Febbraio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il partito laburista ritira il suo sostegno al candidato di Rochdale Azhar Ali per i suoi commenti su Israele

Il partito laburista ritira il suo sostegno al candidato di Rochdale Azhar Ali per i suoi commenti su Israele
  • Scritto da Sam Francis
  • Corrispondente politico, BBC News

Commenta la foto,

Azhar Ali si è scusato per i suoi commenti su Israele apparsi sul Daily Mail

Il partito laburista ha “ritirato il suo sostegno” al candidato alle elezioni suppletive di Rochdale Azhar Ali a causa dei commenti che avrebbe fatto durante una riunione.

Il Daily Mail ha pubblicato una registrazione che sembrava mostrare Ali che incolpava i media ebrei per aver alimentato le critiche contro il deputato filo-palestinese del Partito laburista.

Ciò significa che il Labour non avrà un candidato sulla scheda elettorale perché è troppo tardi per sostituirlo. Il signor Ali potrebbe ancora essere eletto deputato indipendente.

È stato contattato per un commento.

I laburisti hanno trascorso giorni a difendere Ali come candidato dopo che il quotidiano Mail on Sunday aveva pubblicato i commenti di Ali, in cui sosteneva che Israele aveva “permesso” l’attacco di Hamas.

Il signor Ali successivamente si è scusato “con i leader ebrei per i miei commenti imperdonabili”.

Lunedì sera, il Daily Mail ha pubblicato una seconda registrazione, presumibilmente di Ali, in cui accusava “membri dei media provenienti da alcuni ghetti” per la sospensione di Andy MacDonald dal partito laburista.

MacDonald è stato sospeso l'anno scorso dopo aver dichiarato: “Non avremo pace finché non avremo giustizia. Fino a quando tutte le persone, israeliani e palestinesi, tra il fiume e il mare, potranno vivere in pacifica libertà”.

La persona presente nella registrazione prosegue dicendo che Israele ha pianificato di “sbarazzarsi di… [Palestinians] Da Gaza” e “sequestrare” la terra.

Sembra anche essere orgoglioso di vietare che le bandiere israeliane siano issate sugli edifici pubblici locali dopo l’attacco mortale degli uomini armati di Hamas del 7 ottobre.

Il coordinatore della campagna nazionale laburista, Pat McFadden, ha detto che Ali è stato sospeso dopo che sono emersi “ulteriori commenti”.

McFadden ha affermato che “il fatto che ci siano circostanze molto rare in cui un partito politico ritira il suo sostegno a un candidato dopo la chiusura delle nomine” dimostra che il leader laburista Sir Keir Starmer era serio nello “sradicare l’antisemitismo dal partito laburista”.

Ritirare il sostegno ad Ali sarebbe un duro colpo per i laburisti, che inizialmente si erano schierati con lui come candidato per assumere la carica di deputato per Rochdale dopo la morte di Sir Tony Lloyd.

È anche improbabile che Ali, consigliere di contea del Lancashire, venga scelto dai laburisti per presentarsi alle prossime elezioni generali.

Commenta la foto,

Azhar Ali ha lanciato la sua campagna per essere il candidato laburista per Rochdale il 7 febbraio, ricevendo il sostegno pubblico da diverse figure di alto profilo tra cui il sindaco di Manchester Andy Burnham.

Un portavoce laburista ha dichiarato: “Keir Starmer ha cambiato il Labour rendendolo irriconoscibile rispetto al partito del 2019… È essenziale che qualsiasi candidato presentato dal Labour rappresenti pienamente i suoi obiettivi e valori”.

Il Partito Laburista ha subito forti pressioni da quando sono emersi i primi commenti di Ali su Israele, con una diffusa condanna da parte dei membri del partito e dei suoi oppositori politici.

Le deputate Lisa Nandy e Anneliese Dodds hanno condotto una campagna per Ali nel collegio elettorale lo scorso fine settimana.

Anche il ministro ombra Nick Thomas-Symonds è stato inviato lunedì mattina per difendere la decisione dei laburisti di sostenere Ali.

Ha detto al programma Today di BBC Radio 4 che i commenti erano “completamente inaccettabili”, ma ha osservato che il signor Ali ha compreso “la gravità dell'offesa causata” e che si è “scusato senza riserve”.

La decisione del Partito Laburista di ritirare il suo sostegno ad Ali aggiungerà un ulteriore livello di incertezza all'esito delle elezioni suppletive di giovedì 29 febbraio.

In corsa ci sono anche l'ex deputato laburista Simon Danchuk, ora candidato del Partito riformista, e George Galloway, del Partito laburista britannico, che sta conducendo una campagna contro la posizione dei laburisti su Gaza. Paul Ellison, imprenditore e attivista locale, rappresenta i conservatori, mentre Ian Donaldson rappresenta i liberaldemocratici.

Il nome di Jay Otten apparirà sulla scheda elettorale del Partito Verde, ma Otten ha annunciato che si sarebbe dimesso dal partito dopo che sono apparsi commenti in cui criticava i palestinesi e l'Islam.

Il professore di sondaggi Sir John Curtis ha dichiarato: “Questa è certamente un’elezione suppletiva più difficile di quanto ci si aspetterebbe, dato che il Labour ha iniziato con un vantaggio di 20 punti anche nel 2019”.

Ha aggiunto che i risultati “dipenderanno da ciò che decideranno gli elettori laburisti: se rimarranno a casa o se decideranno di sostenere il Partito laburista”.

Un portavoce della Campagna contro l'antisemitismo ha affermato che la decisione di ritirare il sostegno è stata “la peggiore mai vista”.

Il portavoce ha aggiunto: “Piuttosto che apparire come una decisione di principio, il ritiro del sostegno del Labour al suo candidato in questa fase avanzata appare appropriatamente come un tentativo fallito di difenderlo”.

“Sir Keir Starmer ha cancellato un libro piuttosto impressionante e ha dato al pubblico motivo di dubitare della serietà della sua promessa di sradicare l’antisemitismo dal Partito Laburista”.

Il primo ministro Rishi Sunak ha accusato il partito laburista di ritirare il suo sostegno ad Ali solo a causa di “un’enorme pressione mediatica”.

“Questo è senza principi”, ha detto Sunak.

Negli ultimi mesi, il Labour ha sospeso due dei suoi parlamentari per commenti legati al conflitto, tra cui McDonald.

A gennaio, Kate Osamor ha rimosso il capo del partito dopo aver affermato che Gaza dovrebbe essere ricordata come un genocidio in un post sul Giorno della Memoria dell’Olocausto.

Israele ha dichiarato guerra ad Hamas dopo che il gruppo ha condotto un attacco contro le comunità all'interno di Israele, uccidendo più di 1.200 persone.

Da allora, secondo il Ministero della Sanità gestito da Hamas, almeno 28.340 palestinesi sono stati uccisi e quasi altri 68.000 feriti quando Israele ha lanciato missili e operazioni di terra nella Striscia di Gaza come rappresaglia.

READ  Cronaca: Generale russo Oleg Tsukov, "liquidato" da un missile Storm Shadow in Ucraina