Maggio 22, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il concetto di propulsione radicale della NASA potrebbe raggiungere lo spazio interstellare in meno di 5 anni: ScienceAlert

Il concetto di propulsione radicale della NASA potrebbe raggiungere lo spazio interstellare in meno di 5 anni: ScienceAlert

Il sistema di propulsione appena proposto potrebbe teoricamente inviare un veicolo spaziale pesante fuori dai confini del nostro sistema solare in appena 5 anni, un’impresa che la storica sonda Voyager 1 ha impiegato 35 anni per raggiungere.

concetto noto come propulsione “beam pellet”ha ricevuto una sovvenzione anticipata della NASA di $ 175.000 per ulteriori sviluppi all’inizio di quest’anno.

Per essere chiari, il concetto attualmente non esiste al di là dei calcoli sulla carta, quindi non possiamo ancora essere troppo entusiasti.

Tuttavia, ha attirato l’attenzione non solo per la sua capacità di portarci nello spazio interstellare durante una vita umana, qualcosa di simile ai razzi convenzionali alimentati da sostanze chimiche. Non posso – ma anche perché afferma di poterlo fare con imbarcazioni più grandi della vita.

“Questa proposta esamina una nuova architettura di propulsione per il trasporto rapido di carichi utili pesanti (1 tonnellata e più) attraverso il sistema solare e il mezzo interstellare”, spiega il principale ricercatore dietro la propostaL’ingegnere aeronautico Artur Davuyan dell’Università della California, Los Angeles.

Il concetto di granuli è stato parzialmente ispirato da Trucchi stellari Initiative, che opera sul sistema di propulsione a “vela leggera”. Con l’aiuto di milioni di laser, la minuscola sonda sarà teoricamente in grado di raggiungere la vicina Proxima Centauri in soli 20 anni.

La nuova proposta inizia con un’idea simile – scaricare carburante su un razzo piuttosto che farlo esplodere da uno – ma esamina come spostare oggetti di grandi dimensioni. Dopotutto, una piccola sonda non è necessariamente ciò di cui abbiamo bisogno se un giorno vorremo esplorare o colonizzare noi stessi mondi oltre il nostro sistema solare.

READ  Il più grande radiotelescopio del mondo potrebbe svelare i segreti della materia oscura

Per funzionare, il sistema di propulsione concettuale richiede due veicoli spaziali: uno in orbita nello spazio interstellare e uno in orbita attorno alla Terra.

Il veicolo spaziale in orbita attorno alla Terra lancerà un raggio di minuscole microparticelle al veicolo spaziale interstellare.

Quelle saranno particelle laser riscaldato, Il che porta a dissolverne una parte nel plasma, che accelera ulteriormente i pellet, un processo noto come ablazione laser.

Illustrazione di come funziona il sistema di propulsione a pellet. (Artur Davoyan)

Quei pallini possono raggiungere 120 km/s (75 mph) e ha colpito la vela della navicella interstellare o ha respinto a Il magnete è dentroche aiuta a spingere il veicolo spaziale a velocità enormi che gli consentono di fuggire dall’eliosfera, la bolla di vento solare attorno al nostro sistema solare.

“Usando un raggio di pellet, i pianeti esterni possono essere raggiunti in meno di un anno, 100 unità astronomiche [astronomical unit] in circa 3 anni e lente gravitazionale solare a 500 UA in circa 15 anni,” Lui dice Dafuyan.

Per il contesto, l’AU, che sta per “unità astronomica”, è all’incirca la distanza tra la Terra e il sole, ovvero circa 150 milioni di chilometri (93 milioni di miglia).

La sonda Voyager 1 ha impiegato 35 anni di viaggio per attraversare lo spazio interstellare nel 2012, a una distanza di circa 122 unità astronomiche.

Secondo le attuali proiezioni, un veicolo spaziale a pallini da una tonnellata potrebbe fare lo stesso in meno di 5 anni.

Dafuyan Spiegato da Matt Williams di Universe Today Lo scorso febbraio, il suo team ha adottato un approccio a pellet, piuttosto che utilizzare solo laser come altri progetti di vele, perché il pellet può essere spinto da un laser a energia relativamente bassa.

READ  SpaceX ha lanciato quest'anno 22 satelliti Starlink nella sua 70esima missione

Nelle loro proiezioni attuali, può essere utilizzato solo un raggio laser da 10 mW.

“A differenza di un raggio laser, i grani non divergono così rapidamente, il che ci consente di accelerare veicoli spaziali più pesanti”, Dillo a Davoyan Williams.

“I pellet sono molto più pesanti dei fotoni, trasportano più quantità di moto e possono impartire una forza maggiore a un veicolo spaziale”.

Naturalmente, questa è solo una speculazione per ora. Ma la prima fase della sovvenzione NASA Innovative and Advanced Concepts (NIAC) aiuterebbe.

progetto era Uno su 14 finanziato in questa fase iniziale, e il passo successivo sarà quello di mostrare la prova del concetto utilizzando esperimenti.

“Nello sforzo della Fase 1, dimostreremo la fattibilità del concetto di propulsione proposto conducendo una modellazione dettagliata dei vari sottosistemi dell’architettura di propulsione proposta e conducendo studi pilota proof-of-concept”, dice Davoyan.

Seguiremo da vicino i progressi.