Giugno 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il discorso di laurea di uno studente della USC è stato annullato nel mezzo della disputa sull'odio tra Israele e Gaza

Il discorso di laurea di uno studente della USC è stato annullato nel mezzo della disputa sull'odio tra Israele e Gaza

fonte dell'immagine, Asna Tapas

didascalia dell'immagine, Anche Asna Tapas ha accusato l'USC di averla abbandonata

L'Università della California del Sud (USC) ha annullato il discorso di laurea di una studentessa a causa della reazione negativa alla sua attività sui social media contro Israele.

L'USC ha citato “rischi significativi” per la sicurezza del campus nella sua decisione di bloccare l'indirizzo dello studente musulmano.

Ma Asna Tabasum ha detto che l’obiettivo era una “campagna d’odio per mettere a tacere la mia voce”.

La signora Tabasum è la valedictorian del 2024, una studentessa scelta per i suoi alti punteggi accademici e il coinvolgimento nella vita del campus.

La decisione di cancellare il suo discorso è stata presa dopo che la sua attività sui social media era stata definita antisemita. Il dibattito sulla libertà di parola nei campus universitari americani si è intensificato da quando è scoppiata la guerra tra Israele e Gaza lo scorso ottobre.

L'account Instagram della signora Tabassum si collega a un sito web che critica Israele e ne chiede la “totale abolizione”, sostenendo invece una “soluzione a uno Stato… in cui arabi ed ebrei possano vivere insieme”.

Il sito web afferma inoltre che “il sionismo è un'ideologia coloniale-razzista che sostiene un gruppo etnico ebraico costruito sulla terra palestinese”.

Gruppi filo-israeliani hanno chiesto all'università di riconsiderare la sua selezione.

In una dichiarazione di lunedì, la signora Tapas ha anche affermato di essere “scioccata” e “profondamente delusa” dalla decisione dell'università.

“Non sono sorpreso da coloro che cercano di diffondere l'odio. Sono sorpreso che la mia stessa università – la mia casa per quattro anni – mi abbia abbandonato”, ha scritto.

“Annullando il mio discorso, l'USC sta solo temendo e premiando l'odio”, ha detto la signora Tabasum, che ha studiato ingegneria biomedica per protestare contro il genocidio, secondo un profilo sul sito web del college.

La signora Tabassum ha poi dichiarato a CBS News, il partner americano della BBC, che non le erano state presentate prove di timori per la sicurezza.

Ha chiarito su Instagram che non si scuserà per il suo attivismo, ma che è “impegnato per i diritti umani di tutte le persone”.

Andrew Guzman, rettore e vicepresidente senior per gli affari accademici, ha detto lunedì in una e-mail al campus che la decisione era necessaria “per la sicurezza e la protezione del campus” durante l'evento di laurea di 65.000 persone.

“L'intensità del sentimento, alimentata sia dai social media che dal conflitto in corso in Medio Oriente, è cresciuta fino a includere molte voci al di fuori dell'USC e inizialmente è aumentata al punto da creare rischi significativi legati alla sicurezza e ai disagi”, ha affermato Guzman. . ha scritto

Il Council on American-Islamic Relations ha chiesto che la signora Tabazoom venga reintegrata come relatrice e ha criticato l'università, affermando che “non può nascondere la sua decisione codarda dietro una falsa preoccupazione per la sicurezza”.