. Cantalapiedra, Luis A. Jones, Sarah Gamboa, Sofia Galván e Alexander J. Farnsworth e Paul J. Varela, 15 maggio 2024, Biologia attuale.
DOI: 10.1016/j.cub.2024.04.051

Lo studio è stato finanziato dal Consiglio europeo della ricerca, dalla Royal Society, dal Consiglio per la ricerca sull’ambiente naturale e dal Ministero spagnolo della ricerca.

Lo studio ha coinvolto ricercatori dell’Università della California, Los Angeles, dell’Università di Vigo e… Università di Bristole il Museo Nazionale di Scienze Naturali di Madrid, e ha ricevuto finanziamenti dal Consiglio Europeo della Ricerca, dal Ministero spagnolo della Ricerca, dal Consiglio per la Ricerca sull’Ambiente Naturale e dalla Royal Society.

READ  Lacrime di astronomi attraverso le prime immagini del telescopio Webb