Settembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli Stati Uniti impongono sanzioni dopo che Putin ha riconosciuto le regioni separatiste dell’Ucraina

Gli Stati Uniti impongono sanzioni dopo che Putin ha riconosciuto le regioni separatiste dell'Ucraina

Washington Il presidente Biden ha firmato un accordo ordine esecutivo Lunedì ha imposto sanzioni contro due repubbliche separatiste sostenute dalla Russia nell’Ucraina orientale in una rapida risposta alla decisione del presidente russo Vladimir Putin Riconoscimento dei territori come indipendenti.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha dichiarato in una dichiarazione che l’ordine vieta “nuovi investimenti, scambi e finanziamenti da parte di cittadini statunitensi in, da o all’interno” della cosiddetta Repubblica popolare di Donetsk e Repubblica popolare di Luhansk situate nella regione orientale del Donbass Ucraina.

L’ordine conferisce anche il potere di imporre sanzioni a “chiunque sia determinato a operare in quelle aree dell’Ucraina”, ha affermato Psaki, aggiungendo che l’amministrazione avrebbe successivamente annunciato “misure aggiuntive relative alla flagrante violazione degli obblighi internazionali della Russia”.

“Per essere chiari: queste misure sono separate e si aggiungeranno alle misure economiche rapide e aggressive che stiamo preparando in coordinamento con alleati e partner in caso di invasione russa dell’Ucraina”, ha affermato.

L’amministrazione Biden ha avvertito che la mossa di Putin di riconoscere formalmente Luhansk e Donetsk come indipendenti sarebbe accolta con una “risposta rapida e ferma” da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati.

Poco dopo l’annuncio di Putin, che ha rivelato in un discorso durante una sessione pubblica del suo Consiglio di sicurezza, Biden ha tenuto una telefonata sicura con il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Schulz. La Casa Bianca ha detto che la chiamata tra i tre leader è durata circa 30 minuti ed è arrivata dopo che il presidente ha parlato con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky per 35 minuti.

READ  Terremoto nelle Filippine: un terremoto di magnitudo 7,1 colpisce la provincia di Abra, Manila è rimasta scioccata

Biden ha invitato Zelensky a “riaffermare l’impegno degli Stati Uniti per la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina” e ha “condannato fermamente” il riconoscimento di Putin dei territori contesi, ha affermato la Casa Bianca.

Condannando la dichiarazione di Putin, il ministro degli Esteri Anthony Blinken ha definito la sua mossa per riconoscere le due regioni come “un chiaro attacco alla sovranità e all’integrità territoriale dell’Ucraina” e “un altro esempio del palese disprezzo del presidente Putin per il diritto e le norme internazionali”.

Un alto funzionario dell’amministrazione Biden ha detto ai giornalisti lunedì che l’annuncio di Putin “non era solo una retorica sulla sicurezza della Russia, ma un attacco all’idea di un’Ucraina indipendente e sovrana”. “Putin ha chiarito che storicamente considerava l’Ucraina come parte della Russia… Questa era una retorica per il popolo russo per giustificare la guerra”, ha continuato il funzionario.

Il funzionario ha osservato: “Nell’ultima ora, abbiamo visto le forze di comando russe schierate in [DNR and LNR] per le cosiddette funzioni di mantenimento della pace.

Il funzionario ha identificato diversi esempi di false accuse da parte della Russia: esplosioni nell’Ucraina orientale che sono state seguite dai media statali russi nel cuore della notte, nonché video di presunte chiamate di evacuazione di emergenza, i cui metadati mostrano che lo erano. Sono stati creati giorni prima del loro rilascio.

“Continueremo a perseguire la diplomazia fino a quando i carri armati non arriveranno, ma non ci illudiamo di ciò che potrebbe accadere dopo, e siamo pronti a rispondere in modo deciso quando ciò accadrà”, ha affermato il funzionario.

Alla domanda se le “rapide e rapide sanzioni” minacciate dall’amministrazione Biden non saranno imposte fino all’ingresso dei primi carri armati in Ucraina, il funzionario ha affermato che le azioni che gli Stati Uniti intraprenderanno si concentreranno sulla risposta all’azione russa: “Cercheremo molto da vicino a ciò che stanno facendo durante le ore.” E i prossimi giorni e la nostra risposta saranno nuovamente misurati rispetto alle loro azioni”.

READ  Boris Johnson decolla, gli strateghi scommettono sui grandi cambiamenti dell'economia britannica

L’alto funzionario dell’amministrazione ha avvertito che “il trasferimento delle forze russe nel Donbass non sarebbe di per sé un nuovo passo”, poiché ha una presenza militare nell’area da otto anni. Il funzionario ha affermato che, sebbene Mosca abbia negato che fosse così, “sembra che ora la Russia agirà apertamente in quella regione”.

Non era chiaro se l’amministrazione Biden l’avrebbe vista come una “invasione”, anche se il funzionario ha affermato che gli Stati Uniti avrebbero preso provvedimenti in risposta a quel tipo di movimento.

Oltre alle imminenti sanzioni statunitensi alle due regioni, l’Unione Europea ha anche affermato che intende imporre sanzioni “contro coloro che sono coinvolti in questo atto illegale”.

“Questa mossa è una flagrante violazione del diritto internazionale e degli accordi di Minsk”, hanno affermato in una nota il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. affermazione.

La Russia ha ammassato quasi 190.000 soldati vicino al confine ucraino e Biden ha detto venerdì di essere “convinto” che Putin abbia deciso di invadere. Tuttavia, alti funzionari dell’amministrazione Biden hanno fatto pressioni su Mosca affinché seguisse un percorso diplomatico piuttosto che una guerra.

Ma la mossa di Putin di lunedì indica che il leader russo non è interessato a negoziare con l’Occidente per una soluzione diplomatica alla crisi in Ucraina.

Il ministro degli Esteri Anthony Blinken ha avvertito la scorsa settimana che riconoscere Luhansk e Donetsk come indipendenti “minaccerebbe la sovranità e l’indipendenza territoriale dell’Ucraina” e “una flagrante violazione del diritto internazionale”. Ha aggiunto che un tale passo “richiede una risposta rapida e risoluta da parte degli Stati Uniti in pieno coordinamento con i nostri alleati e partner”.

READ  Alle Hawaii, Blinken punta a un fronte unito con alleati in Corea del Nord