Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I medici temono che il 70% dei residenti di Shanghai possa essere infettato dal virus Corona

Un medico senior in uno dei più grandi ospedali di Shanghai sta lanciando l’allarme per l’aumento dei casi di COVID-19 in Cina, con una stima che fino al 70% della popolazione della città sia stata infettata.

Chen Erzhen, vicepresidente dell’ospedale Ruijin e membro del comitato consultivo di esperti COVID di Shanghai, stima che almeno il 70% dei 25 milioni di residenti della megalopoli sia stato infettato. Dopo aver allentato le politiche “COVID-free” del Paese.

Ha detto a Dajiangdong Studio, che è di proprietà del Quotidiano del popolo gestito dallo stato.

Di conseguenza, ha avvertito, gli ospedali in Cina sono sotto forte pressione.

Erzin ha detto che il suo ospedale ha visto l’incredibile cifra di 1.600 casi di emergenza ogni giorno – il doppio rispetto a prima che le restrizioni fossero revocate – con otto pazienti su 10 con coronavirus.

“Ogni giorno arrivano in ospedale più di 100 ambulanze”, ha detto il medico, aggiungendo che la metà di loro sono pazienti ad alto rischio di età superiore ai 65 anni.

Si ritiene che la maggior parte dei 25 milioni di abitanti della megalopoli abbia contratto il coronavirus.
AFP tramite Getty Images

Scatti realistici È stato girato lunedì all’ospedale di Zhongshang A Shanghai, i pazienti vengono mostrati sdraiati sui letti fuori dall’ingresso di un pronto soccorso mentre lottano per far fronte a un’ondata di infezioni da COVID-19.

Anche altri ospedali cinesi lo erano Sono stati costretti a respingere ambulanze e pazienti gravemente malati.

Pronto soccorso nelle città più piccole e nei paesi al di fuori di Pechino Brulicante di pazientisu panchine e sdraiati per terra per mancanza di letti.

Anche le case di condoglianze sono sull’orlo. Numerosi video condivisi online mostrano enormi code fuori da varie pompe funebri cinesi mentre le famiglie cercano disperatamente di prenotare appuntamenti per i crematori.

I parenti aspettano fuori dalla Yinheyuan Funeral Home a Guangzhou lo scorso giovedì per Radio Free Asia che hanno dovuto lasciare a casa il corpo di un familiare deceduto per mettersi in fila, perché l’impresa di pompe funebri non poteva essere raggiunta telefonicamente.

Altri filmati della Babaoshan Funeral Home di Pechino mostrano file di auto con la scritta “Jing Funeral” in attesa davanti a un ingresso.

Le pompe funebri sono state costrette a condurre cremazioni 24 ore al giorno per tenere il passo con l’aumento della domanda, Lo riferisce Radio Free Asia.

Cina bruscamente ritirato I suoi severi controlli “zero COVID” il 7 dicembre – senza abbandonare del tutto ufficialmente la politica – sulla scia di proteste diffuse.

Le manifestazioni rappresentano la più grande manifestazione pubblica di opposizione contro il Partito Comunista al potere in oltre 30 anni.

Ospedale di Shangai
Le infezioni potrebbero aumentare poiché molte persone pianificano di tornare a casa in zone più rurali del paese per celebrare il capodanno lunare alla fine di questo mese.
AFP tramite Getty Images

Secondo le rigidissime regole, un solo caso positivo potrebbe portare a un lockdown diffuso e prolungato di intere città.

I funzionari hanno anche eretto enormi barriere e recinzioni attorno a interi quartieri per prevenire la diffusione del virus.

I residenti che risultano positivi al test per COVID-19 possono anche essere costretti a entrare in una struttura di quarantena controllata dal governo.

Con l’inversione della situazione zero-COVID e la diffusione della variante Omicron, si prevede che le infezioni a Shanghai, la città più grande della Cina, raggiungeranno il picco all’inizio di quest’anno.

Funzionari sanitari cinesi hanno indicato che altre grandi città come Pechino, Tianjin, Chongqing e Guangzhou hanno già visto i loro picchi.

Shangai
Shanghai è stata bloccata per due mesi ad aprile, quando le infezioni da coronavirus stavano aumentando, costringendo i residenti alla disperata ricerca di rifornimenti a rimanere in casa.
AFP tramite Getty Images

I funzionari cinesi hanno anche avvertito che un’ondata potrebbe colpire più aree rurali poiché milioni di persone hanno in programma di tornare nelle loro città natale per le celebrazioni del capodanno lunare di una settimana che iniziano il 22 gennaio.

Jiao Yahui, un funzionario della Commissione sanitaria nazionale, ha affermato che la vacanza sarebbe stata una “grande sfida” perché le persone non erano tornate a casa per festeggiare da prima della pandemia.

“Ciò che ci preoccupa di più è che negli ultimi tre anni nessuno è tornato a casa per festeggiare il capodanno lunare, ma quest’anno finalmente ci sono riusciti”, ha detto Jiao.

La Cina ha ritirato la sua rigorosa politica “zero COVID” a dicembre.
Reuters

Di conseguenza, potrebbe esserci un’ondata di rappresaglia di residenti urbani nelle campagne per visitare i loro parenti, quindi siamo più preoccupati per l’epidemia nelle zone rurali.

Più di una dozzina di paesi hanno imposto requisiti di test COVID ai passeggeri in arrivo dalla Cina, inclusi gli Stati Uniti, che attueranno la regola a partire dal 5 gennaio.

con filo

READ  Ucraina: Severodonetsk "totalmente sotto occupazione russa"