Giugno 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli Stati Uniti aprono indagini antitrust su Nvidia, Microsoft e OpenAI

Gli Stati Uniti aprono indagini antitrust su Nvidia, Microsoft e OpenAI

Le autorità di regolamentazione federali hanno raggiunto un accordo che consente loro di continuare le indagini antitrust sui ruoli dominanti ricoperti da Microsoft, OpenAI e Nvidia nel settore dell’intelligenza artificiale, nel segno più forte di come il controllo normativo sulla potente tecnologia si stia intensificando.

Il Dipartimento di Giustizia e la Federal Trade Commission hanno chiuso l’accordo la scorsa settimana, e secondo due persone a conoscenza della questione, che non erano autorizzate a parlare pubblicamente delle discussioni riservate, si prevede che venga concluso nei prossimi giorni.

In base a questo accordo, il Dipartimento di Giustizia assumerà la guida di indagare se la condotta di Nvidia, il più grande produttore di chip di intelligenza artificiale, abbia violato le leggi antitrust, hanno detto le fonti. La FTC svolgerà un ruolo di primo piano nell’esame del comportamento di OpenAI, che produce il chatbot ChatGPT, e di Microsoft, che ha investito 13 miliardi di dollari in OpenAI e ha stretto accordi con altre società di intelligenza artificiale, affermano le fonti.

L’accordo segnala un’intensificazione del controllo da parte del Dipartimento di Giustizia e della Federal Trade Commission sull’intelligenza artificiale, una tecnologia in rapido progresso che ha il potenziale di sconvolgere posti di lavoro, informazioni e la vita delle persone. Entrambe le agenzie sono state in prima linea negli sforzi dell’amministrazione Biden per frenare il potere delle più grandi aziende tecnologiche. Dopo un accordo simile nel 2019, il governo ha indagato su Google, Apple, Amazon e Meta e da allora ha intentato una causa contro ciascuno di loro per presunta violazione delle leggi antitrust.

Per mesi Nvidia, Microsoft e OpenAI sono in gran parte sfuggiti al peso del controllo normativo dell’amministrazione Biden. Ma le cose hanno iniziato a cambiare quando l’intelligenza artificiale generativa, in grado di produrre testo, immagini, video e audio simili a quelli umani, è entrata in scena alla fine del 2022 e ha creato una mania nel settore.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: l'inflazione in Turchia si avvicina all'80% con l'aumento dei prezzi e dei salari

Le autorità di regolamentazione hanno recentemente indicato di voler anticipare gli sviluppi dell’intelligenza artificiale. A luglio, la Federal Trade Commission ha avviato un’indagine per verificare se OpenAI abbia danneggiato i consumatori attraverso la raccolta di dati. A gennaio, la FTC ha anche avviato un’indagine ad ampio raggio sulle partnership strategiche tra giganti della tecnologia e startup di intelligenza artificiale, compresi gli investimenti di Microsoft in OpenAI e Google e gli investimenti di Amazon in Anthropic, un’altra giovane società di intelligenza artificiale.

Tuttavia, gli Stati Uniti sono ancora in ritardo rispetto all’Europa nella regolamentazione dell’IA. L’anno scorso i funzionari dell’UE hanno concordato norme fondamentali che regolano la tecnologia in rapido sviluppo, concentrandosi sui modi più rischiosi in cui può essere utilizzata. A Washington il mese scorso, un gruppo di senatori ha emesso raccomandazioni legislative per l’intelligenza artificiale, chiedendo di spendere 32 miliardi di dollari all’anno per promuovere la leadership americana nella tecnologia, ma si è fermato prima di chiedere nuove normative specifiche.

Le discussioni tra la FTC e il Dipartimento di Giustizia riguardo alle società di intelligenza artificiale sono entrate nelle fasi finali la scorsa settimana e hanno coinvolto i livelli senior di entrambe le agenzie, ha detto una delle persone che hanno familiarità con le discussioni, un funzionario della FTC.

Lina Khan, presidente della Federal Trade Commission ha detto in un’intervista di febbraio Che quando si trattava di intelligenza artificiale, l’agenzia cercava di individuare “potenziali problemi all’inizio piuttosto che scoprirli anni e anni e anni dopo, quando i problemi sono profondamente radicati e diventano più difficili da correggere”.

Nvidia, OpenAI e Microsoft sono stati sotto i riflettori come alcuni dei maggiori vincitori del boom dell’intelligenza artificiale, sollevando dubbi sulla loro posizione dominante.

Nvidia, un produttore di chip della Silicon Valley, è un importante fornitore di unità di elaborazione grafica, o GPU, componenti adattati per compiti di intelligenza artificiale come l’apprendimento automatico. Dopo l’esplosione dell’intelligenza artificiale, le aziende tecnologiche hanno corso per acquisire le unità di elaborazione grafica di Nvidia, raddoppiando e triplicando le loro vendite. Il prezzo delle azioni di Nvidia è aumentato di oltre il 200% nell’ultimo anno e mercoledì il valore di mercato della società ha superato per la prima volta i 3 trilioni di dollari, superando Apple.

Gli operatori del settore sono preoccupati per il dominio di Nvidia, compreso il modo in cui il software dell’azienda impedisce ai clienti di utilizzare i suoi chip, nonché il modo in cui Nvidia distribuisce tali chip ai clienti, hanno detto due persone che hanno familiarità con le preoccupazioni.

Microsoft, la società tecnologica pubblica di maggior valore al mondo, è diventata anche un fornitore leader di intelligenza artificiale. Possiede il 49% di OpenAI, che è balzato all’attenzione del pubblico con il rilascio di ChatGPT nel 2022. La capacità del chatbot di rispondere a domande, creare immagini e costruire codice informatico ha affascinato le persone e ha rapidamente reso la startup una delle aziende più importanti al mondo. settore tecnologico.

Microsoft ha integrato la tecnologia OpenAI nei propri prodotti. L’intelligenza artificiale ora crea risposte per gli utenti del suo motore di ricerca, Bing, e può aiutare a creare presentazioni e documenti in PowerPoint e Word. (Il New York Times ha intentato una causa contro OpenAI e Microsoft, presunta violazione del copyright sui contenuti di notizie relativi ai sistemi di intelligenza artificiale.)

READ  Esclusivo: l'unità Cloud di Amazon sta studiando i nuovi chip AI di AMD

Gli accordi di Microsoft sull’intelligenza artificiale hanno attirato l’attenzione perché danno a una delle più grandi aziende tecnologiche influenza sulla tecnologia emergente, mentre alcuni nel settore hanno sollevato dubbi sul fatto che gli accordi siano strutturati in modo da consentire a Microsoft di evitare la revisione diretta da parte delle autorità di regolamentazione.

Microsoft ha strutturato la sua partecipazione di minoranza in OpenAI in parte per evitare il controllo antitrust, ha riferito il Times. Microsoft ha anche raggiunto un accordo a marzo per assumere la maggior parte dei dipendenti di Inflection AI, un’altra startup di intelligenza artificiale, e concederne in licenza la tecnologia. Poiché l’accordo non è stata un’acquisizione normale, potrebbe essere difficile per le autorità di regolamentazione esaminarlo attentamente.

La settimana scorsa, la Divisione Antitrust del Dipartimento di Giustizia ha organizzato una conferenza sull’intelligenza artificiale presso l’Università di Stanford. Nelle sue osservazioni di apertura, Jonathan Kanter, il massimo funzionario antitrust dell’agenzia, ha sottolineato “strutture e tendenze nell’intelligenza artificiale che dovrebbero farci riflettere”.

“L’intelligenza artificiale si basa su enormi quantità di dati e potenza di calcolo, che possono offrire alle aziende già dominanti un vantaggio significativo”, ha affermato.