Luglio 13, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il corso del conflitto al confine tra Libano e Israele cambierà? | Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Il corso del conflitto al confine tra Libano e Israele cambierà?  |  Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Israele e gli Hezbollah libanesi sono impegnati da settimane in scontri limitati al loro confine, e la situazione sembra intensificarsi gradualmente mentre Tel Aviv continua il suo brutale attacco militare a Gaza in mezzo al crescente costo umano della guerra.

I combattenti di Hezbollah si sono scontrati regolarmente con le forze israeliane da quando Israele ha lanciato i suoi bombardamenti in seguito all’attacco a sorpresa di Hamas il 7 ottobre che ha ucciso circa 1.400 persone in Israele. Più di 8.500 palestinesi, la maggior parte dei quali donne e bambini, furono uccisi negli incessanti bombardamenti israeliani, scatenando proteste in tutto il mondo.

Allora, quali sono gli ultimi sviluppi nei combattimenti al confine tra Israele e Hezbollah, come vanno le cose per Hezbollah in patria e sul campo, qual è il rapporto con l’Iran e cosa verrà dopo?

Quanto sono grandi i combattimenti al confine?

I combattimenti al confine sono gradualmente aumentati nel corso delle settimane, ma non si sono ancora trasformati in una vera e propria guerra.

Inizialmente, le due parti iniziarono a colpirsi a vicenda con colpi di artiglieria, e anche Israele fece intervenire i propri droni.

In uno dei primi episodi con vittime, il giornalista video della Reuters Issam Abdullah, 37 anni, è stato ucciso in un attacco israeliano che ha ferito anche diversi altri giornalisti. Reporter Senza Frontiere ha affermato lunedì che l’attacco è stato intenzionale.

Il numero esatto delle vittime da allora non è chiaro, ma si ritiene che siano state uccise dozzine, la maggior parte dei quali membri di Hezbollah. Anche l’esercito israeliano ha annunciato un certo numero di vittime e diversi civili sono stati uccisi.

Cambiare tattica?

Le scaramucce tra Israele e Hezbollah sono state per lo più limitate nella portata e nella geografia durante le prime tre settimane di combattimenti al confine, e hanno preso di mira in gran parte aree isolate e installazioni militari vicino al confine.

READ  Il leader di Wagner minaccia di ritirarsi da Bakhmut: notizie in diretta sulla guerra russo-ucraina

Ma negli ultimi giorni, entrambe le parti hanno ampliato la portata delle loro operazioni, spostandosi oltre i 2-4 chilometri di confine che avevano osservato in precedenza.

In un reportage dal Libano, Ali Hashem di Al Jazeera ha detto lunedì che Israele sta ora prendendo di mira città a circa 16 chilometri (10 miglia) di profondità nel sud del Libano, mentre Hezbollah e i gruppi armati che sostiene colpiscono obiettivi fino a 14 chilometri di profondità (8,7 miglia). Ha aggiunto che anche in Israele è stato colpito un edificio residenziale.

Vale la pena notare che Hezbollah sta facendo un uso maggiore del suo arsenale. Ha schierato più droni, utilizzato diversi tipi di missili guidati anticarro e solo pochi giorni fa ha iniziato a utilizzare missili terra-aria, uno dei quali ha abbattuto un drone israeliano.

Zeina Khader di Al Jazeera ha affermato nel suo rapporto da Rmeish, nel sud del Libano, che il corso del conflitto sta cambiando.

“Le tattiche usate da Hezbollah si stanno evolvendo”, ha detto.

“Durante le prime tre settimane dell’escalation, Hezbollah ha subito un gran numero di vittime. Da venerdì ha annunciato soltanto l’uccisione di due combattenti. Non è chiaro se questo cambiamento di tattica sia inteso ad evitare pesanti perdite o rappresenti un’escalation del conflitto.

Hezbollah interverrà pienamente?

Hezbollah ha una forte ala militare che si ritiene sia di gran lunga superiore all’esercito libanese. Ma deve fare i conti anche con la politica locale.

READ  La Nuova Zelanda aumenterà temporaneamente l'assunzione di lavoro a causa della carenza

La settimana scorsa, il primo ministro ad interim Najib Mikati ha affermato che stava facendo il suo dovere per impedire che il Libano entrasse in guerra.

Ha aggiunto: “Finora Hezbollah ha gestito la situazione in modo razionale e saggio, e le regole del gioco sono rimaste limitate entro certi limiti”.

Nel frattempo, il Libano affronta una grave crisi economica, peggiorata con l’inizio della guerra, mentre i suoi politici non sono riusciti a eleggere un presidente per un anno.

Quindi, anche se molti libanesi possono provare sentimenti verso i palestinesi, temono anche di essere coinvolti in una nuova guerra. Ciò è particolarmente vero perché molti di loro sono stati testimoni della sanguinosa guerra con Israele nel 2006, nella quale in Libano furono uccise più di 1.200 persone, molte delle quali civili. Durante la guerra furono uccisi anche almeno 165 israeliani.

Ma gli alti funzionari di Hezbollah si sono incontrati con gli alti funzionari di Hamas in Libano dall’inizio del conflitto per discutere della “vittoria globale” su Israele.

Il segretario generale del gruppo, Hassan Nasrallah, ha anticipato un discorso atteso venerdì attraverso brevi clip online, aumentando le aspettative su ciò che potrebbe annunciare e sul suo impatto sui combattimenti.

Sam Heller, analista della Century Foundation con sede a Beirut, ha affermato che Hezbollah probabilmente intensificherà i suoi attacchi alle posizioni israeliane o entrerà a pieno titolo nel conflitto ora che Israele ha lanciato le sue operazioni di terra a Gaza.

L’opposizione interna ad una guerra devastante sarebbe grande, ma allo stesso tempo, credo che non sarebbe sufficiente a limitare o dissuadere completamente Hezbollah dall’agire se il suo intervento fosse di sufficiente importanza per se stesso e per il più ampio asse di resistenza a cui si oppone. appartiene. “È una parte importante”, ha detto Heller ad Al Jazeera.

READ  Le principali compagnie aeree sospendono i voli per Israele dopo l'attacco di Hamas

Oltre a Hezbollah e alle sue fazioni affiliate in Libano, l’asse comprende fazioni politiche e armate in Siria, Iraq e Yemen, oltre a un gruppo di fazioni palestinesi.

Qual è il rapporto tra Iran e Siria?

L’Iran è uno dei principali sostenitori di questo asse di resistenza, che si oppone fermamente a Israele e ai suoi sostenitori occidentali, guidati dagli Stati Uniti. Teheran e Mosca sono i principali sostenitori del presidente siriano Bashar al-Assad, che ha ampiamente represso la ribellione armata nel suo paese.

Teheran ha affermato di non aver avuto alcun ruolo nell’attacco di Hamas, e funzionari americani e israeliani non hanno trovato prove di ciò.

L’Iran ha ripetutamente avvertito che la guerra potrebbe espandersi se Israele continua a prendere di mira i civili a Gaza, e gli Stati Uniti lo hanno accusato di facilitare attacchi ai suoi interessi in Iraq e Siria attraverso agenti, a cui Washington ha risposto con i propri attacchi militari. .

Heller ha affermato che l’Iran avrà un ruolo da svolgere nel modo in cui andranno le cose da qui in avanti, ma i risultati dei suoi sforzi negli ultimi decenni si fanno ora sentire più chiaramente.

“Penso che il contributo più significativo dell’Iran sia quello apportato negli anni precedenti l’ultima guerra a Gaza, ovvero la costruzione di questa infrastruttura regionale e la progettazione dell’asse di resistenza che ora sembra essere riuscito a costringere gli israeliani , almeno in una certa misura.” “Ha limitato le risorse e le tattiche che gli israeliani si stanno preparando a utilizzare a Gaza adesso”, ha detto, riferendosi alle notizie secondo cui Israele ha spostato grandi forze al confine con il Libano, e che è preoccupato dell’apertura di un secondo fronte nel paese. guerra mentre la guerra continua. Combatte a Gaza.