Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Hideki Matsuyama sfrutta un notevole Late Surge per superare Patrick Cantlay e vincere il Genesis Invitational

Hideki Matsuyama sfrutta un notevole Late Surge per superare Patrick Cantlay e vincere il Genesis Invitational

LOS ANGELES — Domenica Hideki Matsuyama è apparso dal nulla.

Mentre l'ultimo gruppo combatteva per tutta la giornata, il vantaggio di due colpi di Patrick Cantlay è rapidamente scomparso e Matsuyama è stato bloccato.

Matsuyama ha realizzato uno straordinario round finale di 62 per vincere il Genesis Invitational, in testa ad una classifica affollata. Ha segnato la prima vittoria della stella giapponese nel PGA Tour in più di due anni e gli è valso un assegno da 4 milioni di dollari, record del torneo.

La vittoria di Matsuyama è stata la nona della sua carriera, superando il traguardo di KJ Choi e rendendolo il giocatore asiatico più vincente nella storia del tour.

“Dopo la mia ottava vittoria, ho lottato con il mio infortunio alla schiena”, ha detto Matsuyama attraverso un traduttore. “Ci sono state molte volte in cui sentivo che non avrei mai più vinto. Ho lottato per raggiungere la top 10, ma sono molto felice di essere riuscito a vincere oggi.

Domenica la folle ascesa di Hideki Matsuyama

Per molto tempo al Riviera, sembrava che Cantlay stesse per scappare con una vittoria filo-filo. Il nativo della California meridionale è passato a un vantaggio di cinque colpi dopo venerdì Ha preso un vantaggio di due colpi nel round finale. Tuttavia, domenica Cantlay è partito molto lentamente. Non solo lui e Xander Schauffele sono caduti completamente dietro al gruppo davanti a loro, ma Cantlay si è reso molto difficile. Ha terminato i suoi primi nove alla pari, poi ha realizzato diversi spauracchi veloci sui suoi ultimi nove, che hanno permesso al resto del gruppo di saltare in vantaggio.

READ  Come e quando vedere la cometa verde dalla Florida nel 2023 - NBC 6 South Florida

Matsuyama era pronto ad approfittarne. Il 31enne ha iniziato la giornata con sei tiri indietro, realizzando tre birdie consecutivi per aprire il suo round. Dopo la risposta ha realizzato tre birdie consecutivi che lo hanno messo improvvisamente nella mischia.

Ma è stato solo al 15° par-4 che Matsuyama ha messo a segno quello che è diventato senza dubbio il suo tiro della giornata. Matsuyama in qualche modo riuscì ad atterrare il suo tiro di avvicinamento a 189 yarde a soli 8 pollici dalla coppa. Ciò gli ha lasciato un tap-in birdie, una rarità sulla seconda buca più difficile del campo.

Né è un valore anomalo. Matsuyama ha atterrato il suo tee shot a 6 pollici dalla coppa sul par-3 16esimo registrando il suo secondo birdie tap-in consecutivo. Questo gli ha dato un vantaggio di un colpo.

Ha fatto il suo terzo birdie consecutivo al par-5 17 dopo aver scheggiato il suo terzo tiro entro 3 piedi dalla buca. Era il suo nono birdie della giornata, spingendo il suo vantaggio a tre tiri dopo che Will Zalatoris lo aveva seguito.

Matsuyama è arrivato 18°. Ha concluso con un 62 per un par finale. Anche se Riviera era a un passo dal pareggiare il record del percorso, ha dovuto aspettare un po' nella clubhouse e questo è bastato. Dai la vittoria a Matsuyama. Ciò ha segnato il punteggio finale più basso di qualsiasi evento del Tour in Riviera nella storia.

Quando è arrivato al campo, ha detto che non pensava di avere alcuna possibilità di vincere. Basandosi sul modo in cui ha giocato all'inizio della settimana e sulla buca da sei colpi in cui si trovava, Matsuyama ha pensato che fosse fuori dai giochi.

READ  PS5 e Xbox Series X sono disponibili oggi su Walmart

“Non mi sentivo a mio agio nel colpire la palla, quindi ho pensato: 'Ehi, oggi farò un paio di tiri sbagliati'”, ha detto. “Ma forse ha funzionato.”

Zalatoris e Luke List si sono piazzati secondi sotto i 14 della settimana. Contley, grazie ad un birdie putt selvaggio all'ultimo, si è classificato quarto a 13-under con Schaffel e Adam Hadwin.

“È bello essere battuti da uno che domenica tira 62”, ha detto Zalatoris. “Un 62 domenica di solito vince un torneo di golf o ti fa guadagnare un sacco di soldi.

“Tanto di cappello a Hideki, è stato semplicemente un gioco stellare.”

Matsuyama ha vinto nove volte nella sua carriera in tournée. Il campione del Masters 2021 non vince dal Sony Open del 2022 alle Hawaii, e l’anno scorso ha avuto una stagione tranquilla in tournée. Ha ottenuto solo due piazzamenti nella top 10 e ha dovuto affrontare un infortunio alla schiena e al collo di fine stagione. Questa settimana è entrato al 55° posto nella classifica ufficiale del golf mondiale.

Tiger Woods, che ospita il torneo ogni anno, si è ritirato dall'evento a metà del suo secondo turno venerdì. Woods ha colpito il suo tee shot alla settima buca, poi è salito su un carrello e si è diretto negli spogliatoi. Ha lottato con sintomi simil-influenzali, ha detto il suo team, e ha lottato per tutto il giorno fino al punto in cui ha dovuto farla finita. Woods stava facendo la sua prima apparizione al Tour da quando si era ritirato dal Masters lo scorso aprile. Ha dovuto ritirarsi in tre delle sue ultime cinque partenze reali.

READ  A Zaporizhia e in altri territori occupati, gli ordini di evacuazione creano confusione

Il Genesis Invitational segna l'ultima tappa dello swing del PGA Tour sulla costa occidentale. Si recheranno in Messico la prossima settimana prima di dirigersi in Florida per il Players Championship e infine il Masters ad aprile.