Luglio 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il campo di Alex DeBrinkat risponde alla colpa per la mancanza di scambi: “Questo è il lavoro di GM”

Il campo di Alex DeBrinkat risponde alla colpa per la mancanza di scambi: “Questo è il lavoro di GM”

Nelle ultime settimane, il campo di Alex DeBrinat è stato costantemente silenzioso mentre giravano voci sul suo futuro a Ottawa.

Ma lunedì sera, l’agente di DeBrincat, Jeff Jackson, ha voluto parlare di una storia che stava prendendo piede.

Dopo Titolo postmedia Affermando che “il contratto di Alex DeBrincat richiede un blocco commerciale dai senatori di Ottawa”, Jackson ha definito il rapporto “completamente falso e indegno” in un messaggio di testo a l’atleta.

Jackson voleva chiarire le circostanze che circondano il suo cliente, che crede siano state caratterizzate male nei recenti resoconti dei media.

“Per quanto mi è stato consigliato, non c’è stato alcun accordo su un vero e proprio commercio in cui Alex sarebbe stato coinvolto, e lo chiederei prima di avviare trattative effettive”, ha scritto Jackson. “Stiamo aspettando pazientemente che ciò accada”.

E quando è arrivata l’idea che DeBrincat e il suo agente fungessero da cuscinetto per il commercio di cecchini da Ottawa, Jackson era molto concentrato nella sua valutazione della situazione.

“Agenti e giocatori non fanno accordi… questo è il lavoro del GM”, ha scritto Jackson.

DeBrincat non mantiene una clausola di non scambio nel suo contratto, quindi tecnicamente i senatori hanno il diritto di mandarlo in qualsiasi club della NHL, senza chiedere l’approvazione di DeBrincat.

Tuttavia, poiché sta entrando nella sua ultima stagione da free agent limitato, il valore di DeBrincat è alquanto limitato a questo punto. Se i senatori possono mettere in atto un’opzione di firma e scambio per DeBrincat, ciò consentirà loro di massimizzare il loro ritorno. Ma se lo scambiano con solo un anno rimasto sul suo contratto, il loro ritorno sarà mitigato.

“Ovviamente la squadra ti darà di più se saprà che lo tiene da più di un anno”, ha detto la scorsa settimana il direttore generale dei senatori Pierre Dorion. “Quindi nel nostro caso, sì, sarebbe perfetto.”

READ  Cedette Adalberto Mondesi ai Red Sox

La situazione di stallo tra Debrinkat ei senatori ha attraversato due importanti punti di pressione. Il primo è stato il Draft NHL della scorsa settimana a Nashville, dove Dorion sembrava frustrato da alcune delle offerte che ha ricevuto per il due volte esterno da 40 gol.

“Non lo scambieremmo per pochi centesimi sul dollaro”, ha detto Dorion il 28 giugno. “Riteniamo che sia davvero una buona risorsa”.

Dorion sperava che si sarebbe creato un secondo punto di pressione con l’apertura del periodo di free agency il 1° luglio. Se le squadre decidono di aiutare a segnare touchdown tramite il mercato dei free agent, Dorion era ottimista, alcuni potrebbero tornare per discutere di DeBrincat.

Dorion ha aggiunto il 28 giugno: “Entro il 1 luglio, penso che avremo una buona idea. Forse le squadre che non sono presenti possono entrare se prendono di mira giocatori che non hanno acquisito”.

Ma il 1 luglio è arrivato e passato, senza offerte significative sul tavolo di DeBrincat.

“Niente di nuovo su Alex DeBrinkat”, ha detto Dorion ai giornalisti durante il suo briefing con i media del 1 luglio a Ottawa, anche se ha detto che c’erano “vari gradi di interesse” per l’ala.

Ora entrambe le parti stanno aspettando un terzo punto di pressione all’orizzonte sotto forma di un’udienza arbitrale che sarà probabilmente programmata per fine luglio o inizio agosto. Sabato, Dorion ha ammesso: “Quando arriva il periodo di arbitrato, dobbiamo prendere una decisione”.

Un’opzione proposta da Dorion era l’idea che DeBrincat potesse tornare a giocare la prossima stagione con i Senatori. Una cosa che Dorion ha chiarito è che DeBrincat non ha chiamato Ottawa durante una riunione di uscita con la direzione al termine della stagione regolare. Quindi sembra che non abbiamo raggiunto un punto in cui ci sono differenze inconciliabili tra le due parti.

READ  Liverpool: perché i fan hanno fischiato l'inno nazionale ad Anfield per l'incoronazione di re Carlo

“Ci ha chiarito che non avrebbe firmato qui a lungo termine. Ciò non significa che non avrebbe firmato a breve termine”, ha detto Dorion sabato.

In questo scenario, DeBrincat tornerebbe a Ottawa in autunno con un contratto di un anno. I termini di quel contratto di un anno possono essere redatti attraverso un processo di arbitrato. Se Ottawa vince la causa, c’è la possibilità che un arbitro indipendente possa assegnargli un contratto per la stagione 2023-24 del valore di 7,65 milioni di dollari, in calo del 15% rispetto ai 9 milioni di dollari che avrebbe dovuto offrire.

E mentre quella sarebbe una vittoria per i senatori, eliminerebbe anche efficacemente un’opzione sign-and-trade per DeBrincat fuori da Ottawa. Una volta che DeBrincat accetta un contratto di un anno, sia in trattative che in arbitrato, non può firmare un’estensione del contratto per la stagione 2024-25 e oltre fino a dopo il 1 gennaio 2024.

I senatori dovranno quindi spingere la situazione di DeBrincat a un quarto, e molto più spaventoso, punto di pressione alla scadenza commerciale della prossima stagione. Se sono nel bel mezzo di una corsa ai playoff della Eastern Conference, potrebbero avere difficoltà a giustificare lo scambio di un giocatore della statura di DeBrincat, soprattutto se si sta godendo la sua stagione di rimbalzo. E se lo scambiano, potrebbero ottenere solo il puro valore dell’affitto alla scadenza dello scambio.

La scadenza commerciale della prossima stagione sarà il 1 marzo 2024, il che significa che DeBrincat sarà in grado di vedere il traguardo in free agency senza restrizioni con soli quattro mesi di anticipo. Potrebbe essere più reticente a firmare una proroga a lungo termine a quel punto, scegliendo di aspettare fino al 1 luglio 2024, per scegliere la sua destinazione preferita.

READ  Perché Pablo Sandoval sta cercando di tornare in MLB nell'allenamento primaverile dei Giants - NBC Sports Bay Area e California

Ogni giorno che passa, la leva sta oscillando sempre di più nel campo di DeBrincat mentre vira verso il libero arbitrio senza restrizioni. Quel potere si trasferirà davvero a DeBrincat dopo il processo arbitrale.

Dorion e i senatori non vorranno seguire la strada incerta di guardare la loro ala stella potenzialmente uscire dalla porta senza nulla a cui tornare la prossima estate. Ed è possibile che non voglia ripetere il processo che ha affrontato con Mark Stone durante la stagione 2018-19, concludendo finalmente un accordo con Las Vegas pochi minuti prima della scadenza commerciale.

Ciò rende un’udienza arbitrale nelle prossime settimane il catalizzatore più probabile per una risoluzione nella saga di DeBrincat a Ottawa. Abbiamo assistito a una situazione simile tra Matthew Tkachuk e i Calgary Flames la scorsa estate prima di concludere un massiccio accordo con i Florida Panthers a fine luglio.

Affinché ciò accada per Debrinkat e i senatori, entrambe le parti dovranno probabilmente fare un respiro profondo, fermarsi e trovare un partner commerciale adatto ad un certo punto nelle prossime due settimane.

(Foto: David Kirouac/Icon Sportswire tramite Getty Images)