Luglio 19, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli Stati Uniti affermano che un accordo di difesa con l’Arabia Saudita non è possibile senza un accordo con Israele

Gli Stati Uniti affermano che un accordo di difesa con l’Arabia Saudita non è possibile senza un accordo con Israele

Apri Editor’s Digest gratuitamente

Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan ha affermato che l’amministrazione Biden non firmerà un accordo di difesa con l’Arabia Saudita se il Regno e Israele non accetteranno di normalizzare le relazioni, sottolineando che “non è possibile separare un pezzo dall’altro”.

Sabato, in un’intervista al FT Weekend Festival, Sullivan ha negato le recenti indiscrezioni secondo cui sarebbe stato preso in considerazione un accordo bilaterale tra l’amministrazione Biden e il regno se Israele avesse rifiutato di fare concessioni ai palestinesi.

L’amministrazione Biden sta spingendo per un accordo tripartito per incoraggiare Riyadh a formalizzare le relazioni diplomatiche con Israele come parte dei piani per garantire una pace sostenibile in Medio Oriente dopo l’attacco di Hamas del 7 ottobre che ha portato a una guerra di quasi sette mesi a Gaza. Spera di sfruttare la prospettiva che il regno – a lungo il premio più importante per Israele – e altri paesi musulmani normalizzino le relazioni per convincere Israele ad accettare di fare importanti concessioni ai palestinesi.

Ma il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ripetutamente respinto qualsiasi iniziativa verso una soluzione a due Stati al conflitto di lunga data israelo-palestinese.

“La visione integrata è un’intesa bilaterale tra Stati Uniti e Arabia Saudita accompagnata dalla normalizzazione tra Israele e Arabia Saudita, oltre a passi significativi a favore del popolo palestinese”, ha affermato Sullivan. “Tutto deve combaciare… Non puoi separare un pezzo dall’altro.

Sullivan ha affermato che il presidente Joe Biden intende rivelare pubblicamente “il percorso”.[to]. . . Una regione più pacifica.”

READ  AGGIORNAMENTI IN DIRETTA: Liz Truss si dimette da Primo Ministro del Regno Unito

“Mi aspetto che nei prossimi mesi sentirete parlare di più del presidente e di altri su un percorso che crediamo possa portare a un Israele più sicuro e a una regione più pacifica”, ha detto Sullivan.

Ha aggiunto: “Tutto quello che possiamo fare è trovare ciò che pensiamo sia logico. [and] Cercare di convincere di questo il maggior numero di paesi nella regione e poi presentarlo, e alla fine spetterà alla leadership israeliana e, francamente, il popolo israeliano potrà decidere se questa è la strada che vuole seguire o meno.

L’amministrazione Biden si stava muovendo verso un accordo che richiedesse all’Arabia Saudita di normalizzare le relazioni con Israele prima del 7 ottobre, il che avrebbe portato Washington ad accettare un accordo di difesa con Riyadh e a sostenere le sue ambizioni nucleari civili in cambio di concessioni da parte di Israele ai palestinesi.

L’attacco di Hamas e l’attacco di ritorsione di Israele a Gaza hanno sconvolto questo processo, ma gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita hanno continuato a discutere un potenziale accordo come parte di più ampi piani postbellici per garantire la pace nella regione.

Ma l’Arabia Saudita ha chiarito che chiederà a Israele di fare concessioni molto maggiori ai palestinesi dopo il 7 ottobre, e ha insistito sulla necessità di vedere “passi irreversibili” verso la creazione di uno Stato palestinese.

Alcuni analisti ritengono che le notizie dei media di questa settimana secondo cui gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita stanno valutando di portare avanti un accordo bilaterale se Israele si rifiuta di compiere passi concreti verso la creazione di uno stato palestinese fossero destinate a fare pressione sul governo di Netanyahu.

READ  Le studentesse afghane finiscono la prima media in lacrime. Sotto il dominio dei Talebani, la loro istruzione finì

Il ministro degli Esteri saudita, il principe Faisal bin Farhan, ha detto questa settimana che Riyadh e Washington sono “molto vicini” a un accordo bilaterale sulla parte statunitense dell’accordo, ma ha ribadito che “deve esserci anche un vero percorso verso un accordo palestinese” credibile e irreversibile. stato. .

Tuttavia, Netanyahu, che subisce forti pressioni da parte dei membri di estrema destra della sua coalizione di governo affinché non facciano alcuna concessione ai palestinesi, si vanta di essere riuscito per anni a ostacolare qualsiasi progresso verso una soluzione a due Stati.

Sullivan ha parlato mentre il direttore della CIA Bill Burns era al Cairo, dove i mediatori cercavano di convincere Hamas ad accettare la proposta di raggiungere un accordo che porterebbe al cessate il fuoco e al rilascio degli ostaggi detenuti a Gaza. I mediatori sperano di arrivare ad una sospensione temporanea dei combattimenti per sei settimane, che possa poi essere utilizzata per negoziare un cessate il fuoco permanente.

I funzionari statunitensi hanno elogiato Israele per aver fatto delle concessioni sui termini dell’accordo, ma Netanyahu ha comunque insistito sul fatto che avrebbe lanciato un attacco a Rafah, una città nel sud di Gaza, dove più di un milione di persone hanno cercato rifugio sicuro.

I paesi arabi discutono da mesi con Washington la loro visione del piano postbellico, che prevede il riconoscimento da parte degli Stati Uniti e delle altre potenze occidentali di uno Stato palestinese, il sostegno alla sua piena adesione alle Nazioni Unite e la riforma della leadership palestinese che governa Gaza e la Cisgiordania occupata.