Giugno 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il deputato conservatore Luke Evans afferma di aver denunciato il flash elettronico alla polizia

Il deputato conservatore Luke Evans afferma di aver denunciato il flash elettronico alla polizia
  • Scritto da Kate Whannell
  • Reporter politico

Un deputato conservatore ha affermato di essere uno degli uomini che hanno inviato messaggi espliciti non richiesti in un sospetto complotto di trappola del miele contro Westminster.

Il deputato di Bosworth Luke Evans ha affermato di aver contattato la polizia dopo essere diventato “vittima di cyberflashing e comunicazioni dannose”.

Io ho È stato segnalato Ben 13 uomini hanno ricevuto messaggi sospetti, sollevando problemi di sicurezza.

Si ritiene che tra gli uomini vi siano un ministro e alcuni consiglieri del governo.

Ad alcuni sono state inviate foto di nudo e, secondo quanto riferito, due parlamentari hanno risposto inviando foto di se stessi.

Ciò arriva dopo che il collega deputato conservatore William Wragg si è scusato dopo aver ammesso di aver fornito i numeri di telefono personali di alcuni parlamentari a un uomo su un'app di incontri gay.

La polizia metropolitana ha confermato che “sta conducendo un'indagine a seguito delle segnalazioni secondo cui negli ultimi mesi erano stati inviati numerosi messaggi indesiderati ai parlamentari”.

All'inizio di questa settimana, la polizia del Leicestershire ha dichiarato che stava “indagando su una segnalazione di comunicazioni dannose” inviata loro il mese scorso.

Il signor Evans descrive la propria esperienza in un video su Facebook Egli ha detto: “Un mese fa sono stato vittima di minacce informatiche e comunicazioni dannose.”

Ha detto che la prima serie di messaggi è arrivata quando era con sua moglie e ha ricevuto “una foto aperta su WhatsApp di una foto esplicita di una donna nuda”.

Evans ha detto di aver informato la polizia e il capo del parlamento delle lettere.

“Volevo che fosse privato perché c'è un'indagine di polizia in corso”, ha detto, ma ha aggiunto che negli ultimi giorni è stato “perseguitato dai giornalisti”.

“Sono felice di aver denunciato la questione e di aver segnalato la questione alle autorità e la questione è ora in fase di esame.”

Commenta la foto,

Il deputato conservatore William Wragg ha detto di essere dispiaciuto per aver condiviso i numeri di telefono dei parlamentari con qualcuno su un'app di appuntamenti

Giovedì, il signor Wragg ha ammesso di aver inviato i numeri di alcuni parlamentari a qualcuno che aveva incontrato sul sito di incontri Grindr.

Il rappresentante Hazel Grove ha detto al Times che era “spaventato” perché questa persona “scende a compromessi con me” e “non mi lascia in pace”.

Wragg, che si dimetterà alle prossime elezioni, ha detto di sentirsi “spaventato”, aggiungendo: “Mi dispiace molto che la mia debolezza abbia causato danno ad altri”.

La BBC ha parlato con due persone appartenenti agli ambienti politici che sono state prese di mira dallo spam.

Un ex parlamentare, gay, ha detto di aver ricevuto messaggi da qualcuno che si faceva chiamare “Charlie” che affermava, erroneamente, di aver precedentemente lavorato per il signor Wragg.

L'ex deputato ha spiegato di avere una relazione, ma sono seguiti altri messaggi civettuoli. Dopo che “Charlie” ha inviato una foto esplicita, l'ex parlamentare lo ha bloccato.

Una persona che lavora per un membro del parlamento ha detto alla BBC di aver ricevuto una lettera lo scorso autunno da qualcuno che si faceva chiamare “Abe”.

Il dipendente ha affermato che questa persona affermava di conoscerlo dal lavoro e ha menzionato un evento a cui ha partecipato.

Ma quando ha chiesto di loro si è insospettito e loro hanno risposto con informazioni “chiaramente false”.

Ha detto che li ha ignorati, ma hanno continuato a mandargli messaggi. Ha detto alla BBC di aver appreso cinque o sei mesi dopo che un'altra persona aveva ricevuto messaggi da una persona con lo stesso numero e una foto simile.

Uno dei membri dello staff del parlamentare ha detto che sarebbe “molto sorpreso” se il signor Wragg avesse ottenuto il suo numero, poiché non ricordava di averlo mai incontrato.

Un portavoce della Camera dei Comuni ha affermato che la Camera dei Comuni prende “molto sul serio” la sicurezza e fornisce ai parlamentari e al personale “consulenza su misura” per renderli consapevoli dei rischi online.

Hanno aggiunto: “Incoraggiamo chiunque sia interessato e abbia dubbi a contattare il Dipartimento di Sicurezza Parlamentare”.