Giugno 24, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I 18 morti negli incendi in Grecia potrebbero essere migranti

I 18 morti negli incendi in Grecia potrebbero essere migranti

Martedì i vigili del fuoco greci hanno recuperato i corpi di 18 persone ritenute migranti nella regione di Evros, nel nord della Grecia, vicino alla città di Alessandropoli, dove da quattro giorni divampava un enorme incendio.

Resti carbonizzati sono stati trovati vicino al cottage al confine della foresta di Tatia, ha detto il portavoce dei vigili del fuoco greco Yiannis Artopios in una conferenza televisiva. Non ci sono state segnalazioni di persone scomparse nella regione, quindi i funzionari hanno detto che stavano “indagando sulla possibilità che i morti siano entrati illegalmente nel paese”. Ha detto Artobio.

Non erano disponibili ulteriori dettagli sul defunto. Evros, dove sono stati ritrovati i corpi, confina con la Turchia ed è un punto di passaggio per migliaia di migranti che cercano di entrare in Europa attraverso la Grecia.

Martedì i vigili del fuoco greci hanno domato diversi incendi in tutto il paese, ma i loro sforzi sono stati ostacolati da forti venti e condizioni di siccità, una ripetizione delle ondate di caldo estive. Oltre al grande incendio vicino ad Alessandropoli, i vigili del fuoco stanno combattendo gli incendi a nord di Rodopi e ad Asprophyrkos e Filey, a ovest di Atene. Tre villaggi e un monastero vicino a Fili sono stati evacuati nel pomeriggio. Gli incendi divampavano anche sulle isole di Kythnos ed Evia.

E nella vicina Turchia, funzionari turchi hanno detto che almeno sei villaggi sono stati evacuati nell’ovest dopo un incendio boschivo scoppiato nella provincia di Canakkale, una città dell’Egeo sullo stretto dei Dardanelli.

Il Ministero dei Trasporti ha informato che la navigazione sulla via navigabile da sud a nord è stata temporaneamente sospesa.

READ  Gregory McMichael dovrà affrontare un processo con l'accusa federale di crimini ispirati dall'odio nell'omicidio di Ahmaud Arbery dopo aver ritirato il patteggiamento

Gli incendi a ovest di Evros e Atene sono stati i più pericolosi, signor. Artobios ha detto alla televisione di stato greca che in un solo giorno sono scoppiati 65 incendi: “Nuovi fronti stanno scoppiando in tutto il Paese”. Nel corso della conferenza ha affermato che nelle ultime 24 ore si sono verificati 93 incendi.

Martedì veicoli militari sono stati inviati per combattere gli incendi nel nord della Grecia.

Martedì l’Unione Europea, che dispone di vigili del fuoco permanenti provenienti dagli Stati membri, ha inviato più risorse alla Grecia. L’assistenza comprendeva 58 vigili del fuoco, un elicottero Black Hawk, nove cisterne d’acqua e cinque aerei, tra cui due idrovore provenienti dalla Svezia.

Un portavoce dei vigili del fuoco ha detto che le autorità hanno inviato diversi avvisi di evacuazione da lunedì ai cellulari registrati su reti greche e straniere nella regione di Evros. Ha aggiunto che la polizia greca ha riunito una squadra di esperti per identificare le vittime.

Le autorità di Alessandropoli hanno invitato i residenti di 10 villaggi a evacuare poiché l’incendio si è diffuso nel tardo pomeriggio. Dopo l’evacuazione di decine di pazienti ospedalieri, alcuni di loro sono stati caricati su un’imbarcazione nelle prime ore del mattino, mentre altri sono stati portati via in ambulanza. La maggior parte è stata trasferita nella città settentrionale di Kavala.

Nel caos dell’incendio, la polizia di Alessandropoli ha dichiarato martedì sera di aver arrestato il proprietario di un camion che aveva rinchiuso 13 migranti nel rimorchio del veicolo. Un video Nella puntata del giorno prima sui social aveva maledetto e deriso gli immigrati, tutti di nazionalità siriana e pakistana.

L’uomo, identificato solo come “cittadino straniero”, è stato arrestato insieme a due greci che si ritiene abbiano “partecipato all’incidente”, ha detto la polizia. In un video che circola sui social media greci, si vede un uomo aprire la portiera del rimorchio di un camion, mentre i volti terrorizzati di un gruppo di migranti appaiono illesi.

“Ci bruceranno, ci bruceranno”, si sente dire l’uomo. “Venticinque pezzi”, dice in modo biascicato.

Non è chiaro a cosa si riferiscano i “pezzi”, e un altro video pubblicato martedì sui social media mostra un uomo con una voce simile, che mostra dispositivi incendiari improvvisati nei boschi, suggerendo che i migranti li abbiano piantati lì. Può essere sentito dire: “Guarda cosa hanno fatto”. “Ci bruceranno.”

L’uomo, identificato dalla polizia come “cittadino straniero”, è stato arrestato insieme a due greci ritenuti “partecipanti all’incidente”.

All’inizio dell’estate, gli incendi hanno devastato le destinazioni turistiche di Corfù, Eubea e Rodi. Un incendio a Rodi ha portato ad evacuazioni di massa, con migliaia di turisti che si affrettavano ad andarsene.

Lunedì, le autorità hanno collegato altre due morti all’incendio dopo che il corpo carbonizzato di un pastore è stato trovato nella regione centrale della Beozia e i resti di un uomo ritenuto un colono sono stati trovati a Lefkimmi, vicino ad Alessandropoli.