Luglio 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

SpaceX condivide un fantastico video di rientro

SpaceX condivide un fantastico video di rientro

SpaceX continua a stupire con il riutilizzo dell’hardware, questa volta mostrando il duro ambiente in cui le carenature Falcon 9 e Falcon Heavy sopportano di essere restituite e utilizzate per un’altra missione.

SpaceX ha condiviso fantastici filmati di rientro da uno dei due allarmi che hanno volato sul suo ultimo volo Falcon Heavy. Questa è la prima volta che le carenature sono state utilizzate in precedenza nel volo Falcon Heavy. Poco dopo che il secondo stadio si è separato e ha iniziato a bruciare per portare i carichi utili in orbita geostazionaria, le metà della carenatura si sono dispiegate, esponendo i tre veicoli spaziali nello spazio.

Dopo essersi propagate dal secondo stadio, le due metà aerodinamiche si sono spostate verso il loro apogeo (punto più alto) prima di ricominciare il loro viaggio attraverso l’atmosfera terrestre. Questo è il tentativo di recupero più ambizioso mai realizzato, con esplosioni che sfrecciano nell’atmosfera a una velocità 15 volte superiore a quella del suono, secondo SpaceX. Dopo il loro straziante viaggio attraverso l’atmosfera, i Fairings schierano un paracadute e atterrano dolcemente nell’Oceano Atlantico. Si spera che, in futuro, SpaceX condivida un video dalla barca di recupero che mostra le metà della carenatura che brillano nell’atmosfera e creano questa bellissima scia di plasma.

Centrato a più di 1.200 miglia dalla Florida, il suo viaggio più lontano fino ad oggi, la nave di salvataggio Doug, dal nome del membro dell’equipaggio Demo-2 Doug Hurley, era pronta e in attesa di recuperare la nave da crociera dall’oceano. Non sappiamo ancora se metà o entrambe le carenature sono state recuperate, ma quando la nave di recupero tornerà a Port Canaveral, potremo vedere per la prima volta le carenature che hanno reso la migliore rappresentazione delle stelle cadenti mentre volavano nell’atmosfera .

READ  La NASA Voyager 1 torna in vita